Mediocredito
Mediocredito
Speciale

Piccole e medie imprese, al Sud ci pensa MCC

Per sostenere la crescita imprenditoriale delle regioni del Sud occorre creare connessioni

Elezioni Regionali 2020
Per le imprese del Mezzogiorno, soprattutto quelle piccole e medie, c'è una banca pronta a dare il suo supporto finanziario. E' il Mediocredito Centrale, la banca che opera all'interno del Gruppo Invitalia per accrescere la competitività del Paese. Quasi il 60% dei suoi finanziamenti riguarda le cosiddette aree depresse (che comprendono per lo più le regioni del Mezzogiorno) e poco più del 60% delle imprese che hanno ricevuto i finanziamenti sono di piccole e medie dimensioni.

Con sede a Roma e uffici a Milano, Pescara, Napoli, Bari e Catania, Mcc offre una serie di strumenti pensati per le necessità delle imprese nei loro stadi di sviluppo.

Se, per esempio, un micro, piccola o media impresa vuole ottenere liquidità o finanziamenti per effettuare un investimento, attraverso il Mediocredito Centrale può accedere a Chiro Fast (fino a 200mila euro, senza fideiussioni) o a Chiro PMI (per importi fino a 500mila euro): in tempi rapidi e con pochi click l'imprenditore può verificare la fattibilità del finanziamento, collegandosi comodamente dal proprio ufficio al portale on line della banca.

Un neoimprenditore che vuole avviare una start up, anche innovativa, può utilizzare il portale on line e richiedere il Chiro nuove imprese per ottenere un finanziamento fino a mezzo milione di euro. Se questa nuova attività è nel Mezzogiorno, si può anche utilizzare Chiro Resto al Sud, il finanziamento bancario complementare agli incentivi gestiti da Invitalia.

Le aziende più strutturate, come mid cap e grandi imprese, possono rivolgersi al Mediocredito Centrale per richiedere altre tipologie più complesse di finanziamenti, per esempio il Chiro Ricerca & Innovazione per progetti di ricerca con un importo minimo di 500mila euro.

Per sostenere la crescita imprenditoriale delle regioni del Sud occorre creare connessioni tra mondo delle imprese, della ricerca, delle università, delle istituzioni e della finanza. E MCC è la banca che vuole aiutare il Sud a fare sistema.
  • lavoro
Altri contenuti a tema
ARPAL Puglia, l'assessore Leo: «Pubblicati bandi per oltre 100 assunzioni» ARPAL Puglia, l'assessore Leo: «Pubblicati bandi per oltre 100 assunzioni» Il commissario straordinario Massimo Cassano: «Obiettivo maggiore qualità ed efficacia dell'attività dell'Agenzia e dei servizi offerti»
"Così la Costituzione entrò in fabbrica", una targa a Bari per il 50° anniversario dello Statuto dei Lavoratori "Così la Costituzione entrò in fabbrica", una targa a Bari per il 50° anniversario dello Statuto dei Lavoratori La cerimonia alla Manifattura Tabacchi al quartiere Libertà, luogo simbolo del lavoro e in cui fino agli anni '70 sono stati impiegati migliaia di operai
Garanzia Giovani: per la Puglia venti milioni di euro Garanzia Giovani: per la Puglia venti milioni di euro Si tratta di un programma che finanzia gli under 30 che non lavorano e non studiano
Camerieri, cuochi e parrucchieri di Bari protestano insieme, ecco chi sono Camerieri, cuochi e parrucchieri di Bari protestano insieme, ecco chi sono Uniti dalla richiesta ad Emiliano e al ministro del lavoro: "Ancora nessuna cassa integrazione"
"Fase 2" per le imprese: dubbi, rischi, proposte e soluzioni per ripartire "Fase 2" per le imprese: dubbi, rischi, proposte e soluzioni per ripartire Nel corso del dibattito ospitato dal VivaNetwork Tammacco rivela: «In arrivo due misure da Puglia Sviluppo»
Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi Tanti i cittadini che in seguito alle chiusure per contenere l'epidemia sono senza lavoro e senza reddito, e le misure del Governo per ora non bastano
Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Firmato l'accordo dopo una trattativa durata tre mesi, Uilm: «Necessario mantenere alta l'attenzione sulla vertenza»
EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" Garantita la retribuzione solo per il mese corrente, i sindacati: «Pronti alla mobilitazione se non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.