Il nuovo reparto di Nefrologia JPG
Il nuovo reparto di Nefrologia JPG
Enti locali

Assistenza, didattica e ricerca. Ecco il nuovo reparto di Nefrologia a Bari

Questa mattina l'inaugurazione, ci sono una sala operatoria videocollegata con le aule studio universitarie, ambulatori polispecialistici e un piano dedicato a ricerca e diagnostica

Elezioni Regionali 2020
Un centro dialisi all'avanguardia, una sala operatoria videocollegata con le aule studio universitarie, ambulatori polispecialistici con moduli dedicati alla telemedicina e al teleconsulto per la dialisi domiciliare e un piano dedicato a laboratori di ricerca e diagnostica. Nel nuovo padiglione dell'unità operativa complessa di nefrologia, dialisi e trapianto del Policlinico di Bari i pazienti con malattie renali troveranno un centro specialistico di eccellenza ed avranno la possibilità di essere seguiti in tutti gli stadi della malattia con tecnologie innovative.

Questa mattina l'inaugurazione della nuova struttura, diretta dal Presidente della scuola di medicina UniBa Loreto Gesualdo, con il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, accompagnato dal direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore e dal Rettore dell'Università degli Studi di Bari, Stefano Bronzini. Attualmente l'unità operativa di nefrologia ha in cura più di 1.600 pazienti portatori di trapianto d'organo e oltre 6.000 nefropatici ed è punto di riferimento per tutto il Mezzogiorno e per molti paesi del bacino del Mediterraneo.

Un grande investimento della Regione Puglia ha permesso di realizzare un edificio di 6 piani, di circa 7.000 metri quadri complessivi, dove è possibile offrire un percorso di diagnosi e cura completo. La presenza al quarto piano di laboratori di ricerca assicura la diagnostica molecolare e istopatologica per lo studio delle malattie renali e per quelle nefrologiche rare. L'intero terzo piano è dedicato alle attività ambulatoriali, al day service, all'ecografia, alla dialisi domiciliare e al follow-up dei pazienti trapiantati e in lista d'attesa, sono presenti inoltre il Clinical Trial Center e il Centro Regionale Trapianti. Allo stesso piano è attiva la Control Room che gestisce telemonitoraggio e teleconsulto, mettendo direttamente in comunicazione gli operatori della struttura e il paziente al proprio domicilio. La degenza al secondo piano dispone di 25 posti letto, di cui ben 8 di terapia subintensiva.

«Abbiamo concluso un'altra opera di ristrutturazione e questo ci consentirà di dare ad una branca fondamentale come la nefrologia locali adeguati ai bisogni – ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - Si tratta davvero di una realizzazione importante. Tutto il Policlinico è in permanente rinnovamento, è un ospedale che va continuamente manutenuto e continuamente rinnovato. Devo dire che, anche dal punto di vista architettonico, si tratta di un'operazione utile e necessaria, ma soprattutto consentirà anche di estendere spazi già occupati dalla nefrologia e quindi di migliorare la qualità della vita, della sicurezza delle operazioni, anche di altri reparti che potranno in questa maniera allargarsi. Il Policlinico di Puglia, come lo chiamo io, è il punto di riferimento di tutti gli ospedali della regione e qui afferiscono, allo stesso modo del Santissima Annunziata di Taranto, al Vito Fazzi di Lecce, al Policlinico di Foggia, all'ospedale di Barletta e di Andria, al Perrino di Brindisi, le migliori professionalità e i casi più difficili».

«Continua il percorso di consolidamento del Policlinico di Bari con la scuola di Medicina e l'Università di Bari. Vogliamo migliorare sempre più l'assistenza sanitaria mettendo al centro il paziente e questo passa non solo attraverso cure d'eccellenza possibili grazie alle professionalità presenti nel Policlinico, ma anche attraverso spazi adeguati e strumentazione di avanguardia. L'integrazione tra l'offerta clinica ospedaliera, la formazione universitaria e la ricerca rappresenta una garanzia di qualità sanitaria per tutti i pugliesi» ha commentato il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore.

Per facilitare l'accesso ai pazienti dializzati, il settore dialisi è stato collocato al piano terra. Oltre ai pazienti uremici cronici, qui trovano risposta ai loro bisogni i pazienti con acuzie o con sepsi o che necessitano di aferesi o di trattamenti di immunoassorbimento. Gli impianti di bi-osmosi sono di ultima generazione, e il sistema di distribuzione delle soluzioni concentrate acide per monitor di dialisi consentiranno di ottenere un sensibile risparmio idrico, energetico e l'azzeramento della produzione di rifiuti speciali.

Al piano terra è collocata anche la sala operatoria in cui, oltre agli interventi per posizionamento di cateteri peritoneali, confezionamento di fistole e protesi per accessi vascolari, potranno essere trattate anche patologie vascolari dei pazienti nefropatici, grazie alla presenza di un angiografo digitale e alla collaborazione con le chirurgie vascolari ed interventistiche del Policlinico. La presenza di diverse aule studio, collegate digitalmente con la sala operatoria e quella conferenze, concretizza finalmente il modello ideale che deve operare in una Azienda Ospedaliero-Universitaria, mettendo insieme in un unico plesso l'assistenza, la didattica e la ricerca per garantire, oltre ad un elevato standard assistenziale per i pazienti, una didattica universitaria completa per gli studenti.
Il nuovo reparto di Nefrologia JPGIl nuovo reparto di Nefrologia JPGIl nuovo reparto di Nefrologia JPGIl nuovo reparto di Nefrologia JPG
  • Policlinico
Altri contenuti a tema
Covid-19, un caso nel reparto di Ginecologia del Policlinico di Bari Covid-19, un caso nel reparto di Ginecologia del Policlinico di Bari La donna, pronta a partorire, è stata messa in isolamento. La struttura resta regolarmente operativa
Policlinico di Bari, tenta di rubare la pistola ai poliziotti e li aggredisce. Arrestato 49enne Policlinico di Bari, tenta di rubare la pistola ai poliziotti e li aggredisce. Arrestato 49enne La presenza dell'uomo era stata segnalata all'interno del padiglione ospedaliero di Ortopedia
La violenza sugli operatori sanitari diventa reato, Migliore (Policlinico): «Salvaguardati diritti di tutti» La violenza sugli operatori sanitari diventa reato, Migliore (Policlinico): «Salvaguardati diritti di tutti» Il Senato ha dato via libera: reclusione fino a 16 anni. Istituito anche un osservatorio per monitorare il livello di sicurezza
Il Policlinico di Bari revoca concessione al bar, Cisl: «Posti di lavoro a rischio» Il Policlinico di Bari revoca concessione al bar, Cisl: «Posti di lavoro a rischio» Il provvedimento sarà valido dal 10 agosto. Il sindacato: «Proclamato stato di agitazione»
Ventiquattrore di trapianti non stop al Policlinico di Bari Ventiquattrore di trapianti non stop al Policlinico di Bari Ne sono stati eseguiti otto in giornata nelle sale dei padiglioni Asclepios e Rubino
Policlinico di Bari, finisce lo smart working per il personale amministrativo Policlinico di Bari, finisce lo smart working per il personale amministrativo Da lunedì 27 luglio previsto il rientro dei 250 dipendenti impiegati nel telelavoro con l'emergenza Coronavirus
Riattivate due casse Cup al Policlinico di Bari e al Giovanni XXIII Riattivate due casse Cup al Policlinico di Bari e al Giovanni XXIII In funzione anche tre sportelli automatici ad Asclepios, padiglione oculistica e alla reception del pediatrico
Ciclista 31enne morto a Monopoli, la mamma dona sei organi. Prelievo al Policlinico di Bari Ciclista 31enne morto a Monopoli, la mamma dona sei organi. Prelievo al Policlinico di Bari La famiglia ha dato il consenso all'espianto di cuore, fegato, reni e polmoni. Equipe mediche al lavoro da tutta Italia
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.