Agenzia delle entrate
Agenzia delle entrate
Scuola e Lavoro

«Niente salario per i dipendenti Agenzia delle entrate», sciopero il 2 aprile in Puglia

L'agitazione è stata proclamata da Cgil, Cisl, Uil, Unsa e Flp. Michele Giuliano: «Un atto contro natura»

Mancata erogazione e blocco del salario accessorio relativo agli anni 2016 e 2017 per i dipendenti dell'Agenzia delle Entrate. In Puglia è stato proclamato lo sciopero per martedì 2 aprile da parte delle sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil, Unsa e Flp.

Il coordinatore regionale della Federazione lavoratori pubblici Michele Giuliano, ha motivato così l'agitazione per la giornata lavorativa del 2 aprile: «Il blocco del salario accessorio da parte dell'agenzia ai suoi dipendenti è un atto contro natura. Infatti questi fondi non solo sono stati stanziati e sono nelle disponibilità dell'agenzia ma sono stati regolarmente contrattati e sottoscritto con accordi sindacali, ma risultano nei bilanci certificati dell'Agenzia regolarmente approvati dagli organi di controllo compreso la Ragioneria generale dello stato e la Corte dei conti».

«Che il blocco dei fondi sia diventato uno strumento di lotta interna all'Agenzia di potere tra la nuova e la vecchia dirigenza sembra essere sempre più evidente mettendo a rischio il salario accessorio dei dipendenti che se lo sono guadagnato andando a scovare l'evasione fiscale e incassando decine di miliardi per gli anni 2016 e 2017 - continua Giuliano. Quindi non rispettare gli accordi sottoscritti è un atto contro natura, il buon senso e i diritti dei lavoratori. Non ultimo, portando i dipendenti allo sciopero generale dei lavoratori dell'Agenzia delle entrate, hanno scoperchiato il vaso di Pandora perché ora non solo vogliamo il pagamento di quanto dovuto, ma anche rivedere l'organizzazione dell'Agenzia con la rivisitazione delle piante organiche di tutti gli uffici carenti che non possono, per lo scarso numero dei dipendenti, sopportare i carichi di lavoro imposti e raggiungere gli obiettivi per combattere l'evasione fiscale e dare ai cittadini l'assistenza e la consulenza richiesta».
  • Sindacati
  • Sciopero
Altri contenuti a tema
Due giugno, Regione Puglia dice sì all'apertura dei negozi «Nessun rischio sanitario» Due giugno, Regione Puglia dice sì all'apertura dei negozi «Nessun rischio sanitario» I sindacati hanno comunque proclamato una giornata di sciopero degli addetti al commercio per domani
Auchan-Conad, c'è l'accordo per l'esodo incentivato. Neglia: «Ora le ricollocazioni» Auchan-Conad, c'è l'accordo per l'esodo incentivato. Neglia: «Ora le ricollocazioni» Il concordato riguarda i punti vendita di Casamassima e Taranto, i sindacati: «I licenziamenti vanno evitati ad ogni costo»
Ex Auchan di Modugno (Bari), scontro sindacati/azienda che minaccia vie legali Ex Auchan di Modugno (Bari), scontro sindacati/azienda che minaccia vie legali Nulla di fatto dall'incontro tenutosi ieri in Regione, da lunedì parte la cassa integrazione per i dipendenti
Ex Auchan, revocato lo sciopero a Modugno Ex Auchan, revocato lo sciopero a Modugno L'azienda disposta a dialogare, previsto un incontro domani con la task
Conad abbandona l'Auchan di Modugno, è sciopero Conad abbandona l'Auchan di Modugno, è sciopero Per tre giorni i lavoratori incroceranno le braccia, domattina previsto un presidio
Conad dice addio all'Auchan di Modugno, ceduto a terzi Conad dice addio all'Auchan di Modugno, ceduto a terzi L'azienda avrebbe concluso la trattativa in queste ore, i sindacati chiedono un incontro
H&M a Bari, uno spiraglio di speranza dall'incontro tra sindacati e azienda H&M a Bari, uno spiraglio di speranza dall'incontro tra sindacati e azienda Si discute tra Comune e proprietà dell'immobile sui costi di affitto, rischiano il posto oltre 50 dipendenti
Incontro tra H&M e i sindacati, nulla di fatto per il negozio di Bari Incontro tra H&M e i sindacati, nulla di fatto per il negozio di Bari Confermata la volontà della chiusura del punto vendita, UilTucs: «L’azienda è rimasta sul vago, mettendo sul tavolo solo ipotesi»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.