Calcio

Serie C, cosa può accadere in caso di campionato annullato

Anche il destino del Bari per questa stagione è decisamente in bilico

Esattamente al pari di tutto il resto dello sport italiano, anche il campionato di Serie C si è dovuto fermare di fronte all'emergenza sanitaria più grave in Italia dal dopoguerra ad oggi. Una situazione veramente difficile e drammatica, che sta mettendo in ginocchio diverse Regioni e che, chiaramente, non può che aver bloccato anche ogni tipo di attività sportiva, sia professionistica che amatoriale.

In questo forte momento di incertezza, anche il destino del Bari per questa stagione è decisamente in bilico. Il secondo posto della squadra barese, infatti, aveva portato un gran numero di bookmakers a prevedere il salto di categoria da parte della compagine pugliese. Anche tanti tifosi del Bari avevano puntato su una quota che sembrava sempre più bassa in vista del finale di stagione. Ormai, piazzare una scommessa online è diventato un vero e proprio gioco da ragazzi. L'importante è scegliere una piattaforma sicura e che sia in grado di proporre vantaggi interessanti, come ad esempio il bonus di benvenuto offerto da eurobetcasino. I bonus sono fondamentali, ma devono essere vantaggiosi in base al tipo di gioco su cui si vuole puntare, senza dimenticare come sia ancora più importante valutare la presenza del marchio AAMS, garanzia di assoluta sicurezza del rispetto della normativa italiana.

Quali sono le ipotesi per finire la stagione

Qualora tutto dovesse essere confermato, ma è sempre meglio usare il condizionale, dal momento che al giorno d'oggi non c'è alcuna certezza sanitaria e, a maggior ragione, non si possono averne altrettante in termini sportivi. La sicurezza degli atleti dovrebbe venire al primo posto e in questa fase è chiaramente impossibile ricominciare a giocare.

Le prime ipotesi per un rientro in campo, quindi, portano a pensare ad una data in modo particolare, ovvero il 2 maggio. Nel caso in cui tale previsione venisse confermata, ecco che si avrebbero ben due mesi di tempo per chiudere la stagione in corso, rispettando comunque la scadenza del 30 giugno che è stata indicata e suggerita da parte dell'UEFA. Un problema che riguarda ovviamente anche il mercato, dato che un gran numero di giocatori hanno dei contratti, così come i prestiti, che scadranno proprio il 30 giugno e dal 1 luglio saranno liberi di firmare con altre squadre.

La situazione maggiormente complicata, però, è quella dei gironi A e B, visto che si devono disputare ancora 12 giornate. Situazione differente, invece, per il girone C in cui è impegnato il Bari, in cui restano solamente nove partite da disputare e, di conseguenza, con turni infrasettimanali, si potrebbe terminare il campionato già a metà del mese di giugno.

In questo modo, ci sarà tempo e modo di disputare i playoff e i playout. In modo particolare, la fase di post-season che servirà a decretare le squadre promosse in Serie B dovrebbero prevedere la partecipazione di un numero di compagini più basso rispetto a quello normalmente stabilito. Insomma, verrà cambiata la formula prevista ad inizio stagione quasi sicuramente.

In caso di ritorno in campo dopo metà giugno, sfumerebbero le speranze di promozione per il Bari

Qualora, invece, il campionato dovesse ricominciare solamente in un arco di tempo compreso tra gli ultimi giorni di maggio e i primi di giugno, allora è chiaro che si andrebbe a sforare la scadenza del 30 giugno. In tal caso, ci sarà anche la necessità di alcune deroghe per i giocatori che sono in scadenza di contratto, con la stagione 2020-21 che dovrebbe partire, invece, durante i primi giorni di ottobre.

C'è ancora un'ipotesi che rimane chiaramente sul tavolo degli addetti ai lavori e che viene valutata esattamente come tutte le altre. Ovvero, quella di non poter tornare in campo fino a metà del mese di giugno: ebbene, in tal caso tutte le classifiche verrebbero, di fatto, congelate, con la promozione delle prime squadre in classifica dei tre gironi, ovvero Monza, Vicenza e Reggina, con il Bari che perderebbe ogni speranza per salire nella serie cadetta, anche se poi sarebbe difficile valutare cosa fare per quanto riguarda le retrocessioni.
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.