Donna che lavora
Donna che lavora
Attualità

8 marzo, poco da festeggiare per le donne che lavorano a Bari

Avvilente per il gentil sesso il quadro tracciato da Svimez nell'anticipazione della relazione sul mezzogiorno

"Questione femminile altra faccia della questione meridionale", con questo titolo Svimez (associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno) presenta alcuni dati in anteprima sulla condizione della donna a Bari e nel sud Italia. Un quadro desolante per il gentil sesso emerge in questa anticipazione di una ricerca sulla condizione della donna nel sud.

«il tasso d'occupazione femminile tra 15 e 64 anni - sottolinenano - in Sicilia, Campania, Puglia e Calabria, è addirittura più basso della Guaiana francese, dell'Estremadura spagnola, della Tessaglia e della Macedonia in Grecia, e perfino dell'enclave spagnola di Melilla in Marocco», con il paradosso che le giovani meridionali investono in formazione e conoscenza diventando quel "capitale umano" necessario per competere nel mondo del lavoro e allo stesso tempo vittime di una società immobile non capace di offrire ciò che spetterebbe loro.

Oltre ad essere disoccupate, le donne del sud quando sono occupate rivestono ruoli non consoni alla loro figura, per cui ci sono quindi: «meno donne che lavorano al sud d (in totale 2 milioni 283 mila su 9.760 mila in tutt'Italia) ma, soprattutto, svolgono mansioni prevalentemente dequalificate». Da considerare anche che solo il 63,7% delle laureate al sud lavoro ( contro un 81,3% dell'Europa), oltre al fatto che delle donne meridionali che lavorano circa una su tre lavora al nord.

Inoltre, a parità di qualifica le donne sono penalizzate dal punto di vista retributivo: «una donna laureata da quattro anni che lavora al Sud ha un reddito medio mensile netto di 300 euro inferiore a quello di un uomo (1000 euro contro 1300)».

Ultimo, ma solo in termini statistici, il fatto che il welfare italiano non aiuta le donne che provano a conciliare lavoro e carriera con la famiglia, anzi spesso tale possibilità non è proprio contemplata: «causando anche incertezza economica e una modifica dei comportamenti sociali».
  • lavoro
  • Festa della Donna
Altri contenuti a tema
Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Firmato l'accordo dopo una trattativa durata tre mesi, Uilm: «Necessario mantenere alta l'attenzione sulla vertenza»
EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" Garantita la retribuzione solo per il mese corrente, i sindacati: «Pronti alla mobilitazione se non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere»
Regione Puglia per le idee di impresa, ecco Estrazione dei Talenti Regione Puglia per le idee di impresa, ecco Estrazione dei Talenti Presentato stamattina il bando da dieci milioni di euro che servirà ai giovani che vogliono diventare imprenditori grazie a percorsi di accompagnamento
La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno Dall'aerospazio all'informatica tanti gli ingegneri che servono tra Bari, Mola, Bisceglie e Molfetta
Licenziamenti alla Saicaf di Bari, domani incontro al Ministero Licenziamenti alla Saicaf di Bari, domani incontro al Ministero I sindacati convocati per il discorso cassa integrazione straordinaria, i dipendenti fuori per la dismissione del reparto produttivo e magazzino
Asl Bari, il 2020 si apre con quasi 500 assunzioni Asl Bari, il 2020 si apre con quasi 500 assunzioni Sanguedolce: «Inseriamo in azienda risorse fondamentali per dare corpo e contenuti all'assistenza sanitaria territoriale»
Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto Emiliano: «La squadra è un elemento essenziale per far crescere la comunità, il gesto di oggi è coerente con una strategia più ampia che stiamo attuando»
Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» I tre punti vendita in città chiusero dall'oggi al domani lasciando 31 famiglie in mezzo ad una strada
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.