Carabinieri Auto Imc
Carabinieri Auto Imc
Cronaca

Dieci arresti per spaccio nella "Bari bene", indagini partite dal ferimento di un 17enne nel 2016

I carabinieri, coordinati dalla Dda, hanno scoperto come i clan criminali incaricassero giovani benestanti di smerciare droga a domicilio

Elezioni Regionali 2020
Svolta nelle indagini sul ferimento del 17enne D.G.P., avvenuto a Bari nel settembre 2016. I carabinieri del comando provinciale di Bari hanno eseguito dieci ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del Tribunale di Bari Francesco Agnino, su proposta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. Durante le indagini, condotte dai carabinieri di Bari-San Paolo, sono stati identificati il mandante, l'autore e i complici dell'agguato al giovane ferito. Gli inquirenti hanno scoperto un'associazione criminale dedita al traffico e allo spaccio di stupefacenti. I capi si preoccupavano di far pervenire a Bari la droga, per poi incaricare giovani ragazzi della "Bari bene" di spacciare a Picone e Poggiofranco.

Secondo gli inquirenti, il 17enne fu ferito dopo aver iniziato a spacciare prendendo la sostanza da altri e non dal mandante, riconducibile al clan mafioso dei Palermiti. L'associazione a delinquere, di stampo mafioso, era dedita al traffico ed alla gestione dello spaccio di sostanze stupefacenti, e capeggiata da L.M. (già condannato in passato per 416 bis c.p.) e L.G., riconducibili entrambi al clan "Capriati". Da loro perveniva la droga, che veniva spacciata a "domicilio" a Picone e Poggiofranco. I soggetti che si occupavano dello spaccio andavano a rifornirsi da uno degli appartenenti all'associazione, poi venivano contattati su piccoli telefoni senza internet dai vari acquirenti, a cui consegnavano la droga a casa. I due gestivano l'arrivo di droga e lo smercio attraverso i piccoli spacciatori, scelti fra persone appartenenti a famiglie benestanti della "Bari bene", anche incensurati.

Le risultanze investigative hanno avuto pieno riscontro e conforto dalle dichiarazioni di vari collaboratori di giustizia circa le responsabilità degli autori del ferimento e in ordine all'operatività dell'associazione, articolata gerarchicamente con ruoli ben definiti. Il riscontro principale i carabinieri lo ebbero nel giugno 2018, quando a Japigia venne sequestrata un'importante partita di hashish e marijuana. Nella circostanza, i militari notarono che venne gettata una pistola dalla finestra, prima che i carabinieri entrassero nell'abitazione.

In casa di uno dei dieci arrestati, sotto il letto, sono stati rinvenuti 61mila euro riconducibili allo spaccio di sostanze stupefacenti, oltre a 110 grammi di marijuana e 50 di cocaina, trovati e sequestrati a carico di ignoti, all'interno di alcuni pneumatici riempiti di terra e accatastati subito fuori l'abitazione di un'altra delle persone colpite dalle odierne ordinanze.



  • Carabinieri
  • Droga
  • clan capriati
Altri contenuti a tema
Con oltre 5 chili di cocaina e 50 di marjuana nel camion frigo, dalla Calabria al porto di Bari Con oltre 5 chili di cocaina e 50 di marjuana nel camion frigo, dalla Calabria al porto di Bari E' finito con il sequestro il viaggio di un corriere della droga sulla Salerno Reggio Calabria, la finanza lo intercetta e lo arresta
Test Covid per i carabinieri, parte dalla Puglia l'iniziativa di prevenzione Test Covid per i carabinieri, parte dalla Puglia l'iniziativa di prevenzione Una campagna realizzata in collaborazione con Fondazione Ania. Screening all’undicesimo reggimento a Bari e alla scuola allievi di Taranto
Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato. Arrestato 32enne Adelfia, laboratorio della droga in uno stabile abbandonato. Arrestato 32enne L'uomo aveva stabilito il suo quartier generale all'interno di un edificio sulla provinciale per Ceglie del Campo
Gravina, si scontrano dopo una gara di velocità con le auto. Denunciati due ventenni Gravina, si scontrano dopo una gara di velocità con le auto. Denunciati due ventenni I carabinieri hanno approfondito la dinamica e hanno scoperto che non si trattava di un banale incidente. Patenti sospese
Bitetto, scoperto a rubare in casa di due anziani. Arrestato 37enne di Bari Bitetto, scoperto a rubare in casa di due anziani. Arrestato 37enne di Bari L'azione dell'uomo è stata notata da alcuni cittadini, che hanno avvertito i carabinieri. A fermarlo un militare fuori servizio
Estorsioni a imprenditore agricolo, cinque arresti a Bari e provincia Estorsioni a imprenditore agricolo, cinque arresti a Bari e provincia In manette finiscono tre baresi e due residenti a Polignano. Chiedevano il pizzo a un'azienda del brindisino
Estorsioni ai danni di imprenditori agricoli in provincia di Bari, arrestato 45enne Estorsioni ai danni di imprenditori agricoli in provincia di Bari, arrestato 45enne L'uomo, pluripregiudicato, avrebbe operato per anni un sistematico taglieggiamento alle vittime. Poche le denunce
Estorsione alla "Pizzeria da Nicola" al San Paolo, i carabinieri: «Evitare disinformazione» Estorsione alla "Pizzeria da Nicola" al San Paolo, i carabinieri: «Evitare disinformazione» Le voci circolate in seguito alla chiusura dell'attività ritenute nocive per il buon andamento delle indagini, e per eventuali nuove denunce
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.