Una discarica
Una discarica
Territorio

Rifiuti da Roma alla Puglia, Stea: «Non siamo la discarica della Raggi»

La nostra regione a giugno aveva acconsentito ad aiutare la capitale, ma ora voleva introdurre una sovrattassa bocciata dal ministero

La Puglia contro Virginia Raggi sul tema rifiuti. Dopo che la nostra regione lo scorso giugno aveva aiutato Roma permettendo di far arrivare circa 4500 tonnellate di spazzature in un solo mese, si apre ora un aspro scontro. Il motivo del contendere è una norma inserita nell'ultimo bilancio della Regione Puglia che prevede un sovrapprezzo del 20% sulla tariffa di stoccaggio dei rifiuti provenienti da fuori e che il Ministero dell'Ambiente vuole impugnare di fronte alla consulta.

Ma l'assessore regionale all'Ambiente, Gianni Stea, non ci sta e tuona: «La Puglia non è la discarica della sindaca di Roma, Virginia Raggi».

«Qui non c'entra nulla una nuova tassa né misure atte ad ostacolare la libera circolazione delle cose e delle persone - sottolinea Stea - ma si tratta di un equo compenso di solidarietà a titolo di compensazione e a tutela delle nostre comunità. Infatti la maggiorazione del 20% è destinata alla costituzione di un fondo per il miglioramento ambientale del territorio interessato dai carichi extra di rifiuti. Un provvedimento del resto che è stato votato all'unanimità e quindi anche da 5Stelle pugliesi. Invito il ministro Costa, di cui pure più volte ho apprezzato le iniziative a tutele dell'ambiente, a rinunciare al ricorso davanti alla Consulta che suona esclusivamente come un regalo, a spese dei pugliesi, alla sindaca Raggi per porre rimedio alla sua totale incapacità a far fronte all'emergenza rifiuti che da mesi ormai stringe d'assedio la capitale».

D'altronde non si è poi trattato del solo mese di giugno, nei mesi successivi infatti hanno continuato ad arrivare sul nostro territorio circa 250 tonnellate al giorno di rifiuto trattato, che va direttamente in discarica.

«La nostra Regione ha al primo posto delle politiche in atto la tutela dell'ambiente e si sta lavorando senza sosta per chiudere il ciclo dei rifiuti. Peraltro se - come annunciato dalla Raggi - Roma non vuole discariche, impari a rispettare i cittadini delle altre regioni e smetta questo approccio arrogante e impositorio. La Puglia non è il ricettacolo dell'immondizia che altri - mare di promesse a parte - non sanno o non riescono a smaltire correttamente. Chi ci chiede aiuto metta in conto il contributo al risanamento dei territori interessati. E i grillini pugliesi per una volta almeno facciano sentire la propria voce di dissenso da ordini impartiti dall'alto».
  • Rifiuti
  • ambiente
Altri contenuti a tema
Volontari all'opera a Santo Spirito. Raccolti 79 sacchi di rifiuti sul lungomare Volontari all'opera a Santo Spirito. Raccolti 79 sacchi di rifiuti sul lungomare Si rinnova l'iniziativa spontanea di una quarantina di cittadini, nata su un gruppo di Facebook
Bari, continuano a bruciare i rifiuti nelle campagne Bari, continuano a bruciare i rifiuti nelle campagne I Rangers d'Italia Puglia: «Sversamenti non aumentati, bisogna continuare sulla strada intrapresa»
A Bari gli ingombranti si abbandonano anche nel Porto A Bari gli ingombranti si abbandonano anche nel Porto Una piccola discarica con frigoriferi e lettini al varco Pizzoli, ma anche uno strano giaciglio di fortuna, sotto gli occhi di tutti
Stanic, ancora rifiuti abbandonati in strada Deserto. Intervengono i Rangers Puglia Stanic, ancora rifiuti abbandonati in strada Deserto. Intervengono i Rangers Puglia Già negli scorsi giorni il sito era stato ripulito dai copertoni e altri rifiuti pericolosi grazie all'azione dei volontari
Carbonara, discarica abusiva di materiale edile, scatta il sequestro Carbonara, discarica abusiva di materiale edile, scatta il sequestro L'area di circa mille e cinquecento metri quadri aveva destinazione agricola, denunciato il proprietario
Abbandono rifiuti in corso Vittorio Emanuele. Decaro: «Ristoratori accolgono così i turisti» Abbandono rifiuti in corso Vittorio Emanuele. Decaro: «Ristoratori accolgono così i turisti» Duro sfogo del sindaco che posta il video su Facebook: «Qualche cretino va contro se stesso e tutta la città»
Bari, a Parco Due Giugno acqua putrida e bottiglie nel laghetto Bari, a Parco Due Giugno acqua putrida e bottiglie nel laghetto Una mamma: "Ormai evitiamo di portare i bambini qui per non farli assistere a questo scempio"
A Bari un nuovo regolamento sugli spazi verdi, c'è il sì della giunta A Bari un nuovo regolamento sugli spazi verdi, c'è il sì della giunta Si attende solo l'approvazione in Consiglio comunale del documento redatto con l'ok della Consulta ambiente
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.