L'inaugurazione
L'inaugurazione
Eventi e cultura

Arriva a Bari Bi.Do.Ba. la biblioteca di genere aperta anche ai più piccoli

Un luogo nel pieno del quartiere Libertà in cui ci saranno condivisione, formazione e incontri, Bottalico: «Lettura come arma contro l'emarginazione»

Uno spazio sociale per leggere nel cuore del quartiere Libertà dedicato alla promozione della cultura di genere. Si chiama Bi.Do.Ba ed è stato inaugurato oggi in una delle stanze della cooperativa Aliante. A permettere la nascita di questo luogo, il terzo dedicato a questo tema insieme alla Biblioteca dei Ragazzi-e e al lascito Garofalo (inaugurato da poco a Palese), la sinergia tra l'assessorato al Welfare con la rete Bari Social Book, l'Università di Bari coinvolta nello specifico con il Dipartimento di Studi Umanistici e il Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione (da anni sede dell'Archivio di Genere), il CisCuG e il Co.Re.Com.

«Questo nuovo spazio si aggiunge ai 21 già presenti in città - sottolinea l'assessore Francesca Bottalico - Non si tratta solo di una biblioteca o di un luogo di studio piuttosto di un luogo in cui fare comunità, intorno alla lettura. È solo un passo verso la creazione di un Hub di biblioteche di genere in cui sviluppare una condivisione di idee. Al momento i libri sugli scaffali non sono molti, a causa anche delle regole dettate dal Covid che obbligano alla quarantena e disinfezione dei volumi, in totale sono circa 200, ma è solo un inizio. Questo luogo vivrà grazie anche all'apporto che ognuno vorrà dare».Un luogo in cui verranno organizzati incontri dedicati non solo ai grandi o ai ragazzi dell'università, ma anche ai più piccoli, coloro che sono il futuro. E in cui saranno presenti anche dei pc che permetteranno la consultazione del catalogo presente in tutta la città e anche nelle biblioteche universitarie, così da rendere questi beni più accessibili ai comuni cittadini.

«Aprire centri di confronto come questi - dichiara il Magnifico Rettore di Uniba, Bronzini - è un atto di civiltà. La lettura ci permette di educare al confronto e al linguaggio. Ora si parla molto di distanziamento sociale a causa del Coronavirus, attraverso questi posti dobbiamo abolire invece il distanziamento, e accorciare le distanze, soprattutto tra le istituzioni. La collaborazione permette di arricchire la città con questi presidi di civiltà, necessari in questo periodo storico contro le devianze dovute alla disuguaglianza sociale».

Bi.Do.Ba. porta il nome della professoressa Maria Cristina Rinaldi che, come ricordato dal marito presente alla cerimonia, poco prima di morire sul suo blog scriveva: «Alcuni dicono che i libri ti salvano la vita, un'affermazione che a me sembra un po' enfatica: penso però che soprattutto i grandi romanzi sono dei giacimenti immensi in cui puoi trovare la serenità, il coraggio, l'equilibrio e i mezzi per fronteggiare una sofferenza e un dolore, "la letteratura come archivio della condizione umana"».
14 fotoL'inaugurazione di Bi.Do.Ba a Bari
L'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazioneL'inaugurazione
  • Libri e letteratura
  • uniba
  • Co.Re.Com.
  • Bari Social Book
Altri contenuti a tema
Pnrr, l'Università di Bari presente con dieci progetti nell'ambito dei partenariati estesi Pnrr, l'Università di Bari presente con dieci progetti nell'ambito dei partenariati estesi Il bando conta su Euro 1,61 miliardi totali, di cui almeno il 40% nelle regioni del Mezzogiorno
Con Beppe Convertini un viaggio nell’Italia delle bellezze nascoste Con Beppe Convertini un viaggio nell’Italia delle bellezze nascoste Presentata a Trani l’originale guida turistica pubblicata dalla casa editrice Ad Maiora
Covid, incidenza e fattori di rischio: lo studio dell'Università di Bari pubblicato su “Vaccines” Covid, incidenza e fattori di rischio: lo studio dell'Università di Bari pubblicato su “Vaccines” Esaminato un campione di 60mila operatori sanitari appartenenti a dodici diversi centri europei
Università di Bari, gli studenti protestano contro il blocco delle carriere accademiche Università di Bari, gli studenti protestano contro il blocco delle carriere accademiche Stretta dell'ateneo contro chi è in mora con le tasse. Link: «Misura fortemente discriminatoria e classista»
Università di Bari, firmato il protocollo "Scuole in STE@M" Università di Bari, firmato il protocollo "Scuole in STE@M" Una delle azioni per la realizzazione della strategia regionale per la parità di genere in Puglia
Università di Bari, bando per 22 visiting professor ucraini Università di Bari, bando per 22 visiting professor ucraini Per ognuno viene assegnato un contributo omnicomprensivo lordo minimo pari a 10.000 euro
Università di Bari, si laurea il primo studente rifugiato dall’Afghanistan Università di Bari, si laurea il primo studente rifugiato dall’Afghanistan Komeli ha discusso una tesi in Lingua e traduzione portoghese dal titolo “L’Arte della diversità: tradurre le culture lusofone”
“In viaggio con Beppe Convertini”, la presentazione a Trani “In viaggio con Beppe Convertini”, la presentazione a Trani Dialogo con l’autore e firmacopie promosso dalla casa editrice Ad Maiora
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.