bari-ternana. <span>Foto ssc bari</span>
bari-ternana. Foto ssc bari
Calcio

La grande vittoria che mancava. Il campionato del Bari inizia adesso

I biancorossi escono dalla sfida alla Ternana con il primo successo in un big match e con rinnovate certezze

Elezioni Regionali 2020
Mancava la vittoria in un big match ed è arrivata. Il Bari fa un ulteriore passo avanti nel suo percorso di crescita, e il successo per 2-0 al San Nicola contro la (ormai ex) capolista Ternana certifica il ritorno in piena salute dei biancorossi, finalmente vogliosi di fare la voce grossa nel girone C di serie C. Terza vittoria consecutiva per i galletti, completamente rigenerati dalla cura Vivarini: in appena 20 giorni di lavoro il tecnico abruzzese ha rivoltato la squadra come un calzino, portandola a un rendimento in linea con aspettative e investimenti estivi.

Vivarini ha cambiato tutto senza - di fatto - cambiare nulla. L'assetto con il 3-5-2 è quello visto anche nella fase finale della precedente gestione; diversi sono applicazione e atteggiamento della squadra, la forza tecnica e mentale di un gruppo rimessosi in pari anche dal punto di vista atletico. Il timbro di qualità su questo nuovo Bari ce lo mette una ripresa in cui i pugliesi sono stati padroni del campo, mettendo museruola e guinzaglio a una Ternana che, prima di scendere in campo al San Nicola, lontano da casa aveva sempre vinto. Eppure il primo tempo non era stato dei migliori: partita spigolosa, nervi a fior di pelle, poco calcio e tanti calci. L'importanza della sfida si faceva sentire per entrambe le squadre, a caccia di una vittoria di prestigio, più importante per il morale che per una classifica che a metà ottobre dice tutto e dice nulla.

Bravo il Bari a rientrare in campo per la ripresa con un altro piglio, come il tiro potente ma centrale di Simeri a 2' di orologio già lascia intendere. Poi il resto lo fa la capacità della squadra di volgere a proprio favore gli episodi, di legittimare la vittoria con una prestazione di cinismo e qualità dosati in parti eguali, dando la costante impressione di poter vincere la partita in qualsiasi momento. La sblocca Hamlili con un tiro di rara potenza e precisione, mettendo finalmente il nome di un centrocampista nel tabellino stagionale delle marcature biancorosse; lui, che con il goal non ha mai avuto un gran feeling. La chiude Sabbione, difensore che invece ha preso un bel ritmo anche in zona goal (sono già tre per lui, quanti Simeri, Ferrari e D'Ursi messi insieme).

Per una domenica Antenucci si prende una pausa dal goal, offrendo la solita ottima prova in coppia con Simeri. Chi, invece, dà continuità alle prestazioni è la difesa, o meglio l'intera organizzazione difensiva. Sabbione-Di Cesare-Perrotta non prendono goal per la terza partita di fila, la Ternana arriva al tiro in porta solo una volta con Ferrante, e l'occasione più ghiotta di tutta la partita le "fere" la hanno con il tentativo goffo di autorete di Scavone, disinnescato da Frattali (ma si era già sul 2-0).

Ma, a proposito di continuità, la fotografia del nuovo Bari di Vivarini sta tutta in un calciatore: il Pippo Costa bloccato e spaurito di un mese fa ha lasciato il posto a una locomotiva sulla fascia sinistra. L'ex Spal mette i cross per entrambi i goal baresi, oltre a un'infinità di palle in area e di dialoghi con Antenucci e Simeri che più di un sudore freddo fanno venire a Iannarilli. «Gli ho chiesto di giocare da ala», ha spiegato Vivarini nel post, facendo la radiografia alla prestazione di "Pippo gufetto", che ha tenuto bloccato in difesa il terzino umbro Parodi andando di fatto ad agire come terzo attaccante di sinistra.

Insomma, il Bari inizia a girare. La vittoria contro la temibile Ternana regala il primo, vero, successo pesante ai biancorossi. Certo, importanti sono stati anche i successi contro Picerno e Cavese (e alla luce dell'attuale classifica attuale bisogna rivalutare anche il pari col Monopoli), ma questa vittoria in particolare può essere la miccia giusta per iniziare un nuovo campionato, a soli 3 punti dal Potenza capolista. La Ternana ha aperto un mini-ciclo di partite che possono dire tanto su ambizioni e possibilità di questo Bari, ora chiamato a superare i delicati test Avellino, Catanzaro e Catania. Ma adesso, a differenza di prima, la sensazione è che i biancorossi possano davvero fare bottino pieno.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
SSC Bari, il monito del tifo organizzato: «Serve programmazione» SSC Bari, il monito del tifo organizzato: «Serve programmazione» All'esterno dello stadio San Nicola è apparso uno striscione con un messaggio chiaro dei Re David
SSC Bari, Laribi ai saluti: «C'è amarezza, qui sono stato a casa» SSC Bari, Laribi ai saluti: «C'è amarezza, qui sono stato a casa» Il trequartista lascia un messaggio su Instagram: «Questa piazza ha creduto in me, cercavamo rivincite»
SSC Bari, tegola Simeri: infrazione del metatarso e interessamento dei legamenti SSC Bari, tegola Simeri: infrazione del metatarso e interessamento dei legamenti Gli esami strumentali sul calciatore biancorosso hanno evidenziato gli esiti del trauma distorsivo alla caviglia
SSC Bari, Di Cesare: «Delusione brucerà anche fra 10 anni». Simeri: «Sogno spezzato dopo 4'» SSC Bari, Di Cesare: «Delusione brucerà anche fra 10 anni». Simeri: «Sogno spezzato dopo 4'» Il capitano: «Con i tifosi a sostenerci sarebbe stato diverso». L'attaccante: «Il calcio oggi dà, domani toglie»
SSC Bari, Antenucci sui social: «Grande delusione, ma si riparte con ancora più carica» SSC Bari, Antenucci sui social: «Grande delusione, ma si riparte con ancora più carica» Il bomber dei biancorossi affida a Instagram il suo pensiero: «Sono arrivato qui con entusiasmo, sono certo di aver fatto la cosa giusta»
SSC Bari, la lettera di De Laurentiis ai tifosi: «Vostra delusione è la mia» SSC Bari, la lettera di De Laurentiis ai tifosi: «Vostra delusione è la mia» Il presidente all'indomani della sconfitta in finale playoff: «Siamo pronti a ripartire per inseguire il nostro sogno»
SSC Bari, tegola Simeri: previsti esami strumentali alla caviglia SSC Bari, tegola Simeri: previsti esami strumentali alla caviglia L'attaccante biancorosso è uscito dopo 7' dalla finale playoff per infortunio
Per il Bari una stagione di occasioni perse, ora imparare dagli errori diventa un obbligo Per il Bari una stagione di occasioni perse, ora imparare dagli errori diventa un obbligo In serie B va la Reggiana, dopo una finale dominata. Biancorossi che devono ripartire per programmare il futuro
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.