Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Truffa un settantenne e si fa dare 8 mila euro, arrestata

Colpevole del raggiro una 33enne barese pregiudicata, ha patteggiato una condanna ad un anno di reclusione ed una multa di trecento euro

Ha truffato un settantenne facendosi consegnare 8 mila euro con scuse e promesse di restituire il denaro. Per questo motivo nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della stazione di Bari Picone hanno arrestato una 33enne barese, pregiudicata, sorpresa in flagranza nell'atto di farsi consegnare una somma di denaro contante da un anziano, nell'ambito di una truffa da lei architettata e protratta per circa un mese.

Tutto ha avuto inizio nei primi giorni di giugno, quando la donna, presentatasi con il nome di fantasia di "Anna", abbordava la sua vittima, individuandola fra gli anziani che passeggiano in solitudine al parco. Qualche sorriso, una passeggiata, due chiacchiere ed un caffè sono bastati a catturare l'attenzione di un uomo come il Sig. M., vedovo settantenne, pensione modesta e una vita dedicata al lavoro nel pubblico impiego. "Anna" già al primo incontro convinceva la vittima a farsi consegnare 100 euro, con la scusa di aveva ricevuto un verbale per il divieto di sosta della sua autovettura.

Gli appuntamenti proseguivano nei giorni successivi, ed ogni volta, dopo le poche chiacchiere scambiate, la donna prospettava situazioni di difficoltà economica cui dover fare fronte, implorando l'aiuto dell'anziano, sempre dietro la promessa di far restituire l'ammontare dell'esborso (che nelle fasi finali aveva raggiunto la somma di circa 8 mila euro) dai suoi facoltosi parenti residenti in Emilia Romagna.

Negli ultimi giorni di giugno, la truffatrice, nonostante la considerevole somma di denaro ottenuta, alzava la posta, iniziando a minacciare l'uomo con il ricatto che se non avesse sborsato altro denaro non avrebbe più visto neppure un centesimo dell'ammontare totale versato. Dopo le prime minacce, il Sig. M. realizzava pian piano di essere stato vittima di un raggiro. Cominciava così a chiedere timidamente la restituzione del denaro versato, ottenendo in risposta solo un progressivo inasprimento dei toni fino al punto che la donna iniziava a minacciare di rendere noti fantomatici rapporti sessuali intrattenuti con l'uomo nella realtà mai avvenuti.

Non riuscendo più ad ottenere agevolmente altro denaro, la donna iniziava a contattare sul cellulare l'anziano, camuffando la voce e interpretando altri personaggi a vario titolo interessati alla vicenda, fra cui un poliziotto ed una zia della ragazza, i quali insistevano nelle richieste di denaro, inventando anche delicate situazioni sanitarie di bisogno di loro parenti. Il 70enne, al culmine della tensione, in difficoltà economica e fortemente provato dalle continue minacce telefoniche ricevute, decideva così di rivolgersi ai carabinieri della stazione di Bari Picone, i quali, dopo aver raccolto la denuncia, la stessa sera traevano in arresto la donna in flagranza di reato, mentre, durante un appuntamento con l'anziano, questa tentava di costringerlo ad un ulteriore versamento di denaro.

Giudicata con rito direttissimo, Maria Campagna (questo il vero nome della donna) patteggiava una condanna ad un anno di reclusione ed una multa di trecento euro.
  • Carabinieri
  • Truffa
Altri contenuti a tema
Tentato omicidio Gesuito, arrestato il boss del clan Montani del San Paolo Tentato omicidio Gesuito, arrestato il boss del clan Montani del San Paolo Il fatto venne consumato nel febbraio 2018, quando la vittima venne gambizzata. La vendetta per la morte del figlio il movente
Poggiorsini, pagavano settanta centesimi all'ora due pastori stranieri. Arrestati Poggiorsini, pagavano settanta centesimi all'ora due pastori stranieri. Arrestati I lavoratori dormivano in un alloggio fatiscente e usavano l'acqua dove si abbeveravano gli animali
Prende a sprangate un cliente dopo una lite, chiuso per sette giorni negozio in piazza Moro Prende a sprangate un cliente dopo una lite, chiuso per sette giorni negozio in piazza Moro Il dispositivo del questore dopo l'arresto operato dai carabinieri lo scorso 16 agosto
Casamassima, sfruttava un pastore nella sua masseria. Arrestato Casamassima, sfruttava un pastore nella sua masseria. Arrestato L'uomo, di origine bengalese, dormiva in un alloggio fatiscente in precarie condizioni igieniche. I carabinieri hanno sospeso l'attività
Sicurezza a Ferragosto, controlli dei carabinieri sulla costa e sulle arterie stradali in Puglia Sicurezza a Ferragosto, controlli dei carabinieri sulla costa e sulle arterie stradali in Puglia Obiettivo garantire una serena giornata ai residenti rimasti nelle città e ai numerosissimi turisti affluiti per le ferie estive.
Casamassima, rubano alcolici dal centro commerciale. Arrestati in due Casamassima, rubano alcolici dal centro commerciale. Arrestati in due I malviventi sono stati sorpresi dai carabinieri dopo la segnalazione del personale di sicurezza. Avevano sottratto merce per 130 euro
Parcheggiatori abusivi nella zona di Torre Quetta, scattano multe e denunce Parcheggiatori abusivi nella zona di Torre Quetta, scattano multe e denunce I carabinieri ne hanno scoperti due, a cui hanno sequestrato la somma di 114 euro. Controlli anche sullo spaccio di droga e sui decreti di restrizione
Putignano, in casa aveva pistole e Kalashnikov. Arrestato 45enne pregiudicato Putignano, in casa aveva pistole e Kalashnikov. Arrestato 45enne pregiudicato I carabinieri sospettano che l'uomo possa essere coinvolto nella rapina al portavalori Ivri di lunedì scorso
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.