Di Ruvo
Di Ruvo
Speciale

Di Ruvo Bike Store, passione per le due ruote dal 1967

Qualità, rapporto con la clientela, e progetti dedicati alla mobilità sostenibile

Elezioni Regionali 2020
Una storia di circa mezzo secolo nata in un'officina ciclistica, che nel corso degli anni è notevolmente cresciuta in termini di servizi alla clientela e visibilità nel panorama cittadino diventando negozio di scooter e biciclette elettriche, le cosiddette e-bike.

Stiamo parlando dell'azienda Di Ruvo – Bike Store, attività commerciale di vendita al dettaglio sita ad Andria in via Gorizia 6 (con esposizione nella sede di via Montenero 47/49), che dal lontano 1967 ha impresso una propria caratteristica in tema di vendita ma anche assistenza per le due ruote. L'azienda andriese rappresenta oggi un affermato e indiscusso punto di riferimento nel commercio di cicli e motocicli, in particolar modo sul versante della mobilità green con cicli e scooter elettrici, divenuti la punta di diamante della ditta "Di Ruvo – Bike Store".

Titolare dell'azienda è Nicola Di Ruvo, ma già si affaccia la terza generazione, con l'affiancamento dei suoi figli Francesco e Michele. Perché questa passione per le due ruote? "Ci siamo sempre preoccupati di mobilità sostenibile e riteniamo che la bicicletta sia oggi il mezzo più comodo e salutare per spostarsi in città, - sottolinea il signor Nicola, accogliendoci nella sua vasta esposizione che si affaccia tra via Gorizia e via Montenero - oltre ad essere anche economico, il che non guasta visti i tempi che stiamo attraversando. Grazie all'elettrico a due ruote siamo in costante crescita ormai da alcuni anni. Lo scooter è stato gradualmente sostituito per i costi di mantenimento più elevati, come ad esempio per l'assicurazione R.C. Nella nostra città si potrebbe fare molto di più per incentivare l'utilizzo della bicicletta: ciò che balza subito agli occhi è la limitata presenza di piste ciclabili. La gente è stanca del traffico e dei parcheggi a pagamento, e vuole essere autonoma con un mezzo proprio, veloce ed anche economico quale appunto la bicicletta".

​La crescita esponenziale avvenuta in questi anni ha consentito alla famiglia Di Ruvo di creare un marchio proprio e realizzare anche una rete di vendita in tutta Italia. Nel 2002 giunge la svolta decisiva: l'azienda Di Ruvo, innovatrice e attenta ai cambiamenti, compie una scelta coraggiosa proponendo attraverso l'e-commerce una vasta gamma di articoli a prezzi ragionevoli, restando fedele ai valori tradizionali quali serietà, cortesia e disponibilità. Una decisione dettata da uno spirito dinamico e flessibile della ditta Di Ruvo, oggi una realtà ben radicata nel commercio elettronico grazie a ben due lustri di esperienza maturati nel settore.

Fondamentale è anche il rapporto con la clientela, come tiene a sottolineare il signor Nicola: "Facciamo vendita e assistenza, consentendo al cliente di pagare comodamente anche a rate e di scegliere tra i migliori marchi da noi rappresentati, quali Atala, Olmo, Piaggio, Montana, Vektor, Whistle, Colnago, Brinke, Umberto Dei e tanti altri. Siamo in grado di fornire ai nostri clienti differenti soluzioni di e-bike per tutte le età e le famiglie. Da qualche anno, inoltre, rappresentiamo una società di noleggio a lungo termine di scooter, di qualsiasi marchio e cilindrata".

Un'offerta quindi completa e in grado di abbracciare tutte le esigenze che arrivano dalla clientela. La crescita dell'azienda Di Ruvo, non solo prosegue ma punta con decisione verso molteplici progetti, in procinto di svilupparsi nel prossimo futuro: "Vogliamo arricchire il catalogo del nostro marchio, - aggiunge Nicola Di Ruvo – mentre stiamo valutando di dotarci anche di un'altra sede che logisticamente possa concentrare tutte le nostre attività di centro assistenza, negozio, parte commerciale per i finanziamenti personalizzati e naturalmente punto vendita di scooter e cicli. Siamo pronti soprattutto per la grande novità che riguarda il 2020, di prossima partenza: si tratta del contributo statale per l'acquisto di una e-bike. Nel 2019 il Comune di Bari ha già attivato contributi per l'acquisto di bici elettriche ed è stato premiato all'EICMA di Milano come uno dei tre Comuni in tutta Italia per aver contribuito alla mobilità sostenibile".

Una strategia aziendale che l'azienda Di Ruvo vorrebbe adesso trasferire in altre realtà cittadine, quali Andria, Barletta, Trani, Molfetta e Comuni limitrofi, incoraggiando così l'utilizzo di un mezzo sano ed ecologico che riporti le nostre città non solo verso una mobilità sostenibile ma a comunità più a misura umana.
Di RuvoDi RuvoDi Ruvo
  • Mobilità sostenibile
Altri contenuti a tema
"Monopattini sharing" a Bari, arrivano altri 500 mezzi. Decaro: «La città non si ferma per i vigliacchi» "Monopattini sharing" a Bari, arrivano altri 500 mezzi. Decaro: «La città non si ferma per i vigliacchi» Presentato il servizio di Bit Mobility. Insieme al Comune individuati 80 hub cittadini per lo stallo dei veicoli elettrici, previste tre formule di abbonamento
Partenza negativa per i monopattini a Bari, due rubati e 5 distrutti Partenza negativa per i monopattini a Bari, due rubati e 5 distrutti Decaro: «Mi vergogno per questa gente che continua a provare a distruggere i nostri sforzi e i nostri sogni»
A Bari parte il "monopattini sharing", primi 250 veicoli disponibili da Carbonara a San Giorgio A Bari parte il "monopattini sharing", primi 250 veicoli disponibili da Carbonara a San Giorgio Il servizio è stato presentato questa mattina: per sbloccare i velocipedi basta una app per la scansione del Qr code. Costo di 15 centesimi al minuto
Bari, via al "Monopattini sharing" con 250 mezzi e postazioni free floating Bari, via al "Monopattini sharing" con 250 mezzi e postazioni free floating La prima azienda ad aver risposto positivamente alla manifestazione di interesse è la Helbitz Italia s.r.l., lunedì la presentazione del progetto
La storia infinita del bike sharing a Bari, si cerca un accordo tra Comune e azienda La storia infinita del bike sharing a Bari, si cerca un accordo tra Comune e azienda Una delibera di Giunta sembra rimettere tutto in gioco pensando ad un altro bando ma Sitael non ci sta, Melchiorre: «Se qualcuno ha sbagliato deve pagare»
Mobilità sostenibile, dalla Regione Puglia arrivano 13 milioni. Finanziata pista ciclabile in corso Italia Mobilità sostenibile, dalla Regione Puglia arrivano 13 milioni. Finanziata pista ciclabile in corso Italia In provincia di Bari, oltre al capoluogo, interessate altre sette città, alcune con progetti in associazione. Galasso: «Strada diventerà più bella e vivibile»
Sharing di monopattini e segway elettrici, il Comune di Bari pubblica l'avviso Sharing di monopattini e segway elettrici, il Comune di Bari pubblica l'avviso Si punta a trovare massimo cinque soggetti interessati a svolgere in via sperimentale il servizio
Comune di Bari, approvato lo schema per lo sharing di segway e monopattini elettrici Comune di Bari, approvato lo schema per lo sharing di segway e monopattini elettrici A questo documento farà seguito un avviso pubblico per la gestione del servizio in regime di libera concorrenza
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.