Il Mercatone Uno a Barimax
Il Mercatone Uno a Barimax
Scuola e Lavoro

Mercatone Uno, Shernon chiede il concordato in continuità. Tremano 256 famiglie

Dopo soli otto mesi dal passaggio alla nuova proprietà problemi per l'azienda. A Bari coinvolti in 47, il 18 aprile sciopero a Roma

Nuove nubi si addensano sul futuro di Mercatone Uno a soli 8 mesi dal passaggio nelle mani della Shernon Holding che sembrava aver risolto la situazione. Invece, oggi, una nuova doccia gelata per i dipendenti, arrivata con un messaggio ai dipendenti con il quale vengono avvisati che l'azienda ha chiesto al tribunale di Milano il concordato in continuità. Solo in Puglia sono 256 le famiglie occupate nei diversi punti vendita di cui 47 a Bari (il resto sono 52 a Terlizzi, 42 a San Cesario, 35 a Surano, 56 a Matino e 34 a Francavilla Fontana). Famiglie che avanzano ancora il Tfr dalla vecchia gestione e a cui è stato chiesto di sacrificarsi ulteriormente con la riduzione dei contratti di lavoro per mantenerlo un posto di lavoro, e che ora si domandano quale potrà essere il loro futuro.

«È veramente paradossale ritrovarsi dopo solo così poco tempo di nuovo senza una prospettiva - dichiara Barbara Neglia segretaria regionale Filcams CGIL - è inaccettabile che gli organi di vigilanza del Mise, che solo l'estate scorsa avevano permesso la vendita di quanto rimasto del Mercatone Uno a questa nuova società, non abbiamo verificato la sostenibilità aziendale degli acquirenti. Qualcuno dovrà dare delle risposte a questi lavoratori, qualcuno dovrà finalmente farsi carico della disperata situazione del commercio e soprattutto qualcuno dovrà darci risposte casomai il concordato non fosse omologato. Non di poco conto, la mancata informazione alle organizzazioni sindacali di quanto sarebbe accaduto in questi giorni. Diventa necessario per ridare speranza a questi lavoratori, mettere in campo una grande mobilitazione nazionale a Roma che dia loro visibilità e soprattutto risposte, una volta per tutte vere».

Nel messaggio, inviato dal Ceo di Shernon Valdero Rigoni, si sottolinea l'importanza di questa mossa per salvaguardare il patrimonio della società e le trattative con nuovi investitori. Il concordato sarebbe necessario per far confluire capitali e consentire tutti gli investimenti previsti. Tutto sembra essere legato anche alle problematiche pregresse e alla situazione ereditata dalla precedente gestione e l'obiettivo non sarebbe uscire dal mercato ma ripartire con basi più solide.

La prossima mossa di sindacati e lavoratori, che da fine marzo hanno aperto lo stato di agitazione, sarà una sciopero il prossimo 18 aprile con manifestazione al Mise a Roma.
  • Sindacati
  • Sciopero
  • grande distribuzione
Altri contenuti a tema
Cassa integrazione per Mercatone Uno, sindacati insoddisfatti Cassa integrazione per Mercatone Uno, sindacati insoddisfatti Filcams Cgil: Il calcolo sui contratti attuali e non su quelli precedenti all'arrivo della Shernon è un grosso problema
Bari, larga adesione allo sciopero dei dipendenti Amtab. Disagi all'utenza Bari, larga adesione allo sciopero dei dipendenti Amtab. Disagi all'utenza Astensione dal lavoro proclamata dalle principali sigle sindacali fino alle 24 con le fasce di garanzia rispettate
Caso Mercatone Uno, i lavoratori protestano davanti al Consiglio regionale della Puglia Caso Mercatone Uno, i lavoratori protestano davanti al Consiglio regionale della Puglia Questa mattina il presidio. I sindacati: «La politica locale intervenga con il Mise per la nomina di nuovi commissari»
Reintegrati ma trasferiti a Bari. La protesta dei dipendenti Fastweb Reintegrati ma trasferiti a Bari. La protesta dei dipendenti Fastweb Si tratta di 72 persone tutte di Milano, Slc Cgil: Scelta ritorsiva nei loro confronti
Bari, dipendenti del servizio mensa ospedaliero rischiano il posto, sit-in il 25 giugno Bari, dipendenti del servizio mensa ospedaliero rischiano il posto, sit-in il 25 giugno Il bando per l'affidamento non garantisce che l'appaltatore subentrante assuma tutte le persone in forza la momento
Contratto scaduto da sei anni, dipendenti pulizie e servizi integrati in sciopero Contratto scaduto da sei anni, dipendenti pulizie e servizi integrati in sciopero Manifestazione a Roma: «Stritolati nell'ingranaggio di una norma che permette alle ditte appaltanti di speculare sul costo del lavoro»
Banca Popolare di Bari, i sindacati: «Lavoratori assenti dal piano industriale» Banca Popolare di Bari, i sindacati: «Lavoratori assenti dal piano industriale» Le sigle attaccano: «Dipendenti frequentemente vittime di aggressioni fisiche e di cause ingiuste»
Bosch Bari, i sindacati: «Serve progetto industriale adeguato per salvare la fabbrica» Bosch Bari, i sindacati: «Serve progetto industriale adeguato per salvare la fabbrica» Incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, a rischio duemila lavoratori impiegati nella nostra città
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.