bicicletta pioggia
bicicletta pioggia
Attualità

Piedibus, bicibus e carpooling scolastico, il Comune investe sulla mobilità sostenibile

Romano: "Siamo convinti che anche nella nostra città siano maturi i tempi per avviare servizi strutturati di questo tipo"

Il Comune di Bari ci prova e punta alla "co-progettazione e realizzazione di interventi innovativi e sperimentali di servizi di piedibus, bicibus e carpooling scolastico per gli istituti scolastici del Comune di Bari".
Intento dell'amministrazione è quello di definire la progettazione di interventi innovativi e sperimentali al fine di attivare i servizi di piedibus, bicibus e carpooling scolastico per le scuole della città nella misura di 54 scuole primarie per il piedibus, 30 scuole secondarie di I grado per il bicibus e 10 scuole per il carpooling scolastico, da attuarsi in termini di partnership tra il Comune di Bari, il Politecnico di Bari, l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro, l'Amtab ed il soggetto individuato attraverso il bando.
Il servizio di piedibus offre agli alunni delle scuole elementari e medie inferiori una forma alternativa di trasporto scolastico, consistente nell'accompagnare a piedi bambini e ragazzi nel tragitto casa scuola. Allo stesso modo il servizio di bicibus consiste nell'accompagnare in bicicletta gli alunni delle scuole elementari e medie nel tragitto casa-scuola.
Il carpooling scolastico consiste, invece, nella condivisione dell'auto tra più studenti i quali vengono accompagnati da un genitore che funge da "autista". Tale soluzione permette ai genitori interessati di condividere le proprie disponibilità e richieste attraverso l'utilizzo di una piattaforma web. Il carpooling scolastico potrà essere eventualmente adoperato anche dai docenti. La soluzione del carpooling scolastico può adattarsi alle diverse realtà cittadine, anche a quelle nel cui territorio si presentino problemi di traffico o di elevata presenza di auto nei pressi degli istituti scolastici.La presente procedura di co-progettazione prevede, dunque, la selezione di un soggetto operante nel terzo settore idoneo a sviluppare un progetto per l'attivazione di questi servizi a partire dalla pianificazione dei percorsi sicuri casa-scuola per tutte le scuole interessate, la gestione degli incontri di start-up per l'avvio delle sperimentazioni con insegnanti, genitori e bambini/ragazzi, l'affiancamento ai mobility manager scolastici e docenti durante l'attività di sperimentazione e avvio del supporto; il monitoraggio delle sperimentazioni e la raccolta dati relativa ai risultati di progetto, la gestione delle fasi di avvio delle pratiche sperimentali dei tre servizi.
Per la co-progettazione, l'organizzazione e la gestione in partenariato degli interventi e dei servizi di piedibus, bicibus e carpooling scolastico il Comune di Bari ha stanziato un budget complessivo di 215mila euro che dovrà essere co-finanziato dalla società individuata tramite procedura pubblica. Nello specifico il soggetto co-progettante selezionato dovrà impegnarsi a cofinanziare la co-progettazione, l'organizzazione e la gestione degli interventi e dei servizi sociali oggetto del bando con risorse monetarie (proprie o autonomamente reperite) e non monetarie (immobili, beni strumentali, risorse umane, volontariato, etc.) pari ad una quota minima del 5% del budget messo a disposizione dal Comune di Bari.
Alla scadenza dei termini dell'avviso pubblico si procederà alla discussione critica del progetto preliminare selezionato al fine di giungere ad un progetto definitivo che valorizzi le proposte ritenute più rispondenti agli elementi essenziali del bando. Nel caso in cui, all'esito della fase 1 siano state ammesse più proposte progettuali, i soggetti proponenti si incontreranno per definire una bozza di progetto unitario e la formulazione dell'assetto organizzativo di gestione del progetto. Il responsabile del procedimento svolgerà la funzione di facilitatore, anche mediante incontri che evidenzino ai soggetti co-progettanti gli aspetti che la commissione ha individuato come migliori tra le proposte in esame. Nell'ipotesi in cui i soggetti ritenuti idonei non intendano collaborare o non si pervenga alla costruzione di un progetto unitario, il Comune si riserva la facoltà di proseguire la co-progettazione con il soggetto o i soggetti disponibili, dando priorità a quelli che hanno conseguito il maggior punteggio nella fase di selezione. A parità di punteggio si procederà alla selezione del soggetto con cui proseguire la co-progettazione mediante sorteggio.

"Crediamo fortemente in un'idea di mobilità sostenibile che passa attraverso azioni mirate e strutturate come i servizi di piedibus, bicibus e car pooling che intendiamo attivare a supporto delle scuole - spiega l'assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano -. Abbiamo già sperimentato queste pratiche, consolidate in tantissime realtà in Italia, con 5 scuole baresi e siamo convinti che anche nella nostra città siano maturi i tempi per avviare servizi strutturati di questo tipo che, una volta a regime, possono incidere non solo sulla qualità dei servizi di mobilità da e verso le scuole ma soprattutto sui corretti stili di vita e sulla conciliazione dei tempi vita - lavoro di tante famiglie. Attendiamo il bando e ci auguriamo siano tante le realtà interessate a progettare insieme a noi servizi efficienti dal punto di vista trasportistico ed efficaci dal punto di vista dell'educazione alla mobilità alternativa per adulti e bambini".
"Queste forma di mobilità possono incidere notevolmente sulla situazione del traffico cittadino soprattutto negli orari di punta come quelli di ingresso e uscita delle scuole - commenta l'assessore alla Mobilità Giuseppe Galasso -. Senza contare il fatto che azioni come queste possono migliorare la sicurezza nei pressi degli istituti scolastici, in virtù della minore presenza di automobili e della riduzione dell'inquinamento in queste zone, dove spesso le auto restano accese in sosta".
  • Mobilità sostenibile
Altri contenuti a tema
Car sharing e scooter sharing, dal prossimo autunno a Bari a disposizione 500 mezzi Car sharing e scooter sharing, dal prossimo autunno a Bari a disposizione 500 mezzi “Puntiamo ad avere sempre più sistemi innovativi di mobilità sostenibile e integrata" sottolinea l'assessore Di Sciascio
E-Lite, da Barletta il futuro degli skateboard elettrici E-Lite, da Barletta il futuro degli skateboard elettrici Alessio ed Erminio, due professionisti uniti dalla passione per la mobilità green
Bando MUVT, finiti i fondi disponibili. Arrivate 1.355 domande Bando MUVT, finiti i fondi disponibili. Arrivate 1.355 domande Proseguono le verifiche sulla correttezza e la completezza delle richieste pervenute
Bando MUVT, disponibili gli elenchi dei rivenditori. Ecco come fare richiesta Bando MUVT, disponibili gli elenchi dei rivenditori. Ecco come fare richiesta Possibile avere incentivi sull'acquisto di mezzi tradizionali o elettrici, tutte le informazioni necessarie
Settimana europea della Mobilità sostenibile, tutti gli eventi a Bari Settimana europea della Mobilità sostenibile, tutti gli eventi a Bari Due le iniziative organizzate dal Comune in collaborazione con l’ASD scuola di Ciclismo Franco Ballerini e della Fiab Bari Ruotalibera APS
Bari a sostegno della mobilità elettrica, presto 44 nuove postazioni di ricarica Bari a sostegno della mobilità elettrica, presto 44 nuove postazioni di ricarica "Il prossimo passo sarà quello di attrezzare anche un sistema di trasporto pubblico totalmente elettrico"
Mobilità ecologica a Bari, le proposte di Legambiente per rendere la città più green Mobilità ecologica a Bari, le proposte di Legambiente per rendere la città più green Presentata questa mattinala conclusione della campagna "Clean Cities: ripartiamo dalle città", che ha fatto tappa l’1 e il 2 aprile nel capoluogo pugliese
Bari, continua la scommessa sui monopattini. Arriva Dadoda Bari, continua la scommessa sui monopattini. Arriva Dadoda L'azienda 100% barese va ad arricchire la flotta già disponibile in città, si parte con tariffe scontate
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.