Elezioni amministrative
Elezioni amministrative
Cronaca

"Ogni voto che gli porterai, papà ti pagherà", le intercettazioni contro De Giosa

Il consigliere del Municipio I è al centro dell'indagine dei carabinieri e della procura sulla compravendita di voti alle scorse amministrative

«Devi venire qui da lui e devi parlare con lui.... ogni voto che tu gli darai o gli porterai, papà ti pagherà. Tipo due voti sono già 50 euro, quattro voti sono già 100; cioè per dirti.. non c'è un limite, ti può pagare quanto c**** lui vuole, ma ovviamente tu gli devi portare voti.....».

Questo il messaggio WhatsApp nel corso della quale una voce femminile, poi identificata come Valentina De Giosa (all'anagrafe Donata), 20enne figlia di Carlo De Giosa, candidato alla carica di consigliere del "Municipio I" al Comune di Bari (lista civica "Sud al Centro" - elezioni amministrative del 26 maggio 2019) da cui è partita l'indagine per voto di scambio a Bari, in seguito alla denuncia presentata dall'uomo che lo ha ricevuto ai carabinieri.

Oltre al messaggio sono stati rinvenuti, in seguito a perquisizioni: copie fotostatiche di documenti d'identità relativi a soggetti residenti nel territorio di competenza dei "l Municipio"; diverse "schede elettorali dei medesimi soggetti; la somma cantante di euro quattromilaquattrocento euro; appunti manoscritti con indicazioni e nominativi del tipo: "buoni pasto", "persone che aggiungono", "persone che sono venute a parlare", "TESSERA ELETTORALE"; una serie di frammenti di carta, rinvenuti all'interno della busta dei rifiuti dell'umido, riconducibili a fogli differenti, su cui erano riportati appunti manoscritti relativi a numeri di telefono, nominativi, cifre, la scritta "OK", la scritta "voti".

Si è inoltre provveduto alla laboriosa analisi del contenuto del materiale hardware sequestrato, potendo così rilevare e tracciare le modalità di consumazione del reato di "corruzione elettorale", lumeggiando come i meccanismi di creazione del consenso e dei rapporti tra eletto ed elettori fossero stati sistematicamente esplicitati non solo attraverso la promessa di denaro o altra utilità in cambio del voto, ma anche grazie all'accettazione e materiale ricezione dell'offerta ad opera di molteplici elettori coinvolti, andando così pacificamente ad interferire nella libera manifestazione del voto, tanto quanto sul regolare svolgimento ed esito della campagna elettorale.

Sia a Carlo De Giosa, che a sua figlia Donata, è stato notificato "Avviso all'indagato della conclusione delle indagini preliminari e contestuale informazione di garanzia e sul diritto di difesa". Si contesta a entrambi l'ipotesi di reato di concorso in corruzione elettorale.
  • Carabinieri
  • elezioni
  • Voto di scambio
Altri contenuti a tema
Sottraggono farmaci dalla postazione del 118: indagati due infermieri in provincia di Bari Sottraggono farmaci dalla postazione del 118: indagati due infermieri in provincia di Bari I due sono stati ripresi dalle telecamere di sicurezza mentre prelevavano numerosi farmaci nel deposito
Comando provinciale dei carabinieri di Bari, il colonnello de Marchis sostituisce Fabio Cairo Comando provinciale dei carabinieri di Bari, il colonnello de Marchis sostituisce Fabio Cairo L'ex comandante partito alla volta di Roma ove assumerà quello di Direttore del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia
In giro con una pistola, arrestato 36enne a Bari In giro con una pistola, arrestato 36enne a Bari L'uomo è stato sorpreso dai carabinieri in un locale al quartiere Libertà
Sequestrano e torturano un uomo, arrestati in 3 in provincia di Bari Sequestrano e torturano un uomo, arrestati in 3 in provincia di Bari È successo a Putignano, gli accusati ritenevano il giovane autore di un furti ai danni di uno di loro
Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri: arrestato 20enne in provincia di Bari Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri: arrestato 20enne in provincia di Bari Il giovane era già destinatario della misura del divieto di avvicinamento ai genitori
Bari, nasconde hashish e marijuana sotto il cuscino: arrestato 45enne Bari, nasconde hashish e marijuana sotto il cuscino: arrestato 45enne I carabinieri, per ben due volte, hanno trovato la droga nella camera da letto del pregiudicato
Adelfia, raid nella scuola primaria "Falcone": denunciati quattro minorenni Adelfia, raid nella scuola primaria "Falcone": denunciati quattro minorenni L'accaduto risale a martedì scorso. I responsabili, due dei quali addirittura sotto i 13 anni, danneggiarono 7 computer e 2 stampanti
Sorpreso con 750 grammi di marijuana: arrestato 24enne in provincia di Bari Sorpreso con 750 grammi di marijuana: arrestato 24enne in provincia di Bari Il giovane, originario del Gambia, era entrato sotto la lente d'ingrandimento dei carabinieri per i suoi movimenti sospetti
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.