Locri bari. <span>Foto Ssc Bari </span>
Locri bari. Foto Ssc Bari
Calcio

Dalla crisi al nuovo allungo. Il Bari torna a imporre la regola del 3, campionato finito?

Dopo la sconfitta con la Turris arrivano 2 successi che rilanciano la corsa dei biancorossi verso la C

Due settimane fa si parlava di crisi; con un colpo di teatro il Bari trasforma il primo vero momento di difficoltà del campionato in un nuovo allungo in vetta alla classifica, stavolta forse quello veramente decisivo (+11). I biancorossi tornano a raccogliere la posta piena lontano dal San Nicola imponendo un netto 0-3 al Locri e scacciano, complici gli stop della Turris seconda, un bel po' di nubi che si erano addensate sulla Bari calcistica nell'ultimo mese.

Con la vittoria di Locri e quella interna contro il Marsala i galletti tornano a far valere la regola del 3, come il numero di goal rifilati all'avversario di turno. Bella prova dei ragazzi di Cornacchini in terra di Calabria, a dimostrazione del fatto che la squadra oltre a essere tecnicamente superiore alla concorrenza sa far tesoro dei suoi errori. Il primo tempo, infatti, è stato di quelli tutt'altro che memorabili: manovra lenta, imprecisione negli ultimi 20 metri, qualche rischio di troppo in difesa, Marfella indeciso nelle uscite alte ma provvidenziale al minuto 8' su De Marco e Pozzebon impiegato più nello sfiancare la difesa avversaria che nel cercare di buttarla dentro. Insomma, sembrava la fotocopia delle ultime due trasferte (perse), e invece la domenica si trasforma in un trionfo. La ripresa è di tutt'altra pasta: il difensore-bomber Di Cesare al 5' apre le marcature con un goal da centravanti navigato, spianando la strada a Simeri e Floriano per il definitivo 0-3.

Un successo guadagnato con dosi eguali di pazienza e cinismo da parte della banda Cornacchini. Due settimane fa probabilmente il Bari non l'avrebbe portata a casa; stavolta, invece, tutto è andato secondo i piani, con i biancorossi tornati a imporre la legge del 3.

Dall'altra parte, invece, la Turris si è lentamente squagliata: dopo la vittoria proprio contro il Bari la compagine di Torre del Greco ha perso molti dei suoi riferimenti principali, facendosi travolgere in rimonta sul 5-2 in casa del Messina e interrompendo la striscia di vittorie interne con lo 0-0 impostole dal Marsala al Liguori. Risultato? Al Bari il periodo di "crisi" frutta più delle solite passeggiate sul velluto. Il passaggio dalle Forche caudine torresi ha insegnato ai biancorossi che anche in Serie D i livelli di guardia tecnico-agonistica devono essere sempre massimi. Con 3/4 di campionato ormai passati in cavalleria le squadre avversarie, pur inferiori per valori assoluti, hanno iniziato a prendere le misure ai biancorossi, chiamati a dare il meglio di sé per passare su qualsiasi campo.

Dopo la scalata, ora inizia la discesa, con il traguardo della Serie C ormai in vista. «Finché non c'è la matematica nulla è deciso. La gara la facciamo su noi stessi», ha detto Cornacchini nel post di Locri-Bari, vestendo i panni del pompiere e spegnendo i facili entusiasmi. Dichiarazioni sensate, impostegli dal ruolo, ma è difficile credere che il Bari metta di nuovo tutto in discussione, con appena 10 partite a separare le squadre dalla fine della stagione regolare. Sta di fatto, però, che domenica ci sarà un'altra sfida importante: contro l'Acireale al San Nicola la prima tappa intermedia di quella che si annuncia una lunga volata. In palio la possibilità di salutare la Serie D, confinandola nel cassetto dei ricordi brutti ma formativi.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Ternana-Bari, trasferta vietata ai residenti in Puglia Ternana-Bari, trasferta vietata ai residenti in Puglia A ufficializzare la decisione è la Prefettura del capoluogo umbro. I biglietti già venduti saranno rimborsati
Ternana-Bari, i 23 convocati di Vivarini Ternana-Bari, i 23 convocati di Vivarini Tutti a disposizione per la trasferta infrasettimanale al Libero Liberati
Ternana-Bari, si va verso il divieto di trasferta per i tifosi biancorossi Ternana-Bari, si va verso il divieto di trasferta per i tifosi biancorossi Si attende la decisione dell'Osservatorio sulla manifestazioni sportive dopo gli scontri in autostrada
Ternana-Bari, arbitra Alberto Santoro di Messina Ternana-Bari, arbitra Alberto Santoro di Messina Il fischietto siciliano sarà coadiuvato da Mariottini di Arezzo e Meocci di Siena
Il Bari alle prese col mal di trasferta, il salto di qualità ancora non arriva Il Bari alle prese col mal di trasferta, il salto di qualità ancora non arriva La partita contro la Cavese conferma le difficoltà esterne dei biancorossi. Primo posto addio?
Cavese-Bari 1-1, Vivarini: «Goal subito per superficialità». Antenucci: «Pecca non mantenere il vantaggio» Cavese-Bari 1-1, Vivarini: «Goal subito per superficialità». Antenucci: «Pecca non mantenere il vantaggio» Parla il mister nel dopo gara: «Mi fa rabbia non aver vinto, ma pensiamo solo a noi». Campilongo: «Bravi a chiudere tutti gli spazi»
Antenucci illude, Sainz Maza pareggia. Fra Cavese e Bari è 1-1 Antenucci illude, Sainz Maza pareggia. Fra Cavese e Bari è 1-1 Prestazione sottotono nella ripresa dei biancorossi, che scivolano a -8 dalla Reggina ma vanno a +4 dal Monopoli
Cavese-Bari, le probabili formazioni. Dubbio in difesa per Vivarini Cavese-Bari, le probabili formazioni. Dubbio in difesa per Vivarini Nei biancorossi si profila il ballottaggio fra Di Cesare e Perrotta nella retroguardia. Poco spazio al turn over
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.