aboubakar soumahoro protesta braccianti
aboubakar soumahoro protesta braccianti
Scuola e Lavoro

A Bari protestano i braccianti, Aboubakar Soumahoro: «Regione non fermi nostra emancipazione»

La manifestazione dei lavoratori agricoli migranti: «Torretta Antonacci non deve diventare un centro di accoglienza»

Elezioni Regionali 2020
I braccianti agricoli scendono in strada e protestano contro il governo regionale. Stamattina la manifestazione sul lungomare di Bari, davanti alla sede della presidenza della Regione Puglia, dei lavoratori migranti del foggiano: circa trecento sono arrivati con cinque pullman da Borgo Mezzanone e Torretta Antonacci, le due principali comunità di lavoratori agricoli in provincia di Foggia. A guidare la protesta Aboubakar Soumahoro, il sindacalista dei lavoratori agricoli migranti, che a Bari hanno portato simbolicamente le cassette piene di frutta e ortaggi raccolti nei campi del Foggiano.

Nel mirino dei lavoratori, convocati dal sindacato Usb, la delibera del 22 giugno con cui la Regione Puglia - secondo i manifestanti - avrebbe messo fine all'autogestione della comunità di Torretta Antonacci, alle porte di Foggia, trasformandola in una sorta di centro d'accoglienza controllato per ingressi e uscite, con l'obbligo di dichiarare cosa si porta all'interno.
14 fotoLa protesta dei braccianti agricoli a Bari
La protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a BariLa protesta dei braccianti agricoli a Bari
Un sistema che - denuncia Soumahoro nel suo discorso - rallenta l'emancipazione sindacale dei braccianti agricoli, delegando la gestione dell'area alle associazioni di volontariato e alle «Imprese dell'assenzialismo», come dice il sindacalista.

Manifestanti che, inoltre, rivendicano di «Essere andati a lavorare in campagna durante il lockdown per portare il cibo sulle tavole della comunità, senza diritti, garanzie e dispositivi di protezione», continua Soumahoro. Adesso chiedono «Un permesso di soggiorno per emergenza sanitaria convertibile in permesso di lavoro», prosegue il sindacalista italo-ivoriano. Dal governo centrale i braccianti agricoli migranti si aspettano la regolarizzazione della loro posizione sociale e lavorativa, documenti e una sistemazione dignitosa per le loro vite.

«Da quattro anni i braccianti di Torretta Antonacci, Borgo Mezzanone e di altri insediamenti agricoli hanno intrapreso un percorso di autoemancipazione - continua Soumahoro. Oggi siamo sotto attacco da parte dell'amministrazione regionale, attraverso la politica dell'assistenzialismo che ostacola questo percorso di emancipazione sindacale. Da anni in Puglia continuiamo a lavorare nel fango, con la pioggia e con il sole, costretti a vivere nella miseria e fra le lamiere; anziché accompagnare questo percorso si è deciso di mettere in piedi progetti che creano muri fra i lavoratori e la loro emancipazione. Abbiamo così deciso di presentarci qui e dire a Emiliano di sedersi al tavolo con noi, perché la lotta al caporalato si fa con gli stivali ai piedi, non al chiuso in stanze lussuose».L'indice accusatore di Soumahoro e delle organizzazioni che chiedono diritti e tutele per i migranti è puntato contro i «Finanziamenti comunitari - continua Aboubakar Soumahoro. Si tratta di progetti presentati da Puglia, Calabria, Campania, Sicilia e Basilicata e che valgono diversi milioni di euro. Queste cinque regioni hanno ricevuto 12milioni 799mila euro per l'assistenza e l'uscita individuale dei braccianti dallo sfruttamento; questo si fa sostenendo la sindacalizzazione e l'emancipazione dei lavoratori, non costruendo percorsi di inutile assistenzialismo».

Al termine della manifestazione i braccianti hanno incontrato Mario Loizzo, presidente del consiglio regionale della Puglia. Soumahoro commenta così: «Una bellissima giornata di lotta conclusa con la vittoria dei braccianti, che oggi hanno ottenuto l'impegno della Regione Puglia che non ci sarà nessuna iniziativa per trasformare l'insediamento dei braccianti in un centro di accoglienza. Saranno i braccianti a gestire l'insediamento, non ci sarà spazio per gli imprenditori dell'assistenzialismo. Ora ci attendiamo impegni concreti dalla Regione per accompagnare il processo, in corso, di emancipazione socio-lavorativo dei braccianti».
  • Protesta
  • Agricoltura
  • manifestazione
Altri contenuti a tema
Lotta al caporalato, Cgil: «In Puglia 1781 richieste di regolarizzazione» Lotta al caporalato, Cgil: «In Puglia 1781 richieste di regolarizzazione» Presentati i dati regionali in una conferenza stampa a Borgo Mezzanone. Il sindacato: «Metà delle aziende agricole non è in regola»
Rete del lavoro agricolo di qualità, in Puglia solo 973 imprese iscritte Rete del lavoro agricolo di qualità, in Puglia solo 973 imprese iscritte La denuncia della Uila, che ha stimato 76.245 aziende attive nel settore sul territorio regionale
I braccianti agricoli annunciano protesta a Bari, ci sarà Aboubakar Soumahoro I braccianti agricoli annunciano protesta a Bari, ci sarà Aboubakar Soumahoro I lavoratori migranti protesteranno sotto la sede della giunta regionale della Puglia con le casse di frutta e verdura
A Bari protestano Rsa e centri diurni: «Destinati a una crisi drammatica» A Bari protestano Rsa e centri diurni: «Destinati a una crisi drammatica» La manifestazione convocata davanti alla sede del consiglio regionale da Fmpi Sanità
A Bari protestano giostrai e ambulanti pugliesi di fiere e sagre A Bari protestano giostrai e ambulanti pugliesi di fiere e sagre La manifestazione davanti al Consiglio regionale. De Santis: «Saremo i primi a ripristinare queste attività»
Ex Auchan, la rabbia dei dipendenti in sit-in a Bari, in 100 sono di troppo? Ex Auchan, la rabbia dei dipendenti in sit-in a Bari, in 100 sono di troppo? Manifestazione davanti alla presidenza della Regione Puglia, Neglia: «Incontro entro le prossime 2 settimane o occupiamo l'ipermercato»
Lavoratori di mense e pulizie scolastiche in sit-in a Bari: «Chiediamo sostegno» Lavoratori di mense e pulizie scolastiche in sit-in a Bari: «Chiediamo sostegno» Ventrelli (FILCAMS Cgil): «Sono in una situazione di grave disagio sociale ed economico in quanto sono senza alcun reddito da mesi»
Le imprese agricole si uniscono per far ripartire il settore, a Bari si presenta la nuova associazione Le imprese agricole si uniscono per far ripartire il settore, a Bari si presenta la nuova associazione Nasce "Restart" nel luogo dove nel 2019 manifestavano i gilet arancioni: «Esperienza, competenza e unità per cercare soluzioni»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.