Un ragazzo a scuola con la mascherina
Un ragazzo a scuola con la mascherina
Scuola e Lavoro

«Basta con la didattica a scelta», i presidi in Puglia scontenti dell'ultima ordinanza

ANP parla non solo difficoltà di gestione della DDI, ma di impossibilità di organizzazione a causa della brevità della durata delle disposizioni

La nuova ordinanza sulla scuola del presidente Emiliano ha sicuramente destato malumori. Considerando anche che la sua scadenza è molto breve, avendo validità solo fino al 23 gennaio.

«Siamo francamente sconcertati - scrivono da ANP Puglia - ma dovremmo meglio dire indignati, da questo balletto di disposizioni, che ora impegnerà i dirigenti in quel che resta del fine settimana a richiedere ai genitori l'espressione della loro volontà. E, inoltre, tutto ciò varrà solo per 6 giorni, poiché la nuova ordinanza vige da lunedì 18 soltanto fino a sabato 23 gennaio. Come nella precedente ordinanza la scelta dei genitori è esercitabile solo per una sola volta e per l'intero periodo di vigenza, ossia fino al 23 gennaio, ma da lunedì ci potranno essere deroghe rimesse alle valutazioni del dirigente scolastico. Il che significa che saranno possibili ripensamenti in corso d'opera da parte delle famiglie».

«Non ci stiamo lamentando - aggiungono - dell'ennesimo surplus di lavoro, ormai ci siamo abituati, ma del fatto che con l'ultima di queste ripetute piroette si danno definitivamente tanti saluti alla stabilità dell'organizzazione e dell'offerta formativa delle scuole, da esse faticosamente perseguite fino ad oggi».

«Nelle scuole pugliesi del primo ciclo - proseguono - continua ad essere in vigore la discutibile "libertà di scelta" e la nuova ordinanza affossa pure la disposizione, chiesta da noi e dalle altre organizzazioni sindacali per assicurare almeno una parvenza di stabilità alla frequenza scolastica, che la scelta, una volta che fosse esercitata, non potesse essere più cambiata. Abbiamo ritenuto fosse discutibile, e continuiamo a ritenerla tale, la cosiddetta "libertà di scelta" che il Presidente Emiliano fa discendere da un "principio di rango costituzionale grosso come una montagna". Ma a questo punto meglio chiudere tutto, oppure prendersi il rischio calcolato di continuare l'attività scolastica quando e dove possibile».

«Confessiamo - sottolineano i presidi - senza falsi pudori che quella contro la "libertà di scelta" appena ricordata è una battaglia che abbiamo perso, per mancanza di alleati di un qualche peso politico e istituzionale. L'attuale ministra all'istruzione minacciò a suo tempo fuoco e fiamme contro tale principio, ma poi non ne fece più nulla. Chiudiamo quindi ogni polemica sulla libertà di scelta e accettiamo, per ora e in mancanza di altre prospettive, il male minore. Ma consentiteci, se non altro, di chiederci: se il principio evocato da Emiliano è di così grande peso da scomodare la Costituzione per giustificarlo, perché si applica solo in Puglia?»

Passando alle scuole superiori, ribadiamo la nostra ferma contrarietà alle ordinanze prefettizie nella parte in cui, adducendo le difficoltà del trasporto pubblico locale, impongono il doppio turno di ingresso e di uscita alle scuole superiori di 4 province su 6 del territorio pugliese. Diverse le controindicazioni, gli inconvenienti e i disagi che il doppio turno comporterebbe, in primo luogo per gli studenti, e in secondo luogo, per le scuole, con la complicazione - ai limiti dell'impossibilità - di gestire orari delle lezioni continuamente mutevoli, in particolare quelli relativi a docenti in servizio in più scuole».

«Non si vedono ancora le annunciate misure tese ad aumentare il livello di salvaguardia sanitaria nelle scuole - concludono - Al crash down del tracciamento dei positivi al virus, difficilmente ripristinabile in tempi brevi causa la numerosità dei contagiati, ogni giorno in aumento, dovrebbe seguire un aumento della sorveglianza sanitaria, sia per mezzo di una campagna di esecuzione a tappeto di tamponi per gli alunni, sia attraverso l'immediata e non rinviabile vaccinazione di tutto il personale della scuola. A parole, ciò è stato promesso dalla Regione, come dichiarato dall'assessore Lopalco nell'ultima riunione avuta con lui, unitamente all'istituzione della figura dell'"infermiere scolastico" ossia di una figura sanitaria dedicata unicamente alle scuole e fisicamente presente nelle scuole stesse. Siamo in attesa di atti concreti, valuteremo di conseguenza».
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Dpcm Draghi, le scuole di Bari rischiano la chiusura Dpcm Draghi, le scuole di Bari rischiano la chiusura Stando ad una proiezione di YouTrend basata sui dati della protezione civile sono 24 le aree rispondenti ai parametri
Bari, il quartiere San Paolo piange Suor Genoveffa Bari, il quartiere San Paolo piange Suor Genoveffa Figura carismatica si era dedicata ai bambini dal quartiere, anche come direttrice dell'Istituto Alberotanza
Mola di Bari, il sindaco chiude le scuole per far vaccinare docenti e operatori Mola di Bari, il sindaco chiude le scuole per far vaccinare docenti e operatori Ordinanza sindacale del primo cittadino Giuseppe Colonna, ecco il calendario previsto
Scuola in Puglia, il Tar dà regione al presidente Emiliano Scuola in Puglia, il Tar dà regione al presidente Emiliano Respinto il ricorso contro l'ultima ordinanza valida fino al prossimo 14 febbraio
Emiliano torna a parlare di scuola in Puglia: “Se la vogliamo aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla” Emiliano torna a parlare di scuola in Puglia: “Se la vogliamo aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla” Il presidente lo ha sottolineato durante una riunione con i ministri Mariastella Gelmini e Roberto Speranza e i presidenti delle Regioni Italiane
È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar A proporlo di nuovo il Codacons Lecce dopo l'emanazione dell'ultima ordinanza Emiliano
1 Scuola in Puglia, ecco cosa prevede la nuova ordinanza firmata ieri notte Scuola in Puglia, ecco cosa prevede la nuova ordinanza firmata ieri notte Arriva a mezzanotte il nuovo testo, resta la DDI al 100% ma sparisce la percentuale del 50% di alunni in presenza per ragioni non diversamente affrontabili
Emiliano: «Nuova ordinanza per la scuola in Puglia, torna la possibilità di scelta» Emiliano: «Nuova ordinanza per la scuola in Puglia, torna la possibilità di scelta» Il presidente con un lungo post su Facebook interviene dopo la notizia della sospensione ordinata dal Tar
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.