La piccola Anna Maria
La piccola Anna Maria
Cronaca

Anna Maria, 11 anni, beve soda caustica al posto dell'acqua. Al via il processo

La piccola era ad un matrimonio in una sala di Turi, oggi è costretta a continui interventi di dilatazione dell'esofago

Elezioni Regionali 2020
Ha solo nove anni Anna Maria quando ad un ricevimento di matrimonio con i genitori beve soda caustica invece di acqua. Sono passati due anni e oltre 40 interventi da quella sera e il prossimo 8 novembre partirà il processo penale, che dovrà stabilire di chi sono le responsabilità di quanto non avrebbe dovuto accadere.

La sera del 31 luglio 2017 a villa Menelao a Turi una festa si è trasformata in un incubo per la bambina e la sua famiglia. «Da allora è come se il tempo si fosse fermato per noi - racconta il papà Giovanni Cagnazzo - Anna Maria è stata 45 giorni in rianimazione, poi i medici sono stati costretti ad alimentarla per via endovenosa. Ha perso 25 chili in un anno. Ora la situazione è più o meno stabile, prende il cortisone che la gonfia e ora stanno provando a darle una specie di gelatina che bagna l'esofago e dovrebbe creare meno problemi alla ghiandola surrenale».

Da due anni la vita di Anna Maria è caratterizzata da continue trasferte a Parma, uno dei pochi centri specializzato per questo tipo di problemi. Una volta al mese deve sottoporsi a interventi di dilatazione dell'esofago, ad oggi ancora ustionato e in cui sono create bolle cicatriziali, oltre a presentare fibrina riparativa.

«Non sappiamo quando potrà finire questo ciclo di interventi - sottolinea il papà - possiamo solo provare a prolungare i tempi tra l'uno e l'altro. Ma dipende da come vanno le cose, purtroppo con l'esofago in queste condizioni può ingerire senza problemi solo cibi fluidi, quelli più solidi rischiano di bloccarsi. C'è la possibilità di sostituzione dell'esofago, ma si parla di un rischio di mortalità pari al 50% per cui meglio tenersi l'invalidità piuttosto che rischiare».

Il prossimo 8 novembre parte il processo penale a carico di due dipendenti della sala dove è avvenuto l'incidente. In corso, invece, anche la causa civile. «Purtroppo, nella causa civile stanno cercando di dare la colpa ai medici del Giovanni XXIII, che subito non capirono cosa fosse successo e pensarono ad una reazione allergica - conclude Giovanni Cagnazzo - Ma noi non ci pieghiamo, non abbiamo voluto accettare compromessi perché la dignità di una bambina non si compra. Non posso accettare accordi prima del processo, sarà il giudice a stabilire il risarcimento e solo allora giustizia sarà fatta».
  • Incidente
  • Ospedale Giovanni XXIII
Altri contenuti a tema
Incidente sulla Cassano-Adelfia, feriti quattro ragazzi Incidente sulla Cassano-Adelfia, feriti quattro ragazzi Da accertare le cause dell'uscita fuori strada della vettura. Due in codice rosso
Bari, scontro fra auto a San Giorgio: quattro feriti e strada chiusa Bari, scontro fra auto a San Giorgio: quattro feriti e strada chiusa Tamponamento fra tre veicoli sul lungomare Giovine all'altezza di Torre Quetta. Polizia locale sul posto
Ospedale Giovanni XXIII, riapre il reparto di pediatria "Trambusti" Ospedale Giovanni XXIII, riapre il reparto di pediatria "Trambusti" Completati gli interventi di manutenzione straordinaria nell'ala dedicata alla ematologia non oncologica, gastroenterologia ed endocrinologia
Provincia di Bari, 12enne muore soffocato da una mozzarella Provincia di Bari, 12enne muore soffocato da una mozzarella La tragedia a Noci, i sanitari del 118 intervenuti non hanno potuto fare nulla per salvare il ragazzino
Bari, incidente a Gioia del Colle, donna ferita al volto da un grosso ramo Bari, incidente a Gioia del Colle, donna ferita al volto da un grosso ramo Il legno era entrato nell' abitacolo dopo che l'auto era finita fuori strada
Bari, incidente sulla statale 16 all'altezza di Monopoli Bari, incidente sulla statale 16 all'altezza di Monopoli Grave un motociclista coinvolto in uno scontro tra tir e auto
Incidente auto-moto a Putignano, centauro in codice giallo in ospedale Incidente auto-moto a Putignano, centauro in codice giallo in ospedale Illeso il conducente della quattro ruote, sul posto la polizia locale oltre ai sanitari del 118
Gravina in Puglia, muore 81enne investito da una moto Gravina in Puglia, muore 81enne investito da una moto Il sindaco Alesio Valente: «Una giornata dolorosa per la nostra comunità, la prudenza non è mai troppa quando si è alla guida»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.