Donna che lavora
Donna che lavora
Attualità

8 marzo, poco da festeggiare per le donne che lavorano a Bari

Avvilente per il gentil sesso il quadro tracciato da Svimez nell'anticipazione della relazione sul mezzogiorno

"Questione femminile altra faccia della questione meridionale", con questo titolo Svimez (associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno) presenta alcuni dati in anteprima sulla condizione della donna a Bari e nel sud Italia. Un quadro desolante per il gentil sesso emerge in questa anticipazione di una ricerca sulla condizione della donna nel sud.

«il tasso d'occupazione femminile tra 15 e 64 anni - sottolinenano - in Sicilia, Campania, Puglia e Calabria, è addirittura più basso della Guaiana francese, dell'Estremadura spagnola, della Tessaglia e della Macedonia in Grecia, e perfino dell'enclave spagnola di Melilla in Marocco», con il paradosso che le giovani meridionali investono in formazione e conoscenza diventando quel "capitale umano" necessario per competere nel mondo del lavoro e allo stesso tempo vittime di una società immobile non capace di offrire ciò che spetterebbe loro.

Oltre ad essere disoccupate, le donne del sud quando sono occupate rivestono ruoli non consoni alla loro figura, per cui ci sono quindi: «meno donne che lavorano al sud d (in totale 2 milioni 283 mila su 9.760 mila in tutt'Italia) ma, soprattutto, svolgono mansioni prevalentemente dequalificate». Da considerare anche che solo il 63,7% delle laureate al sud lavoro ( contro un 81,3% dell'Europa), oltre al fatto che delle donne meridionali che lavorano circa una su tre lavora al nord.

Inoltre, a parità di qualifica le donne sono penalizzate dal punto di vista retributivo: «una donna laureata da quattro anni che lavora al Sud ha un reddito medio mensile netto di 300 euro inferiore a quello di un uomo (1000 euro contro 1300)».

Ultimo, ma solo in termini statistici, il fatto che il welfare italiano non aiuta le donne che provano a conciliare lavoro e carriera con la famiglia, anzi spesso tale possibilità non è proprio contemplata: «causando anche incertezza economica e una modifica dei comportamenti sociali».
  • lavoro
  • Festa della Donna
Altri contenuti a tema
Regione Puglia, entro luglio via al concorso per oltre mille posti Regione Puglia, entro luglio via al concorso per oltre mille posti Il piano, già predisposto dall’Assessore al Personale Gianni Stea, sarà presentato nei prossimi giorni
Primo Maggio a Bari, Decaro: «Negozi aperti festeggiano il lavoro ritrovato» Primo Maggio a Bari, Decaro: «Negozi aperti festeggiano il lavoro ritrovato» Gigia Bucci (Cgil): «Necessario ripartire dal lavoro, ma anche dalle condizioni di sicurezza e tutela dei lavoratori»
A Bari aumentano gli occupati, nonostante il Coronavirus A Bari aumentano gli occupati, nonostante il Coronavirus La percentuale si attesta al 53,3%, mentre i disoccupati sono il 9,3%. Ma non è tutto oro
Otto marzo, celebriamo le donne e la loro energia viva Otto marzo, celebriamo le donne e la loro energia viva Un video realizzato dal network Viva per esaltare le voci e i talenti delle donne del nostro territorio
Bari, per la Festa della Donna donazione straordinaria di sangue Bari, per la Festa della Donna donazione straordinaria di sangue L'evento è organizzato dall'Associazione Donatori Volontari Polizia di Stato - "DONATORINATI"
Regione Puglia, raggiunto l'accordo ci saranno 1.021 assunzioni Regione Puglia, raggiunto l'accordo ci saranno 1.021 assunzioni L'assessore Stea: "Adesso spetta al Formez, la piattaforma utilizzata per i concorsi, accelerare le procedure"
Regione-sindacati contro il Governo, 248 navigator in Puglia rischiano di restare senza lavoro Regione-sindacati contro il Governo, 248 navigator in Puglia rischiano di restare senza lavoro "Un insopportabile sperpero di competenze e risorse", e l'assessore Leo ribatte: "Non può restare inascoltata la preoccupazione di tante famiglie pugliesi"
Un 2021 di assunzioni in Regione Puglia, saranno 1.021 i posti assegnati Un 2021 di assunzioni in Regione Puglia, saranno 1.021 i posti assegnati L'assessore Stea: «Come promesso abbiamo accelerato i tempi per sostituire il personale dipendente in uscita»
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.