Donna che lavora
Donna che lavora
Attualità

8 marzo, poco da festeggiare per le donne che lavorano a Bari

Avvilente per il gentil sesso il quadro tracciato da Svimez nell'anticipazione della relazione sul mezzogiorno

"Questione femminile altra faccia della questione meridionale", con questo titolo Svimez (associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno) presenta alcuni dati in anteprima sulla condizione della donna a Bari e nel sud Italia. Un quadro desolante per il gentil sesso emerge in questa anticipazione di una ricerca sulla condizione della donna nel sud.

«il tasso d'occupazione femminile tra 15 e 64 anni - sottolinenano - in Sicilia, Campania, Puglia e Calabria, è addirittura più basso della Guaiana francese, dell'Estremadura spagnola, della Tessaglia e della Macedonia in Grecia, e perfino dell'enclave spagnola di Melilla in Marocco», con il paradosso che le giovani meridionali investono in formazione e conoscenza diventando quel "capitale umano" necessario per competere nel mondo del lavoro e allo stesso tempo vittime di una società immobile non capace di offrire ciò che spetterebbe loro.

Oltre ad essere disoccupate, le donne del sud quando sono occupate rivestono ruoli non consoni alla loro figura, per cui ci sono quindi: «meno donne che lavorano al sud d (in totale 2 milioni 283 mila su 9.760 mila in tutt'Italia) ma, soprattutto, svolgono mansioni prevalentemente dequalificate». Da considerare anche che solo il 63,7% delle laureate al sud lavoro ( contro un 81,3% dell'Europa), oltre al fatto che delle donne meridionali che lavorano circa una su tre lavora al nord.

Inoltre, a parità di qualifica le donne sono penalizzate dal punto di vista retributivo: «una donna laureata da quattro anni che lavora al Sud ha un reddito medio mensile netto di 300 euro inferiore a quello di un uomo (1000 euro contro 1300)».

Ultimo, ma solo in termini statistici, il fatto che il welfare italiano non aiuta le donne che provano a conciliare lavoro e carriera con la famiglia, anzi spesso tale possibilità non è proprio contemplata: «causando anche incertezza economica e una modifica dei comportamenti sociali».
  • lavoro
  • Festa della Donna
Altri contenuti a tema
Regione Puglia, oltre 400 nuove figure in organico entro il 2019. Ecco le posizioni richieste Regione Puglia, oltre 400 nuove figure in organico entro il 2019. Ecco le posizioni richieste Le assunzioni a tempo indeterminato rientrano nel piano triennale del fabbisogno del personale
Eurostat premia la Puglia, disoccupazione in calo e 20 mila posti di lavoro in più Eurostat premia la Puglia, disoccupazione in calo e 20 mila posti di lavoro in più I dati pubblicati dal Sole 24 Ore, Emiliano: «È una notizia che ci rende orgogliosi del lavoro fatto finora»
Primo maggio, in Puglia consegnate 54 stelle al merito del lavoro Primo maggio, in Puglia consegnate 54 stelle al merito del lavoro Questa mattina la cerimonia, 16 sono della provincia di Bari. Decaro: «Diritti sono conquista vuota senza consapevolezza dei doveri»
Bari, tirocini in aziende: possibilità per i giovani under 30 Bari, tirocini in aziende: possibilità per i giovani under 30 Porta Futuro ha aperto una terza finestra di partecipazione al bando. Previsto rimborso di 450 euro
Occupazione, previsti trecento nuovi infermieri da assumere a Bari Occupazione, previsti trecento nuovi infermieri da assumere a Bari I precari saranno destinati alla Asl del capoluogo e al Policlinico
Decaro incontra i cittadini a Bari, polemiche sull'assenza di donne alla riunione delle liste Decaro incontra i cittadini a Bari, polemiche sull'assenza di donne alla riunione delle liste Nel comitato del sindaco è andato in scena il primo dei cinque incontri sul programma ma nascono le prime diatribe
Festa della Donna a Bari, bus Amtab gratis e Van Gogh a metà prezzo Festa della Donna a Bari, bus Amtab gratis e Van Gogh a metà prezzo Diverse le iniziative in atto per l'8 marzo 2019 nella nostra città, ecco le principali
"Mi formo & lavoro" seimila nominativi dai Centri per l'impiego "Mi formo & lavoro" seimila nominativi dai Centri per l'impiego Leo: "Nessuna polemica, per ora non ci sono nomi certi e nomi esclusi"
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.