Il rapimento di Moro
Il rapimento di Moro
Attualità

Seminario a Bari con uno dei fondatori delle Brigate Rosse, scoppia la polemica

Alberto Franceschini risulta tra gli intervistati in un convegno su Moro, il nipote di una vittima: «No a terroristi in cattedra»

Un incontro a Sannicandro di Bari dedicato alla figura di Aldo Moro finisce al centro di una polemica a causa di uno degli ospiti. Tra i partecipanti figura, infatti, l'ex brigatista Alberto Franceschini, fondatore delle Brigate Rosse insieme a Renato Curcio e Margherita Cagol. Franceschini verrà intervistato all'interno di un convegno in cui saranno presenti anche l'on. Gero Grassi, componente della commissione parlamentare d'inchiesta sul caso Moro e il presidente del consiglio regionale Mario Loizzo.

Ma la sua presenza non è passata inosservata e Potito Perruggini, presidente di "Anni di piombo" e nipote del brigadiere Giuseppe Ciotta, ucciso da Prima Linea nel 1977 con tre colpi di pistola, ha voluto dire la sua criticando aspramente la scelta dell'organizzazione di far parlare proprio un ex brigatista.

«È vero che il diritto di parola non deve essere negato a nessuno perché è quello che eleva il nostro stato di esseri umani - sottolinea - Ma è anche vero che non può essere dato in questa maniera a chi è stato uno degli artefici del periodo più buio della nostra Italia, soprattutto se ci saranno dei ragazzi di fronte a lui».

«Quello che si chiede è che non vengano mai più messi su una cattedra a parlare - ribadisce Perruggini - ma in un contesto in cui possano dire fatti che le persone di fronte a loro siano in grado di studiare e riscontrare per ricostruire. Persone come storici o investigatori o giornalisti che quegli anni li hanno sentiti sulla propria pelle».
  • Terrorismo
  • rapimento moro
  • aldo moro
Altri contenuti a tema
Sannicandro, annullato il seminario su Aldo Moro con il fondatore delle BR Sannicandro, annullato il seminario su Aldo Moro con il fondatore delle BR Troppe polemiche piovute sugli organizzatori. Loizzo: «Evitare strumentalizzazione di iniziativa dal contenuto storico»
Salvini su presunto terrorista somalo: "Stretta sui permessi" Salvini su presunto terrorista somalo: "Stretta sui permessi" Il giovane, che minacciava di colpire il Vaticano, è stato ospite dello Sprar e del Ferrhotel
Confermato il fermo del terrorista preso a Bari. Era affiliato all'organizzazione armata Daesh Confermato il fermo del terrorista preso a Bari. Era affiliato all'organizzazione armata Daesh L'uomo sui social inneggiava al martirio e all'attentato di Strasburgo. Nel mirino aveva la Città del Vaticano
Sospetto terrorista fermato a Bari, in chat aveva foto del Vaticano Sospetto terrorista fermato a Bari, in chat aveva foto del Vaticano Il 20enne cittadino somalo ha negato tutto durante l'interrogatorio in carcere
Bari, uomo fermato dalla Digos per terrorismo Bari, uomo fermato dalla Digos per terrorismo La motivazione della misura cautelare il pericolo imminente di fuga
Bari ricorda Aldo Moro a 40 anni dall'omicidio. Decaro: «Ci ha insegnato senso del dovere» Bari ricorda Aldo Moro a 40 anni dall'omicidio. Decaro: «Ci ha insegnato senso del dovere» Lunga mattinata di celebrazioni. Scoperte le targhe nei luoghi simbolici della permanenza in città dello statista
terrorismo, operazione 'Bad Teacher', espulso marocchino 40enne terrorismo, operazione 'Bad Teacher', espulso marocchino 40enne O.M era stretto collaboratore del presidente dell’associazione “Al DAWA” di Foggia, arrestato lo scorso 27 marzo
A Bari un itinerario in memoria di Aldo Moro. Maselli: «Importante ricordare la sua figura» A Bari un itinerario in memoria di Aldo Moro. Maselli: «Importante ricordare la sua figura» Un percorso di cinque tappe nei luoghi più rappresentativi della presenza dello statista in città
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.