presidio antifascita
presidio antifascita
Cronaca

A Bari parte il processo ai militanti di Casapound, presidio antifascista all'esterno del tribunale

I giudici si esprimeranno sull'aggressione avvenuta nel settembre 2018 durante una manifestazione. Le associazioni: «Applicare legge Scelba»

Inizia oggi il processo contro gli esponenti dell'organizzazione di estrema destra Casapound, ritenuti responsabili di un'aggressione ai danni di un gruppo di manifestanti nel settembre 2018 che si trovavano a transitare da via Eritrea, dove sede di Casapound Bari.

All'esterno del tribunale penale di via Dioguardi è stato allestito un presidio da parte del coordinamento antifascista di Bari (Anpi Bari, Arci Bari, CGIL Bari, Libera Bari "Presidio Luigi Fanelli", Unione degli Studenti Bari, Link Bari e Zona Franka).

«Due anni fa, a termine di un corteo antifascista contro la presenza dell'allora Ministro dell'Interno Matteo Salvini, partì una squadraccia fascista dalla sede di Casapound in via Eritrea che, armati di mazze e catene, inseguì e aggredì dei manifestanti antifascisti - si legge in un comunicato dello stesso coordinamento. Un'aggressione ben organizzata e premeditata, che riportava indietro di anni e indice della legittimazione e del senso di impunità che i gruppi neofascisti avevano in quel momento. Dopo la chiusura immediata di quella sede, è iniziato il processo per tutti i militanti di Casapound Bari: per uno dei pochissimi casi nella storia della nostra democrazia, si chiederà l'applicazione della legge Scelba per riorganizzazione del disciolto partito fascista. A questo processo si costituiranno parte civile il Comune di Bari, la Regione Puglia e l'Anpi stessa, a ricordare che la violenza fascista non colpisce solo singoli, ma un'idea di libertà collettiva e con essa tutta la cittadinanza».

Dichiarano le associazioni: «Saremo in presidio di fronte al Tribunale per ricordare che l'antifascismo è la base su cui è stata scritta la nostra costituzione ed è una pratica quotidiana: dei singoli, delle organizzazioni sociali, ma soprattutto delle istituzioni democratiche. È la base su cui è stata scritta la nostra costituzione. Vogliamo esprimere solidarietà e vicinanza alle vittime di quella brutale aggressione e agli antifascisti che sono stati coinvolti nel processo come imputati».

Eleonora Forenza, ex eurodeputata e vittima dell'aggressione del 2018, scrive: «La sentenza ad Alba dorata ci consegna un testimone importante. Oggi che le nostre denunce arrivano in tribunale, ci costituiremo parte civile. Fuori dal tribunale continueremo a chiedere lo scioglimento di Casapound».
  • Antifascismo
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Processo contro CasaPound, a Bari presidio antifascista in Procura Processo contro CasaPound, a Bari presidio antifascista in Procura Gesmundo (Cgil Puglia): «Non un episodio isolato da parte di chi intende la militanza politica come sopraffazione e aggressione fisica»
44 anni fa l'omicidio di Benedetto Petrone, Bari non dimentica 44 anni fa l'omicidio di Benedetto Petrone, Bari non dimentica «Si rinnova lo spirito antifascista della città che coltiviamo anche attraverso momenti come questo»
Psichiatra uccisa a Bari, i giudici sulla condanna dell'ex dg Asl: "Funzioni sanità piegate al budget" Psichiatra uccisa a Bari, i giudici sulla condanna dell'ex dg Asl: "Funzioni sanità piegate al budget" Secondo il tribunale di Bari "vi è stata una sottovalutazione del rischio di aggressioni al personale"
Bari, un murales dedicato a Benedetto Petrone Bari, un murales dedicato a Benedetto Petrone Il progetto vuole raccontare la storia attraverso opere pubbliche dal forte valore simbolico che restino nel tempo
Arresto ex Gip di Bari, il Riesame: De Benedictis resta in carcere Arresto ex Gip di Bari, il Riesame: De Benedictis resta in carcere Rigettata la richiesta di annullamento della custodia e sostituzione con i domiciliari
Ex GIP di Bari De Benedictis, concluse le indagini Ex GIP di Bari De Benedictis, concluse le indagini Contestati a vario titolo i reati in concorso di corruzione in atti giudiziari, corruzione per atto contrario al dovere d'ufficio e rivelazione del segreto d'ufficio
Corruzione, arrestato il GIP di Bari De Benedictis. Mazzette per far liberare imputati Corruzione, arrestato il GIP di Bari De Benedictis. Mazzette per far liberare imputati In carcere anche l'avvocato Giancarlo Chiariello, il denaro consegnato anche nel bar nei pressi del tribunale
Bari, soda caustica al posto dell'acqua per la piccola Anna Maria. Il PM: «Lesioni gravissime» Bari, soda caustica al posto dell'acqua per la piccola Anna Maria. Il PM: «Lesioni gravissime» Nell'udienza dello scorso 29 gennaio sono stati modificati i capi di imputazione nel processo che vede alla sbarra i dipendenti della sala di Turi
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.