droga gravina
droga gravina
Cronaca

Conflitto per il controllo dello spaccio di droga a Gravina in Puglia, 22 arresti dei carabinieri

Le indagini dei carabinieri hanno tratto origine dalla spaccatura interna al clan criminale Mangione

I carabinieri del comando provinciale di Bari, con il supporto dei reparti competenti per territorio, hanno eseguito ventidue ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione distrettuale antimafia, in cui sono indiziati di appartenere ad un sodalizio dedito al traffico di sostanze stupefacenti ed altro.

Secondo l'impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), le indagini, condotte dal gennaio 2018 a oggi, dalla sezione operativa della compagnia carabinieri di Altamura e dalla stazione di Gravina, mediante servizi di osservazione controllo e pedinamento, perquisizioni e sequestri, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza in merito ad attività illecite poste in essere dall'associazione facente capo a Mangione Vincenzo detto Remì.

Gli indagati rispondono, a vario titolo, anche di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, porto e detenzione di armi.

L'indagine trae origine dalle attività connesse al tentato omicidio di Mangione Nicola, alias Geppetto, commesso, in data 08 gennaio 2018, nel quartiere Cep di Gravina in Puglia. L'attività investigativa, svolta in ordine al predetto delitto, aveva documentato come lo stesso era maturato nel contesto del conflitto tra due agguerrite consorterie criminali, radicate in Gravina in Puglia e nate dall'unico clan Mangione in seguito ad una scissione interna, contendendosi il controllo dello spaccio di droga.

In particolare, si erano formati due gruppi, capeggiati da Mangione Vincenzo soprannominato Remì (detenuto in carcere e tra i destinatari dell'odierna misura cautelare) e da suo cugino Mangione Nicola detto Geppetto. Gli esecutori del tentato omicidio furono individuati nel predetto Mangione Vincenzo e Loglisci Michele detto U Spulp, arrestati in esecuzione di misura cautelare il 02 maggio 2019 e condannati il 06.02.2020, con sentenza definitiva del Tribunale di Bari: il primo a 9 anni e 4 mesi di reclusione, il secondo a 7 anni e 4 mesi.

In seguito a questi fatti era iniziata una mirata indagine, coordinata sempre dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari, che documentava la presenza sul territorio di un vero e proprio sodalizio, ben strutturato ed organizzato, facente capo a Mangione Vincenzo, dedito allo spaccio di stupefacenti in varie zone della città di Gravina in Puglia, con la ripartizione di ruoli e compiti (luogotenenti di zona, soggetti dediti al taglio e confezionamento dello stupefacente, custodi della droga e spacciatori al dettaglio).

Durante le attività, compendiate nella misura cautelare, sono stati sequestrati 2,5 kg circa di stupefacente, tre pistole calibro 7.65 e 87 cartucce dello stesso calibro e documentati numerosi episodi di spaccio di sostanze stupefacenti tipo hashish, marijuana e cocaina, nonché la detenzione ed il porto di armi, con l'arresto in flagranza di nove persone, a vario titolo ritenute responsabili dei predetti reati.

Il GIP del Tribunale di Bari, condividendo il quadro indiziario proposto dalla Procura della Repubblica di Bari DDA, ha emesso le ordinanze a carico dei predetti indagati, eseguite in Gravina in Puglia, Loreto (AN), Limone sul Garda (BS) ed Ancona.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che, all'esecuzione delle misure cautelari odierne seguirà l'interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo, nel contraddittorio tra le parti.
  • Carabinieri
  • Droga
  • Gravina in Puglia
Altri contenuti a tema
Operazione anticaporalato, in azione i Carabinieri in provincia di Bari Operazione anticaporalato, in azione i Carabinieri in provincia di Bari In carcere un uomo e una donna: la manodopera operava nei comuni di Cassano Murge, Turi, Acquaviva Delle Fonti e Rutigliano
210° anniversario della fondazione dell'arma dei Carabinieri: limitazioni al traffico 210° anniversario della fondazione dell'arma dei Carabinieri: limitazioni al traffico Le variazioni sono state disposte dalla Polizia Locale per consentire lo svolgere delle celebrazioni
Bari Vecchia, intensificati i controlli dei Carabinieri dopo l'omicidio Capriati Bari Vecchia, intensificati i controlli dei Carabinieri dopo l'omicidio Capriati I militari hanno sequestrato denaro contante per riciclaggio e arrestato tre giovani fra i 19 e i 24 anni
Guerra di mafia nel 2018, omicidio Andolfi: condanne definitive per 7 arrestati Guerra di mafia nel 2018, omicidio Andolfi: condanne definitive per 7 arrestati I reati avvennero a Carrassi, riconducibili al contrasto tra i clan Palermiti-Anemolo, egemoni nel quartiere, e Capriati
Traffico illecito di pezzi di ricambio di auto, quattro arresti Traffico illecito di pezzi di ricambio di auto, quattro arresti Si tratta di cittadini fasanesi di un'età compresa tra i 25 e i 51 anni
Carabinieri salvano gattino intrappolato nella fogna Carabinieri salvano gattino intrappolato nella fogna La segnalazione giunta ai militari da alcuni cittadini di Poggiorsini
Quartiere San Paolo, i Carabinieri scoprono un deposito di sostanze stupefacenti Quartiere San Paolo, i Carabinieri scoprono un deposito di sostanze stupefacenti Arrestato un 24enne
Centinaia di reperti archeologici nell’abitazione di due pensionati di Bari Centinaia di reperti archeologici nell’abitazione di due pensionati di Bari La scoperta dei carabinieri
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.