Alcuni lavoratori Sirti
Alcuni lavoratori Sirti
Scuola e Lavoro

Sirti conferma i licenziamenti, chiesto un tavolo urgente al Mise

I senatori pugliesi Bellanova e Stefano scrivono al ministro Di Maio: «Necessario tutelare e salvaguardare lavoro e occupazione»

Non è servito a nulla lo sciopero dei dipendenti Sirti anche nello stabilimento di Bari-Modugno, la società è ferma nella volontà di licenziare. Sono 833 i dipendenti che rischisno di rimanere disoccupati in tutta Italia, circa il 23% del totale (a Bari si parla di 55 esuberi su 169). Presentata ufficialmente la richiesta di licenziamento collettivo, per cui ora è una corsa contro il tempo per trovare una soluzione. In un dossier di 25 pagine le motivazioni addotte dalla società tra cui «le perduranti incertezze delle strategie industriali dei grandi operatori di Tlc».

In merito sono intervenuti i senatori pugliesi Teresa Bellanova e Dario Stefano cge hanno richiesto la convocazione immediata di un tavolo al Mise volto a tutelare e salvaguardare lavoro e occupazione.

«Riteniano urgente che il Ministro Di Maio, alla luce di un numero così imponente di esuberi annunciati - affermano i due firmatari della lettera - convochi immediatamente un tavolo al Ministero del Lavoro alla presenza di azienda e rappresentanze sindacali. A tutela e salvaguardia dei lavoratori e dei livelli occupazionali ma anche, contestualmente, per verificare le difficoltà denunciate dall'azienda in merito alle difficili condizioni di mercato e alla situazione finanziaria ingeneratasi. Difficoltà che vanno urgentemente discusse anche alla luce di considerazioni sindacali che dicono come mai in passato Sirti abbia fatto ricorso a procedure di licenziamento collettivo senza prima coinvolgere le parti sociali e, soprattutto, senza prevedere la possibilità di ricorrere ad ammortizzatori sociali non espulsivi».

«Anche alla luce degli ultimi dati sull'occupazione - proseguono i senatori Bellanova e Stefano - qualsiasi ulteriore perdita di posti di lavoro in Puglia e su tutto il territorio nazionale sarebbe un colpo durissimo e devastante. Di Maio se ne occupi immediatamente, se ha veramente a cuore lavoro e occupazione in questo Paese».
  • Sindacati
  • Lavoro e mestieri
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Bari, Sirti sospende i licenziamenti ma prosegue la mobilitazione Bari, Sirti sospende i licenziamenti ma prosegue la mobilitazione Nuovo incontro tra sindacati e azienda previsto per il 21 marzo, obiettivo è "esuberi zero"
Eataly Bari, scongiurata la chiusura. Niente licenziamento collettivo, usciranno in 23 Eataly Bari, scongiurata la chiusura. Niente licenziamento collettivo, usciranno in 23 Trovato l'accordo con i sindacati per l'incentivo all'esodo da parte dei lavoratori che volontariamente lasceranno l'azienda
8 marzo, poco da festeggiare per le donne che lavorano a Bari 8 marzo, poco da festeggiare per le donne che lavorano a Bari Avvilente per il gentil sesso il quadro tracciato da Svimez nell'anticipazione della relazione sul mezzogiorno
"Mi formo & lavoro" seimila nominativi dai Centri per l'impiego "Mi formo & lavoro" seimila nominativi dai Centri per l'impiego Leo: "Nessuna polemica, per ora non ci sono nomi certi e nomi esclusi"
Solo ristorazione per Eataly a Bari, a rischio i posti di lavoro Solo ristorazione per Eataly a Bari, a rischio i posti di lavoro Barbara Neglia (Filcams Cgil): «L'azienda sta studiando un piano incentivante»
Bari, operai Sirti in agitazione, l'azienda vuole licenziarne 833 in tutta Italia Bari, operai Sirti in agitazione, l'azienda vuole licenziarne 833 in tutta Italia Scioperi nei giorni scorsi anche nello stabilimento di Modugno, non è la prima volta che l'azienda è al centro di polemiche legate ai lavoratori
Eataly, a Bari rischiano il posto 65 persone Eataly, a Bari rischiano il posto 65 persone I sindacati martedì avranno un incontro con la proprietà, in vista una ristrutturazione degli spazi
Bosch, a rischio lo stabilimento di Bari? Bosch, a rischio lo stabilimento di Bari? Uilm: «Gli errori politici mettono a repentaglio migliaia di posti di lavoro nel diesel»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.