medicinali
medicinali
Servizi sociali

Ventitré mila euro di medicinali da Bari a Leopoli, i tir arrivati a destinazione

La accolta avviata dall'assessorato al Welfare, hanno viaggiato con mezzi messi a disposizione dalla Protezione civile e dall’Ufficio di Gabinetto della Regione

Si è conclusa la prima fase di raccolta straordinaria dei farmaci promossa dall'assessorato al Welfare per sostenere la popolazione ucraina. Il carico di medicinali è, infatti, giunto a Leopoli nei giorni scorsi grazie al trasporto effettuato dai tir messi a disposizione dalla Protezione civile e dall'Ufficio di Gabinetto della Regione Puglia.

Assieme ad altri beni di prima necessità, in Ucraina sono stati inviati kit farmaceutici del valore di 23mila euro (tra quelli da 20, 15 e 5 euro) grazie alla collaborazione di 39 farmacie diffuse su tutto il territorio cittadino, che hanno consentito di portare a termine la raccolta e, al contempo, partecipato all'iniziativa solidale con delle donazioni.

Proseguono, invece, le attività di raccolta straordinaria presso le farmacie che collaborano con l'Emporio della Salute, il servizio socio-assistenziale realizzato dal Comune di Bari-assessorato al Welfare in collaborazione con Federfarma, Fondazione Banco Farmaceutico onlus, Ordine Interprovinciale dei Farmacisti Bari - Bat, Caritas diocesana Bari-Bitonto e associazione Rogazionisti Cristo Re onlus: l'iniziativa è finalizzata a distribuire i farmaci a quanti si trovano in situazione di vulnerabilità e, in questo determinato periodo, ai profughi ucraini che necessitano di terapie farmacologiche.

"Siamo felici di comunicare ai cittadini che il carico straordinario di farmaci promosso dal Comune di Bari in rete con Federfarma e l'Ordine dei farmacisti è arrivato in questi giorni a Leopoli - commenta l'assessora al Welfare Francesca Bottalico -. Siamo riusciti a raccogliere circa una tonnellata di medicinali, selezionati e organizzati grazie alla preziosa collaborazione delle farmacie che hanno aderito all'iniziativa. All'interno dei tir i kit sono stati predisposti su pedane in base alla scadenza e alla tipologia dei medicinali, in maniera da poter essere smistati più facilmente al fronte. Perciò desidero ringraziare ancora una volta i cittadini e le cittadine baresi, che hanno mostrato la loro generosità e il loro spirito solidale, e naturalmente, le associazioni e organizzazioni di volontariato e del privato sociale con le quali stiamo potenziando le attività di accoglienza e sostegno rivolte a tutti i migranti e i profughi provenienti da Paesi in guerra e povertà, che continuiamo a supportare come sempre. È un momento molto complesso, le strutture di accoglienza sono piene e gli uffici del Welfare, attualmente sotto organico, sono sottoposti a una grande pressione con richieste che crescono di giorno in giorno. Negli ultimi giorni si sta affacciando anche chi è arrivato da poco per effettuare il ricongiungimento con la propria famiglia o chi, accolto da famiglie baresi, cerca altre forme di accoglienza o servizi supplementari. Ma nonostante le diverse questioni affrontate dall'assessorato su molteplici fronti, continueremo a fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità, nella speranza che questa guerra, come tutti i conflitti in corso, possa cessare al più presto".

"Desidero esprimere un sentito ringraziamento - sottolinea il presidente di Federfarma Puglia Francesco Fullone - a tutti coloro che hanno generosamente contribuito a cercare di alleviare la grande sofferenza del popolo ucraino: i cittadini baresi, l'assessorato al Welfare e le farmacie che hanno svolto, insieme alla distribuzione intermedia del farmaco, il ruolo di collettori attivi delle donazioni popolari, oltre ad aver devoluto kit di farmaci e medicazioni con la solita disponibilità e sensibilità rispetto al dramma in corso in questi ultimi mesi".

"Esprimo il mio più vivo compiacimento per il buon esito dell'iniziativa lodevolmente promossa dall'assessora Bottalico - dichiara il presidente dell'Ordine dei farmacisti Bari-Bat Luigi D'Ambrosio Lettieri -. Farmacisti e farmacie, anche in questa occasione, hanno svolto con tempestivo impegno un ruolo fondamentale per consentire la raccolta dei medicinali necessari per questa importante azione umanitaria, registrando la generosa disponibilità della comunità locale".
  • Guerra
Altri contenuti a tema
Emergenza Ucraina, pubblicati elenchi di interpreti e mediatori culturali Emergenza Ucraina, pubblicati elenchi di interpreti e mediatori culturali Figure che faciliteranno l'accesso dei profughi agli sportelli di accoglienza dell'assessorato al Welfare
Emergenza Ucraina, ecco come contribuire per un aiuto ai profughi Emergenza Ucraina, ecco come contribuire per un aiuto ai profughi Pubblicate tutte le informazioni sul sito istituzionale del Comune di Bari
Da Bari all'Ucraina per salvare otto bimbi e 4 adulti, missione compiuta Da Bari all'Ucraina per salvare otto bimbi e 4 adulti, missione compiuta Quattro dei piccoli hanno bisogno di cure e sono stati ricoverati al Giovanni XXIII
Emergenza Ucraina, a Bari si cercano strutture ricettive per accogliere i profughi Emergenza Ucraina, a Bari si cercano strutture ricettive per accogliere i profughi Online l'avviso pubblico dopo l'accordo quadro tra Regione Puglia e le associazioni di categoria
Profughi dall'Ucraina, il Miulli attiva ambulatorio per assistenza specialistica Profughi dall'Ucraina, il Miulli attiva ambulatorio per assistenza specialistica Sarà aperto ogni martedì, dalle ore 14:00 alle 17:00, all’interno del poliambulatorio al piano 0 e nell’ambulatorio di pediatria al piano 4
Accoglienza profughi ucraini, accordo Caritas-Prefettura Accoglienza profughi ucraini, accordo Caritas-Prefettura Resi disponibili altri 25 posti, accolte al momento 51 persone
Due tir di beni di prima necessità da Bari all'Ucraina grazie ad In.Con.Tra Due tir di beni di prima necessità da Bari all'Ucraina grazie ad In.Con.Tra Il carico di aiuti arriverà in Polonia e sarà smistato nelle città di Leopoli e Kiev
Ponti di Pace, le iniziative del Comune di Bari per i minori della città e quelli fuggiti dalla guerra Ponti di Pace, le iniziative del Comune di Bari per i minori della città e quelli fuggiti dalla guerra Bottalico: «La narrazione e le immagini del conflitto incidono molto anche sulla vita di noi adulti»
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.