Lauto di Pikyrent vandalizzata
Lauto di Pikyrent vandalizzata
Attualità

Atti vandalici ad auto e scooter in sharing, ipotesi aree dedicate videosorvegliate

Uno scooter e due microcar sono stati rinvenuti con la carrozzeria devastata, interni manomessi e i vetri infranti

Dopo la denuncia di fine agosto, la flotta di Pikyrent subisce l'ennesimo attacco violento: gravissimi i danni arrecati ad uno scooter e a due microcar che sono stati rinvenuti con la carrozzeria devastata, interni manomessi e i vetri infranti, nella notte tra venerdì e sabato scorsi.

Non possono esserci che parole di sdegno per gli episodi deplorevoli che accadono continuamente in città – si veda anche la notizia recente del monopattino rubato a parco 2 giugno ad un bambino autistico – a scapito di quella porzione di popolazione che vorrebbe migliorare in tutti i modi il territorio in cui viviamo.

Dal nostro canto – racconta Pikyrent – non ci spieghiamo i motivi di questo accanimento nei confronti di un servizio che moltissimi cittadini apprezzano, l'ultima minicar danneggiata è stata ritrovata in pieno centro nel parcheggio antistante la prefettura, quasi in segno di sfida.

Episodi così gravi e ravvicinati stanno portando la società di sharing a dover pensare a soluzioni limitanti come la sospensione del servizio durante le ore notturne, nonostante sia proprio la fascia serale quella in cui il servizio viene maggiormente utilizzato. Oppure passare a soluzioni alternative che prevederebbero il passaggio ad uno sharing di tipo station based come per le biciclette, con hub predefiniti, sparsi in varie aree della città e monitorati dalle telecamere di video sorveglianza, a scopo di deterrenza. A tale proposito la società ha chiesto al Comune di Bari l'istituzione di un tavolo di confronto per capire insieme come si possa intervenire per arginare il fenomeno senza penalizzare i tanti cittadini e non che il servizio lo usano con soddisfazione.
Pikyrent mezzi vandalizzatiPikyrent mezzi vandalizzatiPikyrent mezzi vandalizzatiPikyrent mezzi vandalizzati
  • Mobilità sostenibile
Altri contenuti a tema
Mobilità, nuovo cantiere per eliminare passaggio a livello di Strada Santa Caterina a Bari Mobilità, nuovo cantiere per eliminare passaggio a livello di Strada Santa Caterina a Bari Maurodinoia: “Con FAL condiviso un percorso per rendere più sicuri i collegamenti ferroviari e ridisegnare la viabilità dei quartieri Picone e Poggiofranco”
“Progressus”: a Bari una nuova rete per il rifornimento dei veicoli elettrici “Progressus”: a Bari una nuova rete per il rifornimento dei veicoli elettrici L’infrastruttura sperimentale per la e-mobility realizzata nel porto sarà presentata domani
Qual è il futuro della mobilità? A Bari giornata di studio AC Bari BAT - ASSET Qual è il futuro della mobilità? A Bari giornata di studio AC Bari BAT - ASSET In Regione focus su “La mobilità sostenibile:  utilizzo di alternative ai carburanti fossili” 
Report mobilità sostenibile, Bari al quart'ultimo posto tra le città italiane Report mobilità sostenibile, Bari al quart'ultimo posto tra le città italiane Forza Italia: «Urge una svolta radicale e tempestiva per colmare il ritardo registrato dalla nostra città»
Settimana europea della mobilità, gli appuntamenti a Bari Settimana europea della mobilità, gli appuntamenti a Bari Iniziative in programma dal 16 al 22 settembre. Tutti i dettagli
Acquisto di biciclette e dispositivi di mobilità elettrica, in arrivo nuovi contributi dal Comune di Bari Acquisto di biciclette e dispositivi di mobilità elettrica, in arrivo nuovi contributi dal Comune di Bari Pubblicata la determina che dà il via al bando. Galasso: «Rispondiamo alle richieste di chi non ha partecipato alle altre edizioni»
Arrivano a Bari le Piky Cargo, mini car elettriche per consegna e trasporto pacchi Arrivano a Bari le Piky Cargo, mini car elettriche per consegna e trasporto pacchi Saranno cinque e da si aggiungono alla flotta dei mezzi elettrici in sharing
Piano della mobilità, BariEcoCity: «È una vergogna e vi diciamo perché» Piano della mobilità, BariEcoCity: «È una vergogna e vi diciamo perché» Sotto accusa non solo l'abbonamento annuale a 20 euro ma anche altre iniziative
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.