Lo sciopero alla Bosch di Bari
Lo sciopero alla Bosch di Bari
Scuola e Lavoro

Bosch nessuna novità dal Ministero, e intanto i sindacati si spaccano

Rottura tra Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm da un lato e UglM dall'altro, accuse reciproche e lo spettro sempre più concreto degli esuberi

L'incontro al ministero dello sviluppo economico è stato un buco nell'acqua, nessuna novità sostanziale è venuta fuori e l'azienda continua a rimanere ferma nelle sue posizioni. Dal ministero è giunta quindi la richiesta di interloquire nel prossimo incontro direttamente con i vertici europei, per comprendere quali siano le reali intenzioni dell'azienda (ricordiamo si parla di oltre 600 esuberi a partire dal 2023) e capire se possa esserci margine per un reale piano di differenziazione produttiva da mettere in atto nel sito cittadino, patria del common rail.

Intanto, continuano i malumori in azienda anche tra gli stessi dipendenti. I sindacati sono spaccati, da un lato Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm e dall'altro UglM che non ha nemmeno partecipato allo sciopero del 28 novembre ritenendolo un'azione tardiva oltre che una perdita solo per i dipendenti stessi.

D'altronde UglM è da sempre stata contraria anche agli accordi sottoscritti due anni fa ritenendoli lesivi per i dipendenti in quanto: «A pagare il prezzo di questi accordi – sottolinea il segretario provinciale Samantha Partipilo – sono stati finora solo i lavoratori, che si vedono una riduzione media dello stipendio di circa 500 euro ogni mese, che vivono quotidianamente con la minaccia dei licenziamenti e con l'insicurezza di riuscire a sostentare le proprie famiglie». Accordi che invece le altre sigle ritengono fondamentali, al punto da aver messo sul tavolo all'azienda anche il suo obbligo a mantenerli.

«È necessario che si chiariscano le reali prospettive produttive e occupazionali - sottolinea dopo l'incontro Fiom Cgil - e gli investimenti adeguati per affrontare una rivoluzione del settore attraverso la transizione industriale verso produzioni ecologiche. Gli strumenti messi in campo finora non bastano».

«L'azienda non ha un prodotto innovativo tale da saturare la capacità produttiva di Bari - rimarca UglM - e il fatto che preferisca parlare per il momento di sovracapacità, invece di esuberi e di licenziamenti, non ci tranquillizza affatto, perché è evidente che, qualora non dovessero arrivare nuove produzioni, anche diverse dal settore automotive, il destino della fabbrica è segnato».
  • Bosch
Altri contenuti a tema
Lo spettro dei licenziamenti come regalo di Natale alla Bosch Lo spettro dei licenziamenti come regalo di Natale alla Bosch Stamattina sciopero con un'adesione pari al 100% dei lavoratori Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm
Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti L'azienda in una riunione in Germania ha confermato i tagli in tutte le sue filiali, domani si sciopera
La crisi Bosch Bari torna a Roma, appuntamento il 28 novembre La crisi Bosch Bari torna a Roma, appuntamento il 28 novembre Ruggiero (M5S): «Non è possibile che siano i dipendenti a subire le conseguenze di una crisi di cui non hanno colpa»
Bosch di Bari, in seicento a rischio e il 28 novembre sarà sciopero Bosch di Bari, in seicento a rischio e il 28 novembre sarà sciopero Pochi giorni fa approvato un ordine del giorno alla Camera presentato da Galantino per tenere alta l'attenzione sulla situazione
Crisi Bosch a Bari, Falcetta (Uilm): «A rischio 600 lavoratori» Crisi Bosch a Bari, Falcetta (Uilm): «A rischio 600 lavoratori» I sindacati hanno ottenuto l'apertura di un tavolo monotematico in Regione dal prossimo 12 settembre
Nubi nere sul futuro della Bosch a Bari, Denner: «Il vento in poppa non c'è più» Nubi nere sul futuro della Bosch a Bari, Denner: «Il vento in poppa non c'è più» Preoccupazione di UglM dopo le nuove dichiarazioni del presidente: «Chiediamo uno sforzo maggiore all'azienda»
Seicentoventi esuberi entro il 2022, il triste destino della Bosch di Bari Seicentoventi esuberi entro il 2022, il triste destino della Bosch di Bari Una situazione molto preoccupante emerge dall'incontro al Mise, UglM: «Nessun progetto è stato presentato»
Bosch Bari, i sindacati: «Serve progetto industriale adeguato per salvare la fabbrica» Bosch Bari, i sindacati: «Serve progetto industriale adeguato per salvare la fabbrica» Incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, a rischio duemila lavoratori impiegati nella nostra città
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.