Un neonato
Un neonato
Cronaca

Due mamme registrano figlio all'anagrafe di Bari, il ministero impugna la trascrizione

Il Viminale ha detto no perché il bambino è nato in Inghilterra da un'italiana e un'inglese unite civilmente

Il ministero dell'Interno dice no alla trascrizione dell'atto con cui una coppia di due mamme ha registrato il suo bambino all'anagrafe di Bari. Secondo il Viminale, infatti, l'opposizione è giustificata dal fatto che il bimbo non sia nato in Italia, bensì in Inghilterra e sia figlio di un'italiana e un'inglese unite civilmente.

A esaminare la vicenda è il Tribunale di Bari. Passo indietro, quindi, della Procura di Bari, che nei giorni scorsi aveva richiesto di annullare l'atto già trascritto dal Comune, salvo poi ritirare la richiesta stessa.

I giudici oggi hanno dato atto della revoca della Procura, ricevendo però l'opposizione del ministero degli Interni, da dove insistono affinché l'atto di nascita venga cancellato. Nel procedimento si sono costituiti il Comune di Bari e l'avvocatura per i diritti Lgbti, che - dalla loro - sostengono e ribadiscono la validità della trascrizione.

Il Viminale avrebbe motivato la sua posizione sulla base della legge sulle unioni civili, che nulla dice sulla prole. Per il ministero degli Interni, quindi, il fatto che le due donne siano unite civilmente anche in Italia è irrilevante perché la cittadinanza italiana dei figli è trasmissibile solo per diritto di sangue.
  • Comune di Bari
  • Comunità LGBTQI
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Bando D_Bari per l'apertura di nuovi negozi, online la procedura di verifica dei requisiti Bando D_Bari per l'apertura di nuovi negozi, online la procedura di verifica dei requisiti Un finanziamento complessivo di 2 milioni 400mila euro a fondo perduto per il rilancio delle attività imprenditoriali
Rapporto soldi spesi-servizi offerti nei capoluoghi, Bari è quintultima Rapporto soldi spesi-servizi offerti nei capoluoghi, Bari è quintultima La classifica stilata dall'Osservatorio conti pubblici non premia la nostra città: 48esimo posto su 52
Diritti Lgbtqi, i candidati sindaco di Bari a confronto Diritti Lgbtqi, i candidati sindaco di Bari a confronto Questa mattina il dibattito in occasione della giornata contro l'omofobia. Polemica Decaro-Melini sull'opuscolo "Che cos'è l'amor"
A Bari anteprima del film L’Unione falla forse. Il regista: «Un documentario contro l'omofobia» A Bari anteprima del film L’Unione falla forse. Il regista: «Un documentario contro l'omofobia» Da domenica 19 a martedì 21 maggio la proiezione in due sale cittadine. Fabio Leli: «L’urlo d’intolleranza contro la quotidianità di due famiglie come tante»
Bari, Carrieri contro Bonafede: "No casermette" Bari, Carrieri contro Bonafede: "No casermette" Il consigliere ha esposto uno striscione di protesta sull' ipotesi tribunale durante la visita del ministro
Bari pride 2019, il 29 giugno la marcia per i diritti della comunità Lgbtqi Bari pride 2019, il 29 giugno la marcia per i diritti della comunità Lgbtqi Si celebrano i 50 anni dai moti di Stonewall e si chiede la legge regionale anti-omofobia. Il portavoce Matteo Nigri: «Manifestazione per le lotte di tutti»
Abusò di minori, Corte d'Appello di Bari condanna a 20 anni ex prete Abusò di minori, Corte d'Appello di Bari condanna a 20 anni ex prete L'uomo, originario di Foggia, venne sospeso dal servizio sacerdotale già nel 2012
Rendiconto di gestione, 198 milioni nelle casse del Comune di Bari a fine 2018 Rendiconto di gestione, 198 milioni nelle casse del Comune di Bari a fine 2018 Presentato il documento contabile che sarà approvato dal Consiglio comunale. Crescono i ricavi dalla lotta all'evasione, diminuiscono i debiti
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.