stefano fumarulo
stefano fumarulo
Vita di città

La giunta approva l'intitolazione di una piazzetta di Bari-Palese a Stefano Fumarulo

Tomasicchio: «Conoscevo Stefano, lavorava con rigore per il bene comune»

Stefano Fumarulo, dirigente antimafia della Regione Puglia scomparso prematuramente lo scorso aprile a 38 anni, avrà un piccolo ma significativo spazio a suo nome nella città di Bari. La giunta comunale, infatti, ha espresso parere positivo riguardo alla proposta dell'assessore alla Toponomastica Angelo Tomasicchio di intitolare a Fumarulo lo slargo, attualmente privo di denominazione stradale, al termine di via Ermanno Pirè nel rione Palese, come richiesto dal Municipio V attraverso la delibera n. 2017/00026.

Nonostante la giovane età, Fumarulo aveva ricoperto incarichi di grande responsabilità nella sezione Sicurezza del cittadino, Politiche per le migrazioni e Antimafia sociale della Regione Puglia, e prima della morte stava lavorando alacremente ad una delle sue tante battaglie per l'eguaglianza sociale e la lotta allo sfruttamento e alla violenza: nello specifico, Fumarulo si stava occupando del ripristino della legalità nei campi pugliesi agendo a contrasto del fenomeno del caporalato e a sostegno dei diritti dei lavoratori migranti.

In precedenza Stefano Fumarulo era stato, in qualità di esperto a livello internazionale di politiche di antimafia sociale e sicurezza urbana, responsabile dell'Agenzia per la lotta non repressiva alla criminalità organizzata del Comune di Bari (ottobre 2007 - giugno 2014), organismo nato contemporaneamente alla sua assunzione all'interno dello staff del sindaco di Bari. Nel suo curriculum anche incarichi da consulente gratuito del presidente della Commissione d'inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali della Camera dei Deputati, da responsabile per il Messico per conto di "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" e da consulente dell'Unità mondiale contro la criminalità organizzata dell'ONU.

«Ho avuto il piacere e il privilegio di assistere personalmente al lavoro portato avanti da Stefano Fumarulo nel Comune di Bari - commenta Tomasicchio. Lo ha svolto sempre con serietà, rigore e grande professionalità, senza mai perdere di vista il bene comune e il miglioramento delle condizioni di vivibilità della nostra città. Non è affatto semplice occuparsi di settori delicati come la lotta alla criminalità organizzata in chiave non repressiva, ma lui ci è riuscito conseguendo risultati notevoli, che ancora oggi restano a disposizione della collettività. Per me è stato un onore conoscerlo e condividere un pezzo importante del nostro percorso umano e amministrativo. Per questo abbiamo ritenuto doveroso accogliere la richiesta del Municipio V di intitolargli uno spazio pubblico a Palese, il cui giardino sarà curato dalla famiglia Vasile che ringrazio a nome dell'amministrazione comunale».
  • angelo tomasicchio
  • stefano fumarulo
Altri contenuti a tema
Regione Puglia, in omaggio a Stefano Fumarulo nasce una Fondazione antimafia sociale Regione Puglia, in omaggio a Stefano Fumarulo nasce una Fondazione antimafia sociale Proseguirà il grande impegno del giovane dirigente in materia di prevenzione alla criminalità attraverso percorsi alternativi di inclusione e reinserimento sociale
Bari, un premio letterario per Stefano Fumarulo "Precursore dell'antimafia sociale" Bari, un premio letterario per Stefano Fumarulo "Precursore dell'antimafia sociale" L'iniziativa dell'associazione "Giovanni Falcone", Emiliano: "Mi ha insegnato un sacco di cose e non sarei l'uomo che sono senza il confronto continuo avuto con lui"
Matrimoni e unioni civili in edifici storici di pregio, Comune di Bari avvia dialogo con i privati Matrimoni e unioni civili in edifici storici di pregio, Comune di Bari avvia dialogo con i privati Decaro: «Nostra città pronta a valorizzare i suoi immobili più belli per ospitare uno dei momenti più importante della vita»
Comune di Bari, assunti 101 nuovi dipendenti. Decaro: «Sblocco turnover battaglia di Anci» Comune di Bari, assunti 101 nuovi dipendenti. Decaro: «Sblocco turnover battaglia di Anci» Sono 40 istruttori amministrativi, 40 agenti di Polizia locale, 20 geometri e 1 amministratore di sistemi informatici
Comune di Bari, 60 nuovi dipendenti firmano il contratto di assunzione Comune di Bari, 60 nuovi dipendenti firmano il contratto di assunzione Si tratta di 26 assistenti sociali, 7 geometri, 20 istruttori amministrativi, 4 agenti di PL e 3 esperti in rendicontazione
Il nome Braille per il giardino di via Tridente, ma dopo due anni mancano le targhe per Francesca Morvillo ed Emanuela Loi Il nome Braille per il giardino di via Tridente, ma dopo due anni mancano le targhe per Francesca Morvillo ed Emanuela Loi Il comune il 25 novembre del 2016 aveva decretato l'intitolazione di due aree verdi alle due donne vittime di mafia ma ad oggi nessuna ufficialità, solo Palmina ha la sua targa pagata dai privati
Innovazione tecnologica, Comune di Bari premiato a Palermo per l'app BaRisolve Innovazione tecnologica, Comune di Bari premiato a Palermo per l'app BaRisolve La nostra città fra quelle a cui va il riconoscimento App4Sud. Tomasicchio: «Servizio che riduce i tempi e semplifica procedure»
171 assunzioni al Comune di Bari, Tomasicchio: «Daranno impulso all'attività amministrativa» 171 assunzioni al Comune di Bari, Tomasicchio: «Daranno impulso all'attività amministrativa» Oltre a queste ce ne saranno altre 58 nel corso del 2019, a breve i bandi disponibili sul sito dell'amministrazione
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.