Un neonato
Un neonato
Cronaca

Due mamme registrano figlio all'anagrafe di Bari, il ministero impugna la trascrizione

Il Viminale ha detto no perché il bambino è nato in Inghilterra da un'italiana e un'inglese unite civilmente

Il ministero dell'Interno dice no alla trascrizione dell'atto con cui una coppia di due mamme ha registrato il suo bambino all'anagrafe di Bari. Secondo il Viminale, infatti, l'opposizione è giustificata dal fatto che il bimbo non sia nato in Italia, bensì in Inghilterra e sia figlio di un'italiana e un'inglese unite civilmente.

A esaminare la vicenda è il Tribunale di Bari. Passo indietro, quindi, della Procura di Bari, che nei giorni scorsi aveva richiesto di annullare l'atto già trascritto dal Comune, salvo poi ritirare la richiesta stessa.

I giudici oggi hanno dato atto della revoca della Procura, ricevendo però l'opposizione del ministero degli Interni, da dove insistono affinché l'atto di nascita venga cancellato. Nel procedimento si sono costituiti il Comune di Bari e l'avvocatura per i diritti Lgbti, che - dalla loro - sostengono e ribadiscono la validità della trascrizione.

Il Viminale avrebbe motivato la sua posizione sulla base della legge sulle unioni civili, che nulla dice sulla prole. Per il ministero degli Interni, quindi, il fatto che le due donne siano unite civilmente anche in Italia è irrilevante perché la cittadinanza italiana dei figli è trasmissibile solo per diritto di sangue.
  • Comune di Bari
  • Comunità LGBTQI
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Controlli del Ministero al Comune di Bari, restano in piedi 9 osservazioni Controlli del Ministero al Comune di Bari, restano in piedi 9 osservazioni La situazione più rilevante riguarda il calcolo delle progressioni economiche orizzontali e delle retribuzioni di anzianità fino al 2012 per oltre 5 milioni di euro
Arresto Bellomo, il Gip di Bari conferma gli arresti domiciliari Arresto Bellomo, il Gip di Bari conferma gli arresti domiciliari L'ex giudice è accusato di maltrattamenti ed estorsione
Gemellaggio tra Bari e San José, firmato l'accordo Gemellaggio tra Bari e San José, firmato l'accordo Il documento mira a sviluppare rapporti di collaborazione tra le due città sul fronte delle politiche ambientali, culturali e del turismo sostenibile.
Bari, omicidio Fazio 18 anni dopo Bari, omicidio Fazio 18 anni dopo Oggi la commemorazione con la famiglia e le autorità
Polo della Giustizia a Bari, il ministro rinvia per la terza volta Polo della Giustizia a Bari, il ministro rinvia per la terza volta L'incontro slitta a data da destinarsi, la Camera Penale: «Pugnalata al cuore dei baresi»
Il Comune di Bari sperimenta il social housing, pronto bando per 64 alloggi Il Comune di Bari sperimenta il social housing, pronto bando per 64 alloggi Prende forma il parco Gentile fra Santo Spirito e San Pio. Decaro: «Rigenerazione della periferia attraverso nuove politiche abitative»
Un poliambulatorio nella ex centrale del latte, firmato il protocollo Comune-Asl Bari Un poliambulatorio nella ex centrale del latte, firmato il protocollo Comune-Asl Bari Una riqualificazione da 5 milioni di euro con fondi Fesr europei. Decaro: «Cup unico con il Policlinico»
Abusi sessuali e violenze sui figli minorenni. Genitori condannati dal Tribunale di Bari Abusi sessuali e violenze sui figli minorenni. Genitori condannati dal Tribunale di Bari La coppia del nord barese avrebbe indotto i bambini, affetti da patologie psichiche, a compiere atti osceni
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.