un ulivo malato
un ulivo malato
Territorio

Monopoli, dissequestrato ulivo infetto da Xylella si può procedere all'espianto

Coldiretti Puglia: «Va suonata la sveglia alla Regione Puglia e all’Arif, perché nel periodo di monitoraggio sono stati ritrovati 338 ulivi infetti»

Elezioni Regionali 2020
È stato dissequestrato l'ulivo infetto da Xylella di Monopoli dalla Procura di Bari. Ora sarà possibile procedere all'espianto dell'albero malato, previa autorizzazione del Giudice relativa alle modalità di accesso al fondo e alla esecuzione della eradicazione.

«È stato dissequestrato l'albero, ma non la particella - comunica Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia - perché il P.M. della procura che ringraziamo per la tempestività con cui ha disposto il dissequestro dell'ulivo, ha ritenuto di dover dare corso alla eradicazione e alla corretta gestione fitosanitaria della pianta, dovendo tutelare in ogni caso il terreno e l'intera area dalla presenza della sputacchina».

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari aveva disposto il sequestro della pianta di ulivo risultata affetta dal batterio Xylella fastidiosa e l'intera particella ove è situato l'albero presso Masseria Caramanna a Monopoli il 12 gennaio scorso, mentre già il 14 gennaio l'agricoltore aveva programmato l'espianto.

«È indispensabile interrompere qualsiasi forma di contagio degli ulivi nelle aree di contenimento e cuscinetto – aggiunge il presidente Muraglia – e va suonata la sveglia alla Regione Puglia e all'Arif, perché nel periodo di monitoraggio, dal 5 novembre ad oggi, sono stati ritrovati 338 ulivi infetti e negli ultimi 15 giorni ne sono stati espiantati solo 13, 9 a Ostuni e 4 a Carovigno».

La Xylella è certamente la peggior fitopatia che l'Italia potesse conoscere, che 'cammina' ad una velocità impressionante considerato che in 5 anni il danno stimato al patrimonio olivetato ha superato 1,2 miliardi di euro.

«Abbiamo già pagato noi agricoltori e non i negazionisti che continuano a trovare spazio e credito in un contesto di confusione opportunistica, lo scempio che si è già perpetrato per esempio ad Oria e Francavilla, dove per non abbattere 47 ulivi malati, con espianti bloccati dai ricorsi al TAR, hanno fatto morire 3100 alberi – conclude il presidente Muraglia - per colpa del batterio killer e consentito al vettore di continuare ad infettare migliaia di esemplari anche monumentali».

È avanzato inesorabilmente verso nord ad una velocità di più 2 chilometri al mese il contagio della Xyella con 21 milioni di piante infette, una strage di ulivi nel Salento che ha creato un panorama spettrale mentre si continua a perder tempo con annunci, promesse ed inutili rimpalli di responsabilità.
  • Xylella
  • xylella fastidiosa
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Grano solo made in Puglia? In tre mesi aumentata del 50% l'importazione dall'estero Grano solo made in Puglia? In tre mesi aumentata del 50% l'importazione dall'estero Coldiretti: "Serve più trasparenza e una riscoperta anche di grani antichi"
Etichetta made in Italy su salumi Etichetta made in Italy su salumi Coldiretti Puglia: "Una vittoria, lo ha chiesto il 93 per cento degli italiani"
Xylella in Puglia come il Covid, estirpati quasi 12mila ulivi Xylella in Puglia come il Covid, estirpati quasi 12mila ulivi Nella zona rossa sette milioni di piante sotto controllo con i "tamponi"
Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio I fondi provengono dal piano rigenerazione olivicola. Solo nell'area infetta risultano contaminati 183mila ettari di terreno
Fauna selvatica, in Puglia trecento incidenti in un anno Fauna selvatica, in Puglia trecento incidenti in un anno Si tratta soprattutto di cinghiali, ma anche i lupi segnalati a Mercadante
Cementificazione e abbandono della terra, in Puglia a rischio il 57% della superficie disponibile Cementificazione e abbandono della terra, in Puglia a rischio il 57% della superficie disponibile Secondo Coldiretti restano ancora 162mila ettari mentre abbiamo già perso un quarto delle campagne
Apertura centri estivi, ok anche per le masserie didattiche Apertura centri estivi, ok anche per le masserie didattiche Occhio ad organizzarsi per tempo con il bonus baby sitter
La primavera "pazza" distrugge l'agricoltura, Coldiretti Puglia: «Raccolti compromessi» La primavera "pazza" distrugge l'agricoltura, Coldiretti Puglia: «Raccolti compromessi» L'associazione di categoria: «La gravità dei cambiamenti atmosferici ha peggiorato la crisi dovuta al Covid»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.