Il Seabin a Bari
Il Seabin a Bari
Territorio

Addio plastica nel mare, a Bari arriva il Seabin

Il primo cestino mangiarifiuti è stato installato sulla testa di un pontile all'interno del Circolo della Vela

Elezioni Regionali 2020
Il Seabin, il cestino mangiarifiuti del mare, arriva a Bari. Grazie all'impegno del Rotaract Bari, del Rotary Club Bari e alla collaborazione del Circolo della Vela che si è assunto l'onore della manutenzione, il primo congegno è stato installato pochi giorni fa sulla testa del pontile più a nord del stesso. In una posizione in cui può attirare i rifiuti che dalle zone limitrofe del lungomare possono inquinare il porticciolo.

Il congegno, inventato da due surfisti australiani, è capace di catturare i rifiuti galleggianti e ha un raggio di azione di circa 20-25 metri, con una capacità giornaliera di filtraggio pari a 25 mila litri di acqua. Ma non si parla solo di grandi rifiuti come bottiglie di plastica, il filtro permette infatti di catturare le microplastiche da 2 mm di diametro oltre alle microfibre da 0,3 mm che rischiano di essere mangiate dai pesci e finire sulle nostra tavole ogni giorno.

«Sarebbe bello poterne installare altri - sottolinea l'assessore Pietro Petruzzelli - sarebbe però necessario coinvolgere associazioni o volontari, dato che per il corretto funzionamento del Seabin è necessario che venga svuotato con costanza».

«Mi fa piacere essere qui perché questo sistema ci permette di pulire il mare dalla plastica - dichiara il sindaco Antonio Decaro - ma allo stesso tempo non avrei voluto esserci perché non dovrebbe esserci necessità di pulirlo».

Prossimo step l'installazione del Seabin a Torre a Mare e Santo Spirito, per iniziare una sperimentazione che potrà portare poi all'adozione di questo congegno, se possible, su tutta la costa barese.
Il Seabin a BariIl Seabin a BariIl Seabin a BariIl Seabin a BariIl Seabin a BariIl Seabin a Bari
  • Rifiuti
  • Mare
Altri contenuti a tema
A Bari un'analisi sulla qualità dei rifiuti, cicche e pacchetti di sigarette i più abbandonati in strada A Bari un'analisi sulla qualità dei rifiuti, cicche e pacchetti di sigarette i più abbandonati in strada Un'iniziativa di una cooperativa che si occupa di temi ambientali. Petruzzelli: «Conferire i mozziconi nei gettacarte non li incendia»
Tra mare e cielo, restyling e novità per il Lido Valerio Tra mare e cielo, restyling e novità per il Lido Valerio Lo storico stabilimento balneare di Margherita di Savoia si rinnova
Scoperto ad abbandonare rifiuti ingombranti in via Petrera, scatta la multa Scoperto ad abbandonare rifiuti ingombranti in via Petrera, scatta la multa Lo "sporcaccione", un 60enne barese, di turno è stato identificato dalla polizia locale grazie alla segnalazione di alcuni cittadini
Bari, 'Fondali Puliti': domani raccolta dei rifiuti nelle acque di Torre a Mare Bari, 'Fondali Puliti': domani raccolta dei rifiuti nelle acque di Torre a Mare I partecipanti si dedicheranno alle immersioni, allo snorkeling e alla pulizia della riva
Bari abbandona rifiuti ma c'è la fototrappola. Scatta la multa Bari abbandona rifiuti ma c'è la fototrappola. Scatta la multa È successo a Palese in vico terzo Lepore, Brandi: «Questa volta all'incivile di turno è andata male»
Porto di Bari, pronto a imbarcarsi per l'Albania con un carico di rifiuti illeciti. Denunciato Porto di Bari, pronto a imbarcarsi per l'Albania con un carico di rifiuti illeciti. Denunciato La "merce" proveniva dalla Norvegia e viaggiava su un autocarro con targa macedone. Sequestrato il carico
La Puglia, come la Sardegna, ha un mare "Eccellente". Il report sulla balneazione La Puglia, come la Sardegna, ha un mare "Eccellente". Il report sulla balneazione Presentato il risultato della attività del Centro Regionale Mare, la nostra regione registra i valori più alti in Italia
"Chi inquina paga", dalla Regione Puglia 3 milioni per la tutela ambientale "Chi inquina paga", dalla Regione Puglia 3 milioni per la tutela ambientale Un provvedimento a beneficio delle province per la minore produzione di rifiuti e per accelerare le indagini sui responsabili
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.