Mario Draghi
Mario Draghi
Attualità

Il premier Draghi: «Non posso dare date, ma nelle prossime settimane ci saranno riaperture»

In conferenza stampa il presidente del Consiglio ha ribadito che il Governo deciderà in base all'andamento dei contagi e delle vaccinazioni

«Le prossime settimane devono essere settimane di riaperture, ma di riaperture in sicurezza. Più celermente procedono le vaccinazioni, più celermente procederanno le riaperture. Le riaperture dovranno esserci, ma non ho una data, perché dipende dall'andamento dei contagi, e anche dall'andamento delle vaccinazioni nelle categorie a rischio».

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa in serata, è cauto sulle riaperture in Italia, anche se ribadisce che per far ripartire l'economia del Paese è necessario lavorare ora per il futuro prossimo.

«Importante prepararsi ora alla stagione turistica, ci sono già prenotazioni da parte di italiani, ma non ci sono i turisti stranieri. È necessario annunciare che siamo pronti ad accogliere i turisti stranieri che avranno un certificato vaccinale, fondamentale iniziare a farlo poi ci dovremo preoccupare del punto di vista etico. Necessario anche un piano per la riapertura di fiere ed eventi, bisogna andare svelti o rischiamo di perdere la stagione estiva. Stiamo guardando al futuro, non quello lontano, ma quello delle prossime settimane».

«La data del 30 aprile è la data di scadenza del periodo previsto dall'ultimo decreto - aggiunge Draghi - ma qualora l'andamento della situazione lo permetta si possono riconsiderare le cose anche prima del 30 aprile. Avere delle date implica che io conosca i valori dei parametri rilevanti ad una certa data, è chiaro che ci sono regioni più avanzate, ad esempio nella campagna vaccinale, e questo influirà sulle riaperture».

E sulla scuola ribadisce la volontà di tenerla aperta in presenza, sottolineando che: «Obiettivo del Governo deve essere quello di dare ai ragazzi almeno un mese pieno di attività scolastica prima della fine dell'anno».

Entro aprile si dovrebbero terminare le vaccinazioni degli over 80 e gran parte degli over 70. E a breve dovrebbe arrivare una direttiva che colleghi vaccinazioni a riaperture. Tra pochi giorni arriverà anche il nuovo decreto che conterrà sia sostegni all'economia, che misure economiche necessarie per le riaperture.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Bari, 48enne in fin di vita per il Covid, l'appello disperato della famiglia: «Un trapianto per salvarlo» Bari, 48enne in fin di vita per il Covid, l'appello disperato della famiglia: «Un trapianto per salvarlo» Nunzio Pagliara, sottufficiale dell'aeronautica, lotta al San Paolo e i suoi cari rivolgono una richiesta al ministro Speranza
Puglia, contagi in calo del 9,8% nell'ultima settimana Puglia, contagi in calo del 9,8% nell'ultima settimana È quanto emerge dal nuovo rapporto della fondazione Gimbe
Covid, in Puglia 1867 nuovi casi e 39 decessi Covid, in Puglia 1867 nuovi casi e 39 decessi Sono 681 i nuovi casi in provincia di Bari
Puglia, accordo con odontoiatri: somministreranno vaccini negli hub Puglia, accordo con odontoiatri: somministreranno vaccini negli hub Dopo un breve corso di formazione potranno essere utilizzati già dalla turnazione di questo fine settimana.
Covid, sono 1488 i nuovi casi in Puglia Covid, sono 1488 i nuovi casi in Puglia Registrati 655 contagi in provincia di Bari. I nuovi decessi sono 39
Calano i contagi Covid in Puglia. L'aggiornamento dalla provincia di Bari Calano i contagi Covid in Puglia. L'aggiornamento dalla provincia di Bari In quasi tutti i comuni, stando agli ultimi report, si registra una flessione del numero dei positivi
Covid, in Puglia 1191 casi positivi su 13mila tamponi analizzati Covid, in Puglia 1191 casi positivi su 13mila tamponi analizzati Registrati 256 contagi in provincia di Bari, sono 54 i decessi complessivi
Covid, In puglia 815 casi positivi su seimila tamponi analizzati Covid, In puglia 815 casi positivi su seimila tamponi analizzati Sono 297 i nuovi contagi in provincia di Bari. Registrati 39 decessi
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.