test hiv
test hiv
Attualità

San Valentino periodo di prevenzione contro l'Aids. A Bari test salivari gratuiti

Oggi e giovedì 14 febbraio l'iniziativa di Cama Lila a contrasto della diffusione del virus Hiv

In vista della festa di San Valentino, questo pomeriggio e giovedì 14 febbraio, dalle ore 17 alle 20, nella sede di CAMA LILA, in via Castromediano 66, i volontari dell'associazione, in collaborazione con i medici dell'ambulatorio di counselling e screening HIV dell'istituto di Igiene dell'AUO Policlinico di Bari, offriranno il test salivare HIV a risposta rapida, in modo anonimo e gratuito.

Gli appuntamenti rientrano nell'ambito del progetto "Accesso rapido - Interventi per favorire la diagnosi tempestiva dell'infezione da HIV" finanziato dall'assessorato al Welfare ad esito dell'avviso pubblico per promuovere azioni di contrasto alla grave marginalità adulta.

A coloro che vorranno accedere al servizio saranno proposti colloqui di supporto e orientamento su tutti i temi concernenti l'Hiv: prevenzione, salute, diritti, nonché un eventuale accesso "facilitato" ai centri clinici, qualora necessario. Il test viene eseguito da personale formato ed è accompagnato, appunto, da un colloquio di counselling finalizzato alla valutazione dei rischi corsi. Prima di effettuare lo screening si raccomanda di astenersi dal bere, fumare e mangiare per almeno 30 minuti. L'esito del test verrà consegnato 20 minuti dopo la somministrazione.

Se il test risulterà reattivo (ovvero preliminarmente positivo), la persona sarà indirizzata presso un centro specializzato, con un percorso di accesso facilitato, dove potrà eseguire un test di conferma convenzionale ed essere inserito in un programma di cura.

Ad oggi non esiste una cura in grado di guarire dall'Hiv ma, se l'infezione viene diagnosticata precocemente, le terapie antiretrovirali disponibili offrono un'aspettativa di vita paragonabile a quella della popolazione generale. Oltre a sostenere lo stato di salute, le terapie antiretrovirali hanno un'importante funzione preventiva, riducendo la quantità di virus nell'organismo e il rischio che l'Hiv venga trasmesso ad altre persone. Se la terapia è efficace, la quantità di virus è talmente ridotta da eliminare completamente il rischio di trasmissione.

In Italia, però, è altissima e in costante crescita la percentuale di diagnosi tardive: sono molte le persone che non sanno di aver contratto il virus e che si sottopongono al test Hiv in uno stato di salute già debilitato. Si stima, inoltre, che la maggior parte delle infezioni sia trasmessa proprio dalle persone che non sanno di avere l'Hiv e che non adottano alcuna precauzione.

La diagnosi precoce offre, dunque, importanti vantaggi: la possibilità per le persone con Hiv di ricevere adeguate cure, assistenza e sostegno e di prevenire il rischio di trasmissione del virus ad altre persone.

Per ulteriori informazioni: 080 5563269.
accesso rapido
  • Medicina e prevenzione
Altri contenuti a tema
Un camper per prevenire l'Aids. In piazza Ferrarese l'iniziativa di sensibilizzazione Un camper per prevenire l'Aids. In piazza Ferrarese l'iniziativa di sensibilizzazione Domani l'appuntamento con “Open-test, C’ha ditt u’ dottor? Te fa’ u’ test!”. Romano: «Amministrazione aderisce con entusiasmo»
Bari, un caso di Hiv alla settimana. Sabato manifestazione per la prevenzione Bari, un caso di Hiv alla settimana. Sabato manifestazione per la prevenzione L'associazione Link: «Ancora troppo poche le campagne di sensibilizzazione e precauzione»
"Accesso rapido", l'Assessorato al Welfare in prima linea contro l'HIV "Accesso rapido", l'Assessorato al Welfare in prima linea contro l'HIV Parte oggi un progetto che prevede una volta al mese l'esecuzione del test rapido salivare per avere informazioni sull'eventuale contagii
Giornata mondiale della vista, oggi a Bari screening oculistici gratuiti Giornata mondiale della vista, oggi a Bari screening oculistici gratuiti Un'iniziativa dell'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti
Omceo presenta a Bari la campagna contro la violenza sui medici ricordando Paola Labriola Omceo presenta a Bari la campagna contro la violenza sui medici ricordando Paola Labriola Vito Calabrese, il marito della psichiatra scomparsa nel 2013: «Importante ricordare Paola tenendo in vita le domande dentro la sua morte»
Vaccini, medici di Puglia contro il Governo fanno appello alla Regione Vaccini, medici di Puglia contro il Governo fanno appello alla Regione Operatori sanitari pugliesi: «Provvedimento potrebbe vanificare il lavoro svolto per raggiungimento di coperture vaccinali ottimali»
Aggressioni ai medici, giornata dedicata a Paola Labriola e presentazione proposta di legge Aggressioni ai medici, giornata dedicata a Paola Labriola e presentazione proposta di legge Ad organizzare l'evento l'ordine dei medici, appuntamento il prossimo 13 settembre con l'avvio di una raccolta firme
Ordine dei medici: «Pretendiamo sicurezza, dall'omicidio Labriola non è cambiato nulla» Ordine dei medici: «Pretendiamo sicurezza, dall'omicidio Labriola non è cambiato nulla» Dura presa di posizione del consiglio direttivo che chiede la chiusura delle sedi che non garantiscono incolumità a medici e cittadini
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.