carcere
carcere
Attualità

Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta

Domani mattina manifestazione davanti al provveditorato regionale in via De Gasperi

Una manifestazione di protesta unitaria, organizzata da SAPPE, OSAPP, SIPPE-SINAPPE, UIL, CISL e CNPP si terrà davanti alla sede del Provveditorato Regionale, in via De Gasperi, per denunciare la gravissima carenza d'organico esistente nell'Istituto Penitenziario di Bari

«La sede barese è l'unica, nella regione Puglia, a non aver ottenuto almeno l'organico stabilito dalla legge Madia - si legge in una nota dei sindacati - pari a 276 unità, poiché alla data attuale amministra 256 unità di cui 12 sono distaccate presso la sede del PRAP. Tale situazione determina gravi rischi per la sicurezza e porta il personale a subire stress correlato all'attività lavorativa; fattispecie assolutamente inaccettabile e non più sostenibile».

«Con la struttura sanitaria SAI - prosegue la nota - l'Istituto Barese è diventato un ospedale. Al suo interno sono presenti detenuti appartenenti alla criminalità organizzata di tutte le regioni italiane, situazione che crea problemi di sicurezza nei reparti detentivi, poiché gli stessi non vengono ricoverati presso il SAI, ma assegnati ai reparti dell'Istituto. La struttura sanitaria non assicura l'assistenza e, quotidianamente, produce ricoveri esterni e decine di visite ambulatoriali nelle strutture sanitarie esterne, svuotando il carcere dei pochi agenti rimasti in servizio».

«La situazione del carcere barese, da sempre istituto di rilevanza strategica per le diverse situazioni dei clan contrapposti delle sezioni alta sicurezza e della quotidiana carenza di posti per l'accettazione degli arrestati, mette il personale tutto in condizioni di grave rischio, senza che vi sia un adeguato numero di uomini utili ad affrontare le emergenze quotidiane», aggiungono i sindacati.

«Le OO.SS. chiedono che il SAI sia trasferito in altro istituto nell'ipotesi in cui non sia garantito il servizio, poiché non funzionale e soprattutto pericoloso per la continua fuoriuscita di detenuti nelle strutture esterne - concludono - Inoltre, chiedono una convocazione urgente al Provveditore. In caso di mancata convocazione si riservano di avviare denunce alla magistratura del lavoro per le condizioni di mancanza di diritto dei lavoratori, oltre ai continui rischi per la sicurezza. Chiediamo, infine, l'assegnazione immediata di almeno 80 unità di Polizia Penitenziaria, per integrare sia il personale in servizio in Istituto, che quello assegnato all'NTP provinciale».
  • Sindacati
  • Carcere
  • manifestazione
  • carcere di bari
Altri contenuti a tema
Stazione di Bari, la manifestazione anti-Green Pass è un flop Stazione di Bari, la manifestazione anti-Green Pass è un flop Presente solo uno sparuto gruppetto di persone, maggiore il dispiegamento delle forze dell'ordine
Evaso da carcere di Trani, si costituisce a Bari Antonio De Noja Evaso da carcere di Trani, si costituisce a Bari Antonio De Noja Si è presentato stamattina in Questura con il suo avvocato, ancora nessuna notizia del 22enne Arciuli
Ricerche senza sosta dei due evasi di Bari. Il Sappe: «Evasione annunciata» Ricerche senza sosta dei due evasi di Bari. Il Sappe: «Evasione annunciata» Sulle tracce del 22enne e del 28enne scappati dal carcere di Trani ci sono Carabinieri e Polizia
Clamorosa fuga dal carcere di Trani, gli evasi sono un 22enne e un 28enne di Bari Clamorosa fuga dal carcere di Trani, gli evasi sono un 22enne e un 28enne di Bari Le ricerche stanno proseguendo senza sosta per tutto il nord barese anche con posti di blocco delle forze dell'ordine
Evasione dal carcere di Trani, in fuga due detenuti di Bari Evasione dal carcere di Trani, in fuga due detenuti di Bari I due avrebbero eluso la sorveglianza e scavalcato il muro di cinta intorno alle 14.45
I sindacati contro il Governo sulla scuola: «Non si riapre per decreto» I sindacati contro il Governo sulla scuola: «Non si riapre per decreto» Ad un mese dall'inizio dell'anno scolastico sembrano ancora tanti i nodi da sciogliere per tornare in presenza
Cittadini in piazza contro i roghi: «Bari non sarà nuova terra dei fuochi» Cittadini in piazza contro i roghi: «Bari non sarà nuova terra dei fuochi» Manifestazione nel pomeriggio di ieri davanti a Palazzo di città, una delegazione è stata ricevuta dal capo di gabinetto della Prefettura
Carcere di Bari, dopo le proteste incontro con l'on. Sisto Carcere di Bari, dopo le proteste incontro con l'on. Sisto Soddisfazione dei sindacati in seguito al meeting con il sottosegretario
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.