La sede della Gazzetta del Mezzogiorno Foto Fnsi
La sede della Gazzetta del Mezzogiorno Foto Fnsi
Cronaca

Gazzetta del Mezzogiorno, il tribunale di Bari decreta il fallimento

Ok all'esercizio provvisorio, i giornalisti si dichiarano pronti ad "entrare nella gestione"

Elezioni Regionali 2020
Il tribunale di Bari ha decretato il fallimento della Gazzetta del Mezzogiorno, o più precisamente delle società EdiSud e Mediterranea, editrice e proprietaria dello storico quotidiano del sud.

Il fallimento è legato all'esistenza dei famosi 46 milioni di debiti. Via ora all'esercizio provvisorio con l'obiettivo di salvare i dipendenti e la stessa Gazzetta, definita dalla Procura "patrimonio culturale indispensabile per il Sud Italia".

I giornalisti intanto, riuniti in cooperativa, annunciano la volontà di subentrare nella gestione della testata: «per garantire ai lettori, agli imprenditori , ai territori di Puglia e Basilicata quel prezioso servizio di informazione che è l'unico aspetto da salvaguardare, insieme ai posti e alla passione dei lavoratori».

«La sentenza di fallimento di Mediterranea ed Edisud, proprietaria ed editrice della Gazzetta del Mezzogiorno, chiude la stagione delle gestioni allegre e scriteriate – affermano Fnsi e Associazioni regionali di Stampa di Puglia e Basilicata – La decisione del Tribunale di Bari di concedere l'esercizio provvisorio va salutata con favore perché scongiura l'interruzione delle pubblicazioni e pone le basi per il rilancio della testata, a partire dalla redazione, e per la tutela dell'occupazione».
  • Fallimento
Altri contenuti a tema
Fallimento TRA.DE.CO, due ex amministratori agli arresti domiciliari Fallimento TRA.DE.CO, due ex amministratori agli arresti domiciliari Sequestrati preventivamente anche beni quali conti correnti personali, titoli mobiliari, appartamenti, terreni, quote societarie per 13,4 milioni di euro
Mercatone Uno, nessuna speranza per i clienti. La merce non arriverà Mercatone Uno, nessuna speranza per i clienti. La merce non arriverà Una lettera del curatore fallimentare chiude la questione comunicando lo: «Scioglimento dal contratto per l’acquisto dei beni mobili concluso con Shernon Holding srl»
Mercatone Uno, la tragedia dei dipendenti in una lettera aperta Mercatone Uno, la tragedia dei dipendenti in una lettera aperta Sta girando via social il racconto dell'inferno dei lavoratori attraverso la voce di uno di loro
Fallimento Mercatone Uno a Bari, la procura indaga per bancarotta fraudolenta Fallimento Mercatone Uno a Bari, la procura indaga per bancarotta fraudolenta La Shernon avrebbe accumulato debiti per 90 milioni in soli 9 mesi, sempre più incerto il futuro dei dipendenti
Mercatone Uno, famiglie disperate in presidio. Al Mise incontro coi fornitori Mercatone Uno, famiglie disperate in presidio. Al Mise incontro coi fornitori Sit-in da ieri in tutte le sedi pugliesi, in ballo il futuro dei dipendenti ma anche di clienti e tutti gli altri soggetti coinvolti
Bari, presidi autogestiti al Mercatone da domani. Tentato furto a Terlizzi Bari, presidi autogestiti al Mercatone da domani. Tentato furto a Terlizzi I dipendenti, rimasti all'improvviso senza lavoro, cercano in ogni modo di far sentire la propria voce
La pioggia non ferma i dipendenti del Mercatone Uno, presidio al Mise La pioggia non ferma i dipendenti del Mercatone Uno, presidio al Mise Una delegazione degli operai dovrebbe incontrare in giornata il ministro Di Maio
Fallimento Mercatone Uno, 27 e 28 maggio appuntamenti decisivi per le sorti dei dipendenti Fallimento Mercatone Uno, 27 e 28 maggio appuntamenti decisivi per le sorti dei dipendenti Dopo la notizia della mancata concessione del concordato preventivo e la chiusura di tutti i negozi si sono attivate le procedure per gli operai
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.