I danni alla gioielleria CriGiu
I danni alla gioielleria CriGiu
Cronaca

Colpo grosso alla gioielleria CriGiu di Bari: furto da oltre 70mila euro

Il raid fra mercoledì e giovedì in via Garibaldi, a Santo Spirito. Lo sfogo della titolare contro «le istituzioni assenti»

Quella a cavallo fra mercoledì e giovedì scorsi è stata una notte molto movimentata a Santo Spirito, quartiere a nord di Bari. Una banda ha infatti preso d'assalto la gioielleria CriGiu di via Garibaldi e portato via gioielli e preziosi per un valore di oltre 70mila euro. «Siamo ancora provati!», ha detto la titolare, Renata Tessser.

E il danno è destinato a salire anche e soprattutto per via della devastazione all'interno del negozio. Sembravano invasati, i ladri. La notizia, sebbene datata di un giorno, è inedita. I furfanti, almeno tre, sono entrati in azione attorno alle ore 01.30 di giovedì: hanno scardinato la serranda di ingresso con la fiamma ossidrica e letteralmente sfondato la porta blindata, prima di eludere il sistema d'allarme presente nella attività commerciale. Un colpo preceduto da qualche sopralluogo.

E poi, una volta dentro, dopo aver coperto le telecamere di videosorveglianza con uno spray nero, hanno fatto baldoria. Hanno saccheggiato il locale che si trova in centro fuggendo via con il prezioso bottino. L'aspetto incredibile è che la gioielleria si trova ad un pugno di metri dalla centralissima via Napoli. Eppure, sembra che nessuno abbia sentito i rumori del raid, che pure devono essere stati assordanti, quando la serranda è stata forzata e i cristalli delle vetrine sono stati rotti.

Tutta l'azione, peraltro, è stata rapida. La banda è entrata in azione trenta minuti dopo l'una di notte e una manciata di minuti dopo era già in fuga nella notte, mentre dopo il colpo la gioielleria è rimasta a porte spalancate fino all'allarme lanciato intorno alle ore 06.30, quando lo staff del Benny's Bar ha notato i segni del furto. «È doveroso ringraziare chi si è stretto a noi, in primis Mimmo e Lorenzo del bar Benny's per aver subito allertato le forze dell'ordine», ha detto la titolare.

Le Volanti della Questura sono poi intervenute con l'ausilio dei colleghi della Scientifica per i rilievi di rito. «Grazie ad Oronzo Campobasso e Luigi Caiati per aver collaborato con le forze dell'ordine. Grazie a tutti i clienti, gli amici e ai alcuni commercianti per il conforto ricevuto, a Santo Spirito non vediamo la presenza di un presidio di sicurezza - ha detto Tesser -. E non dimentico le istituzioni del posto completamente assenti, impegnate nella campagna elettorale. Complimenti!».

Stesso identico copione, a Castellana Grotte, dove nella notte fra giovedì e venerdì, almeno tre banditi, hanno mandato in frantumi le vetrine e gli espositori della gioielleria Manghisi in corso Italia. Una pattuglia della Vigilanza ha messo in fuga i ladri, i quali, per coprirsi la fuga, hanno esploso alcuni colpi di pistola in aria.
  • Furti Bari
Altri contenuti a tema
Rubano l'auto ad un ragazzo disabile: era a Palese, ritrovata a Bitonto Rubano l'auto ad un ragazzo disabile: era a Palese, ritrovata a Bitonto Daniele Di Gioia ha pubblicato sui social il suo messaggio fotografando la vettura, poi rinvenuta nelle campagne della città dell'olio
I ladri d'auto incastrati da gps e telecamere. Decisivo il video di Santo Spirito I ladri d'auto incastrati da gps e telecamere. Decisivo il video di Santo Spirito Alla banda di bitontini - tre ai domiciliari - sono stati contestati 12 colpi in due mesi. Decisivo il ritrovamento di un'Audi RS3 nei pressi della 231
Compra l'auto a Japigia, gliela rubano dopo 3 ore a Terlizzi Compra l'auto a Japigia, gliela rubano dopo 3 ore a Terlizzi La storia di un 30enne barese
Tornano le spaccate, colpo al Gran Caffè Imbriani: ladri via con 2mila euro Tornano le spaccate, colpo al Gran Caffè Imbriani: ladri via con 2mila euro I banditi, almeno due, hanno sfondato l'ingresso con un masso. Scena fotocopia del colpi precedenti avvenuti in città
Vetro dell'auto rotto in piazza Umberto e molestie: «È terra di nessuno» Vetro dell'auto rotto in piazza Umberto e molestie: «È terra di nessuno» Il racconto shock, su Facebook, dell'avvocatessa Mariella Leone oggetto anche di gesti violenti: «È diventato pericooso»
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.