ospedale miulli
ospedale miulli
Enti locali

Tumore al fegato, al Miulli eseguito intervento di chirurgia robotica su paziente 85enne

La delicata operazione è stata condotta dall'equipe medica diretta dal dottor Riccardo Memeo

Una delicata operazione di chirurgia mininvasiva è stata realizzata all'ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti. La tecnica innovativa si è rivelata nuovamente centrale nella cura di un paziente di 85 anni affetto da tumore al fegato. È stata la Chirurgia epatobiliopancreatica dell'ospedale pugliese a eseguire questo delicatissimo intervento chirurgico, che è stato svolto in chirurgia robotica dal dott. Riccardo Memeo, direttore dell'unità di Chirurgia epatobiliopancreatica, affiancato dal dott. Antonio Sardelli della U.O.C. di Anestesia diretta dal dott. Vito Delmonte.

Utilizzando la chirurgia robotica il medico riesce, attraverso l'uso di una consolle, a manovrare strumenti ad altissima precisione che vengono introdotti all'interno dell'addome attraverso incisioni di 1 cm, senza necessità di realizzare la classica incisione addominale. Questa tecnica, che fa parte come la laparoscopica delle "chirurgia mininvasiva", permette di ridurre i tempi di ricovero, il dolore post-operatorio, il rischio di infezioni, di trasfusioni e complicanze, permettendo un rapido ritorno a tutte le attività quotidiane del paziente, aspetto fondamentale soprattutto nei pazienti anziani.

In questi pazienti, infatti, si è scoperto che conta più conta lo stato di salute e il benessere generale rispetto all'età cronologica. L'ottimizzazione dei risultati, permessa grazie all'aiuto di una equipe altamente specializzata di infermieri di sala operatoria e reparto, viene garantito associando alla chirurgia una attenta gestione in reparto, seguendo i più moderni protocolli di assistenza post chirurgica.
riccardo memeo


«La chirurgia robotica del fegato - aggiunge Memeo - è attualmente realizzata in pochissimi centri in Italia, e rappresenta una eccellenza del Miulli, centro di riferimento per il trattamento dei tumori del fegato e pancreas a livello nazionale».

Grazie infatti al coordinamento del Centro di Orientamento Oncologico (C.O.R.O.) diretto dalla dr.ssa Tortora, il lavoro in sinergia con oncologi, radiologi, gastroenterologi, endoscopisti, radiologi interventisti e radioterapisti riusciamo, permette di discutere in riunioni multidisciplinari i casi dei pazienti per identificare il miglior percorso terapeutico. «Lavorare su standard internazionali, rispettando le linee guida nella gestione dei pazienti con tumore, ci ha permesso di realizzare negli ultimi 4 mesi oltre 60 interventi su fegato e pancreas, numeri che pongono il Miulli fra i centri ad "alto volume" di casi per questo tipo di patologie, grazie ad importanti investimenti aziendali nel campo dell'innovazione tecnologica finalizzata al miglioramento della qualità assistenziale per i pazienti. Il nostro obiettivo resta quello di poter offrire ai pazienti la possibilità di farsi curare nella nostra regione, interrompendo i viaggi della speranza verso altre regioni», conclude Memeo.
  • Medicina e prevenzione
Altri contenuti a tema
"Ottobre rosa", a Bari le iniziative di Lilt per la prevenzione del tumore al seno "Ottobre rosa", a Bari le iniziative di Lilt per la prevenzione del tumore al seno Il mese prossimo sarà attiva la mostra “Uno scatto per la vita”, concorso fotografico a tema "La donna amazzone oggi, tra mitologia e realtà"
Borse di studio per le specializzazioni in medicina, sono 650 in Puglia. Record italiano Borse di studio per le specializzazioni in medicina, sono 650 in Puglia. Record italiano Saranno destinate ai laureati a Bari e a Foggia nel 2019-'20. Si registra un incremento del 76 percento rispetto a un anno fa
I musei della Puglia diventano cardioprotetti, in arrivo sette defibrillatori I musei della Puglia diventano cardioprotetti, in arrivo sette defibrillatori La donazione dell'associazione Orizzonti futuri ad altrettanti poli culturali, tra cui il Castello svevo di Bari
Bari, alla Mater Dei intervento di cardiochirurgia su paziente dializzato con endocardite batterica Bari, alla Mater Dei intervento di cardiochirurgia su paziente dializzato con endocardite batterica Operazione riuscita. L'uomo, di 80 anni, è attualmente ricoverato nella terapia intensiva post chirurgica in condizioni stabili
Anche a Bari manifestano i giovani medici: «Rivedere subito il sistema formativo» Anche a Bari manifestano i giovani medici: «Rivedere subito il sistema formativo» Camici bianchi in presidio davanti al Policlinico: «Chiediamo rapporto uno a uno fra lauree e percorsi di specializzazione»
Assistenza telefonica ai cittadini in isolamento, c'è l'accordo Comune di Bari-Ordine dei Medici Assistenza telefonica ai cittadini in isolamento, c'è l'accordo Comune di Bari-Ordine dei Medici Il servizio sarà attivo da domani. Bottalico: «Allarghiamo la rete “professionale” della solidarietà»
Tumore alla colecisti, i ricercatori di Castellana scoprono come bloccare le cellule malate Tumore alla colecisti, i ricercatori di Castellana scoprono come bloccare le cellule malate Pubblicato uno studio relativo alla fase preclinica. Come prima firma compare una giovane precaria
A Bari il farmacologo Carlo Patrono per una Lectio magistralis sugli anticoagulanti A Bari il farmacologo Carlo Patrono per una Lectio magistralis sugli anticoagulanti L'incontro, con diversi esperti del settore, si svolgerà nell'aula magna del Policlinico
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.