Antonio Decaro
Antonio Decaro
Enti locali

Decaro su Cassa Prestanza : "Serve fare chiarezza su chi ha gestito quei soldi negli ultimi anni"

Il sindaco si dice preoccupato sugli esiti finali della vicenda paventando un rischio sui risparmi versati dai lavoratori del Comune di Bari

"La drammatica situazione dei conti della Cassa Prestanza merita un'attenta riflessione soprattutto da parte di chi negli ultimi anni l'ha gestita, ossia i dipendenti comunali che hanno ricoperto l'incarico di amministratori della stessa Cassa. Da parte mia, seriamente preoccupato per gli esiti finali di questa vicenda e, soprattutto, per i soldi versati dagli oltre 1300 dipendenti comunali, sono impegnato a verificare se, al momento, esistano possibilità risolutive a tutela dei risparmi dei lavoratori. Ritengo, però, indispensabile che tutto questo sia preceduto da una rigorosissima verifica delle modalità di gestione della Cassa in tutti questi ultimi anni in cui si è determinato questo gravissimo squilibrio finanziario. Immagino che su questo punto non registrerò divisioni tra maggioranza e opposizione. Così come spero che il percorso che intendiamo intraprendere per salvaguardare gli importi versati dai dipendenti, trovi la più ampia condivisione tra le forze politiche presenti in Consiglio comunale, a partire da quelle che hanno determinato questa situazione". Lo ha detto il sindaco di Bari Antonio Decaro tornando sulla ormai spinosa questione della Cassa Prestanza e della sua gestione contestata oggi da alcuni dipendenti in presidio in Comune.

La Cassa Prestanza è una specie di salvadanaio istituito nel 1924 dal Comune di Bari in favore dei dipendenti comunali con lo scopo di concedere agli iscritti sovvenzioni, borse di studio, assistenza e buonuscita, previo versamento di circa il 3% dello stipendio. Sono oltre 1300 i dipendenti comunali, più un centinaio già pensionati, iscritti alla Cassa prestanza, che rischiano di non vedere riconosciuto il diritto al premio di buonuscita maturato negli anni di servizio al Comune di Bari
A febbraio è stato siglato il rinnovo del contratto dei dipendenti degli enti locali che ha riconosciuto oltre ad incrementi di stipendio per il biennio 2016-2018, anche nuove norme riguardanti il "welfare aziendale" come la cassa prestanza, insomma, bloccata da un esposto dei 5Stelle nel 2014 per presunte irregolarità di gestione. Da allora sulla vicenda era calato il silenzio sino a qualche giorno fa quando, il 27 novembre, la consigliera comunale Irma Melini aveva presentato un esposto contro sindaco e presidente della Cassa Pierluigi Introna.
https://www.bariviva.it/notizie/cassa-prestanza-melini-diffida-il-comune-di-bari/

Secondo la Melini a mancare sarebbero proprio i soldi - "da un lato il contributo annuale del Comune congelato dal 2014, dopo l'esposto senza risposta alla Corte dei Conti da parte dei 5 Stelle, dall'altro i soldi versati dagli iscritti che hanno visto più uscite che entrate in una gestione ormai discutibile. Ultimo atto di questa farsa, posto in essere dall'Amministrazione Decaro, nella persona del suo delegato presidente Introna, è stato quello di bloccare da maggio scorso i premi di buonuscita a chi già in pensione e a sospendere da questo novembre anche il contributo alla Cassa che mensilmente i dipendenti comunali iscritti versano".
  • cassa prestanza
Altri contenuti a tema
Assemblea di cassa prestanza a Bari, Decaro propone liquidazione volontaria e un fondo welfare Assemblea di cassa prestanza a Bari, Decaro propone liquidazione volontaria e un fondo welfare Critiche da parte della consigliera Melini: «Così si espongono i soldi dei baresi a molti più ricorsi di quanti non siano già arrivati»
Cassa prestanza, Decaro risponde: «Solo bugie per fini elettorali. Io tutelo tutti i dipendenti» Cassa prestanza, Decaro risponde: «Solo bugie per fini elettorali. Io tutelo tutti i dipendenti» La replica del sindaco alle accuse: «Pensionati hanno avuto quel che gli spetta, non possono pretendere altro. Parlerò con gli iscritti»
Cassa prestanza, dipendenti comunali presentano esposto in Procura: «Rivogliamo nostri soldi» Cassa prestanza, dipendenti comunali presentano esposto in Procura: «Rivogliamo nostri soldi» Abuso d'ufficio e omissione di atti d'ufficio le ipotesi di reato. Melini: «Ricorso alla Magistratura è il fallimento delle istituzioni»
Cassa prestanza dipendenti Comune di Bari, Caradonna: «Problema non ancora risolto» Cassa prestanza dipendenti Comune di Bari, Caradonna: «Problema non ancora risolto» Il consigliere di Fratelli d'Italia: «Altri due mesi passati nel silenzio. Sindaco porti le carte in Procura»
Cassa Prestanza a Bari, Melini abbandona il consiglio in segno di protesta Cassa Prestanza a Bari, Melini abbandona il consiglio in segno di protesta La consigliera e candidata sindaco: «Il mio gesto per prendere le distanze da chi continua a prendere in giro i dipendenti comunali»
Cassa Prestanza, in Aula Dalfino va in scena la protesta dei dipendenti comunali Cassa Prestanza, in Aula Dalfino va in scena la protesta dei dipendenti comunali Durante la discussione in merito nella seduta del consiglio di ieri pomeriggio i presenti hanno dato le spalle al sindaco
Cassa Prestanza a Bari, Carrieri: «Non rimane che la strada giudiziaria» Cassa Prestanza a Bari, Carrieri: «Non rimane che la strada giudiziaria» Dura reazione del consigliere di opposizione dopo la protesta dei dipendenti comunali, Melini: «Imbarazzante che Decaro si dica estraneo»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.