giovanni impastato
giovanni impastato
Scuola e Lavoro

Il fratello di Peppino Impastato presenta il suo libro a Bari: «Abbiate il coraggio di farvi sentire»

Giovanni Impastato ospite dell'istituto "Massari-Galilei": «I ragazzi hanno miti sbagliati, non solo Gomorra ma anche Amici di Maria de Filippi»

Fa tappa a Bari Giovanni Impastato, fratello di Peppino, vittima di mafia ucciso la notte tra l'8 ed il 9 Maggio 1978 da un commando mafioso che maldestramente tentò di mascherare l'omicidio in suicidio. Giovanni Impastato ha presentato ieri il suo libro "Oltre i cento passi" (Piemme Editore, Maggio 2017), nell'aula magna dell'istituto "Massari-Galilei" di Bari. Un testo in cui fa il punto sulla mafia contemporanea e racconta l'opera di Peppino Impastato, giornalista e attivista politico, che sfidò il boss Tano Badalamenti, signore di Cinisi in provincia di Palermo, fondando insieme ad alcuni amici Radio Aut, un'emittente libera.

Un caso controverso quello di Peppino Impastato, morto nella stessa notte del ritrovamento del corpo di Aldo Moro, in via Caetani a Roma. Solo grazie alla perseveranza della mamma e del fratello Giovanni, Peppino ha ricevuto giustizia dopo un complesso percorso giudiziario durato 25 anni. «Ne è valsa la pena - dice convinto Impastato - perché è stata prima di tutto una vittoria della giustizia contro chi non la voleva, comprese forze dell'ordine e magistrati che ieri indagavano ed oggi sono in posti di rilievo».

Stimolato dai ragazzi, Giovanni Impastato si scaglia contro il virtuale dei social che blocca il vero scambio di idee tra ragazzi, contro la malavita nel calcio e l'assenza di interesse dell'opinione pubblica per il fenomeno. «Bisogna ribellarsi se una cosa non ci piace, bisogna avere il coraggio di farsi sentire ma soprattutto bisogna realmente identificare un problema e non farcelo dire da qualcun altro», continua. «I ragazzi devono essere spronati e svegliati soprattutto perché oggi i miti diffusi dalla televisione sono quelli sbagliati, non solo la malavita di Gomorra ma anche Amici della De Filippi».

A chi gli chiede del fratello, Giovanni Impastato risponde: «Peppino era molto ironico, quasi non lo si riconoscerebbe nella versione dell'impegnato politicamente», conclude Impastato.

  • mafia
Altri contenuti a tema
Estorsioni, gioco d'azzardo e guerre di mafia. La mappa dei clan criminali a Bari Estorsioni, gioco d'azzardo e guerre di mafia. La mappa dei clan criminali a Bari Pubblicata la relazione della Dia relativa al secondo semestre 2018 che individua la spartizione del territorio fra le famiglie
Bari ricorda la strage di via D'Amelio, intitolato un giardino a Emanuela Loi Bari ricorda la strage di via D'Amelio, intitolato un giardino a Emanuela Loi Dopo due anni e mezzo all'agente della scorta di Paolo Borsellino viene intitolata un'area verde nei pressi del parco 2 giugno
Operazione Pandora a Bari, il pm chiede condanne per 91 imputati Operazione Pandora a Bari, il pm chiede condanne per 91 imputati Le richieste vanno dai 6 ai 14 anni e 8 mesi, le accuse tra le altre sono di tentato omicidio, rapina, sequestro di persona tutte aggravate dal metodo mafioso
Associazione mafiosa e traffico di droga, venti arresti tra il Veneto e Bari Associazione mafiosa e traffico di droga, venti arresti tra il Veneto e Bari La massiccia operazione portata avanti dai carabinieri, impegnati anche i nuclei cinofili
Giro di scommesse illegali, arrestato a Malta latitante barese vicino alla 'Ndrangheta Giro di scommesse illegali, arrestato a Malta latitante barese vicino alla 'Ndrangheta Il 43enne è accusato di associazione mafiosa e truffa aggravata ai danni dello Stato. Il suo nome era emerso nell'indagine "Galassi" della Gdf
Comune di Valenzano, il Consiglio di Stato contro il Tar Comune di Valenzano, il Consiglio di Stato contro il Tar Sospesa l'esecutorietà della sentenza, confermato il commissariamento e le elezioni a maggio
Bari, la casa di cura fantasma e i misteri intorno alla figura di "Cicci" Cavallari Bari, la casa di cura fantasma e i misteri intorno alla figura di "Cicci" Cavallari La "Santa Lucia" in via Fanelli è uno dei tanti immobili mai nati davvero, e dietro il suo scheletro se ne nascondono molti altri
Il Comune di Bari a Brindisi alla marcia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie Il Comune di Bari a Brindisi alla marcia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie L'assessore Paola Romano: «Essere qui significa testimoniare in favore dei cittadini per bene che si ribellano alle logiche mafiose»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.