bari igea virtus. <span>Foto SSC Bari</span>
bari igea virtus. Foto SSC Bari
Calcio

Rabbia e tecnica, il passo falso è già dimenticato. Il Bari torna a volare

Il 5-0 rifilato all'Igea Virtus riporta i biancorossi sui loro standard. La vittoria di Cornacchini

La "crisi" del Bari è durata poco, il tempo di un amen. A rimettere le cose in chiaro dopo la sconfitta in casa della Cittanovese arriva il rotondo 5-0 rifilato all'Igea Virtus al San Nicola. Chi si era illuso che il capitombolo calabrese fosse l'acme di un'involuzione tecnica e mentale dei biancorossi probabilmente non aveva tenuto in debita considerazione il carattere di questa squadra, a cui forse lo schiaffone serviva per riaprire gli occhi, fare un bel pieno di motivazioni e ripartire a 300 all'ora.

A farne le spese la malcapitata Igea, già barcollante prima del 20' con l'uno-due targato Floriano (9 reti, capocannoniere della squadra) e mandata al tappeto dal solito Di Cesare (già alla quinta marcatura) sul tramonto del primo tempo. Nel finale le reti di Neglia e Simeri (8 centri per loro) valgono per gli almanacchi e per una sana dose di accademia. Stavolta il tecnico Cornacchini le ha azzeccate tutte. Se a Cittanova, infatti, erano state le scelte a bocce ferme e in corso d'opera a far storcere il naso ai critici più oltranzisti (una quota maggioritaria dell'intero planisfero biancorosso), dalla sfida del San Nicola esce il mister nei panni di vincitore. La Virtus, è vero, non è stata in grado di opporre chissà quale resistenza a un Bari furibondo, ma l'intuizione di schierare i baby Quagliata e Liguori dal 1' somiglia tanto a un 13 alla schedina. Sì, perché Cornacchini ha scelto di tirare dritto per la sua strada, mandando in campo la formazione che aveva preparato in settimana facendo a meno di Piovanello (poi reintegrato dal giudice sportivo). Il terzino classe 2000 spinge poco o nulla, ma in fase di chiusura è pressoché perfetto e bilancia l'indole più offensiva di un esterno basso di gamba come Aloisi. Sulla destra il funambolo Liguori, partito forse con un po' troppa voglia di fare, ma che poi ha dimostrato grande maturità alla distanza, mettendosi a disposizione della squadra e facendo lievitare il suo livello di gioco.

Di Brienza, Simeri e Floriano non serve parlare. Quando dialogano nello stretto per poi andare a chiudere il triangolo in profondità non c'è alcun accorgimento difensivo che gli avversari possano adottare per fermarli; non in questa categoria almeno. «Non siamo una squadra di palleggiatori, siamo stati costruiti per far goal», ha detto Cornacchini in sala stampa. Questo spiega le due reti arrivate nella ripresa (Neglia entrato subito bene in partita e Simeri che finalmente si sblocca), quando i biancorossi si sarebbero benissimo potuti accontentare di una facile gestione. Ma le parole del tecnico danno anche la cifra tattico-identitaria della squadra: quando il Bari si trova nelle condizioni ottimali (forma fisica e assetto del campo) per imporre il proprio schema, le cose vanno sempre come devono. Chi vorrebbe vedere in campo dieci palleggiatori se ne faccia una ragione, perché non li vedrà. E finché si torna a vincere 5-0 va più che bene.

Un complimento, una parola in più per il mister va spesa, alla fine di una settimana in cui è stato bersaglio di una critica feroce e per tanti versi gratuita. Goal, vittorie e record a parte, il grande pregio di questo Bari è l'aver sempre affrontato i momenti di difficoltà con una rabbia e un ardore tali da far sì che lo zoppichio durasse meno del giusto. È capitato nel girone di andata dopo i due pareggi, è capitato dopo lo stop di Castrovillari ed è capitato dopo la sconfitta di Cittanova. A cavallo fra 2018 e 2019 la squadra ha accusato un calo fisico, e questo è un fatto. Quasi mai, però, sono venute a mancare quelle energie nervose su cui l'allenatore batte sempre nei suoi discorsi, prima e dopo le partite.

E ora c'è la Turris, quello che è uno scontro diretto solo se si vuole che lo sia. I 12 punti attuali, 9 virtuali, di vantaggio lasciano al Bari la possibilità di andare a Torre per non perdere e mantenere la distanza di sicurezza. Dovessero i biancorossi vincere, allora si potrebbe anche iniziare a mettere in fresco lo spumante. Questo Bari è tornato a correre, e di fermarsi ancora non sembrerebbe avere nessuna voglia.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Avellino-Bari, attiva la prevendita per il settore ospiti Avellino-Bari, attiva la prevendita per il settore ospiti I biglietti disponibili fino alle 19 di domani per i tifosi biancorossi residenti in provincia di Bari e con Fan Card
Coppa Italia Serie C, Avellino-Bari si gioca al Partenio Coppa Italia Serie C, Avellino-Bari si gioca al Partenio La partita è in programma domenica 18 agosto alle 17:30. Arbitra il signor Costanza
SSC Bari, superata quota 6mila abbonamenti SSC Bari, superata quota 6mila abbonamenti Scatta l'ultima settimana per usufruire dello sconto sul rinnovo
Prima giornata di Serie C, Sicula Leonzio-Bari è il posticipo del 25 agosto Prima giornata di Serie C, Sicula Leonzio-Bari è il posticipo del 25 agosto La sfida fra i biancorossi e i siciliani in programma alle 17:30 sul campo dell'Angelino Nobile di Lentini
Per il Bari boom di spettatori anche ad agosto. Oltre 7mila al San Nicola: è record Per il Bari boom di spettatori anche ad agosto. Oltre 7mila al San Nicola: è record Sugli spalti per la partita di ieri contro la Paganese si è registrato il miglior risultato fra le gare ufficiali della domenica pre-ferragostana
Goal, errori e nuovi arrivi sugli scudi. Per il Bari una vittoria che dà morale Goal, errori e nuovi arrivi sugli scudi. Per il Bari una vittoria che dà morale Il successo 3-2 contro la Paganese mette in luce gli aspetti perfettibili dei biancorossi, ma anche certezze come Kupisz e Antenucci
Bari-Paganese 3-2, Cornacchini: «Partita esempio della Serie C». Antenucci: «Dobbiamo migliorare» Bari-Paganese 3-2, Cornacchini: «Partita esempio della Serie C». Antenucci: «Dobbiamo migliorare» L'allenatore: «C'è da crescere ancora ed evitare errori di distrazione». Il centravanti: «Mi affascina la sfida di riportare questa piazza dove merita»
Esordio sofferto ma vincente per il Bari. Kupisz e Antenucci stendono la Paganese: 3-2 Esordio sofferto ma vincente per il Bari. Kupisz e Antenucci stendono la Paganese: 3-2 Le reti dei due nuovi arrivati regalano ai biancorossi di Cornacchini il successo alla prima di Coppa Italia di Serie C
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.