Ospedale
Ospedale
Enti locali

Obeso muore perché non ha potuto fare una tac

Sul presunto caso di Malasanità, Perrini consigliere regionale scrive una interrogazione urgente ad Emiliano

"Luca non c'è più, era obeso e non poteva fare neppure una tac". La denuncia arriva direttamente da un consigliere regionale di Taranto Renato Perrini Direzione Italia/Noi con l'Italia dopo un presunto caso di malasanità. "In Puglia – si legge nella nota del consigliere - si muore anche perché si è troppo obesi per diagnosticare un tumore, perché nel Tarantino, ma forse nell'intera regione, non esistono macchinari diagnostici (TAC e Risonanza Magnetica) in grado di poter visitare un obeso. Non è un'affermazione generica Luca, un 40enne mio conoscente, non c'è più per quella che è possibile comunque definire un caso di malasanità".
L'obesità, ormai considerata una vera e propria malattia, cresce a un ritmo dell'8% all'anno e in Puglia, in modo particolare, interessa al 13% della popolazione. "Persone - prosegue la nota del consigliere - che vivono già una condizione di disagio e poca salute (diabete e problemi cardiaci, solitamente), ma che poi vengono penalizzati se devono diagnosticare qualcosa di più grave. Per questo ho presentato un'interrogazione urgente al presidente della Regione, Michele Emiliano, anche in qualità di assessore alla Sanità, perché venga fatto un monitoraggio su tutte le strutture sanitarie, non solo tarantine, per conoscere quante sono nelle condizioni di poter diagnosticare malattie gravi su soggetti obesi e quindi provvedere a installarle con urgenza in caso di mancanza".
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Entro il 31 dicembre il concorsone per infermieri in Puglia, Emiliano: «Prima la mobilità interregionale» Entro il 31 dicembre il concorsone per infermieri in Puglia, Emiliano: «Prima la mobilità interregionale» Modalità che prevede una graduatoria unica, affidata alla Asl Bari. Il presidente della Regione: «Respiro di sollievo per i reparti degli ospedali»
Da oggi chiude l'unica OBI della Asl Bari, Conca: «Vietato sentirsi male» Da oggi chiude l'unica OBI della Asl Bari, Conca: «Vietato sentirsi male» Lettera aperta del consigliere pentastellato al presidente Michele Emiliano
Radioterapia avanzata al Miulli, inaugurato il servizio Radioterapia avanzata al Miulli, inaugurato il servizio Presente il presidente Emiliano: Miulli ospedale che porta la Puglia ad essere una delle regioni più avanzate nell’oncologia e nella lotta ai tumori
Dieci film per promuovere la sanità in Puglia, è polemica Dieci film per promuovere la sanità in Puglia, è polemica Approvato il piano di comunicazione ma molti storcono il naso, M5S: «Va bene promuovere il fascicolo sanitario elettronico, ma prima fatelo funzionare»
Sanità, promossa la Puglia: il 60 percento degli indicatori è in crescita Sanità, promossa la Puglia: il 60 percento degli indicatori è in crescita La scuola Sant'Anna di Pisa premia la nostra regione. Gorgoni (Aress): «Importanti sforzi sull'area materno infantile»
Prevenzione cardiologica a Bari con la clinica mobile della Santa Maria Prevenzione cardiologica a Bari con la clinica mobile della Santa Maria La nostra città fa parte delle 7 tappe del Preventour 2019, manifestazione nazionale organizzata da Europa solidale Onlus
Tutti in piazza a Bari per la "Giornata internazionale dell'infermiere" Tutti in piazza a Bari per la "Giornata internazionale dell'infermiere" Appuntamento domani mattina dalle 9.30 con un vero e proprio villaggio della salute
Giornata dell'infermiere, al Di Venere di Bari l'iniziativa per la dignità della professione Giornata dell'infermiere, al Di Venere di Bari l'iniziativa per la dignità della professione Opi consegnerà 10mila spille agli operatori sanitari da mostrare il prossimo 12 maggio. Il presidente: «Prima iniziativa di una serie di eventi nel capoluogo»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.