al via oggi la piantumazione di nuovi alberi in via Caldarola
al via oggi la piantumazione di nuovi alberi in via Caldarola
Territorio

Via Caldarola, iniziata la piantumazione di 115 nuovi alberi. Lavori da 90mila euro

Decaro: "Questo il corridoio verde che porterà al parco ex Fibronit"

Nuovo verde in arrivo su via Caldarola, al termine dei lavori per la rotatoria. Questa mattina sono iniziate le operazioni di piantumazione di 115 nuovi esemplari di alberi lungo l'arteria principale di scorrimento nel quartiere Japigia. L'importo complessivo degli interventi, aggiudicati nello scorso mese d'agosto, ammonta a circa 90.000 euro di fondi derivanti da ribassi d'asta dei lavori di realizzazione delle due rotatorie.

Si tratta di un'operazione di compensazione ambientale relativa ai lavori di traffic calming realizzati sulla strada del quartiere Japigia nel 2016, attraverso la realizzazione di due rotatorie in corrispondenza degli incroci con via Magna Grecia e via Salapia, la pista ciclabile, le aiuole laterali e lo spartitraffico centrale. Per la scelta delle specie si è valutato di procedere con una sintesi tra la flora tipica locale, che meglio si adatta alla convivenza con l'ambiente circostante (con particolare riferimento alla presenza del manto stradale), ed esemplari simili al verde già esistente.

Al termine degli interventi, saranno 115 gli esemplari allocati in tutte le aree verdi, nelle nuove aiuole, lungo l'aiuola spartitraffico di via Caldarola e via Magna Grecia, le aiuole laterali di via Magna Grecia e via Caldarola e nell'area parcheggio tra via Caldarola e via Caduti Partigiani.

Pertanto saranno piantati 1 Ceratonia siliqua (carrubo), 3 Cercis siliquaster (alberi di Giuda), 13 Hibiscus siriacus (Ibisco cinese), 8 Koelreuteria paniculata (albero dorato della pioggia), 36 Ligustrum japonica "variegato" (Ligustro giapponese), 1 Pinus pinea (Pino domestico), 26 Platanus orientalis x occidentalis (Platani orientali), 18 Quercus ilex (Leccio) e 9 Sophora japonica (Sofora del Giappone). Prevista anche la realizzazione di un impianto di irrigazione in tutte le aree interessate dalle piantumazioni.
"Finalmente piantiamo gli alberi per cui avevamo preso un impegno con i cittadini di Japigia - spiega il sindacoDecaro - e, a dimostrazione della nostra idea di città verde, abbiamo previsto una quantità di alberi che va ben oltre il numero indicatoci per la giusta compensazione ambientale prevista per questi lavori. Nei prossimi dieci giorni saranno piantumati i primi 77 e, a seguire, i restanti 38 alberi. Ora per completare l'arredo verde di quest'area rivolgiamo un appello a tutti gli imprenditori e vivaisti della città affinché adottino la rotatoria sotto il ponte di via Omodeo, che merita di essere abbellita e curata con nuovi alberi e fiori. Questo diventerà il grande corridoio verde che condurrà i cittadini al parco della Rinascita che sarà realizzato all'interno dell'area della Fibronit".

Il metodo adottato, di ispirazione statunitense, consiste nell'utilizzo di un coefficiente corrispondente ai chilogrammi di carbonio immagazzinato annualmente da ciascuna pianta, selezionato da una tabella in base alle caratteristiche degli alberi espiantati e quelli da piantumare. Dato che la quantità di carbonio accumulata in un anno è determinata dal tasso di crescita e dall'età effettiva delle piante, nel caso specifico dei Pinus pinea espiantati è stata considerata un'età media di 40 anni con una crescita molto lenta (in considerazione delle condizioni e del contesto in cui erano collocati); mentre per quanto riguarda i nuovi alberi da mettere a dimora, sono stati stimati un tasso di crescita moderato e un'età di 7 anni alla piantumazione (secondo un'età considerata "standard" in base alle specie considerate, alla circonferenza del fusto dei nuovi alberi e al metodo prescelto). Pertanto, essendo la quantità di carbonio catturata da un Pinus pinea di quelli esistenti corrispondente a 8 kg all'anno e, secondo una media ponderata, quella relativa alle nuove piante, pari a 3,7 kg all'anno, per compensare un esemplare di Pinus pinea occorono circa 2,16 nuovi alberi di quelli scelti, per un totale di circa 76 rispetto ai 35 alberi espiantati. Grazie alle maggiori risorse economiche disponibili nel quadro economico del progetto, è stato quindi possibile prevedere la piantumazione di un maggior numero di alberi rispetto al calcolo effettuato per un'adeguata compensazione (+ 48%).

al via oggi la piantumazione di nuovi alberi in via Caldarolaal via oggi la piantumazione di nuovi alberi in via Caldarolaal via oggi la piantumazione di nuovi alberi in via Caldarola
  • Antonio Decaro
  • via caldarola
Altri contenuti a tema
Torre a Mare, montata la struttura prefabbricata della palestra nella scuola Montalcini Torre a Mare, montata la struttura prefabbricata della palestra nella scuola Montalcini I locali saranno a disposizione della comunità di quartiere anche al di fuori dell'orario curricolare
Baia San Giorgio, al via i lavori per l'impianto d'illuminazione. Opere concluse a marzo Baia San Giorgio, al via i lavori per l'impianto d'illuminazione. Opere concluse a marzo Interventi da 56mila euro. Decaro: «Risposta a chi ama questa parte della costa». Galasso: «Lampade resistenti e che garantiscono risparmio»
Beni confiscati alla mafia, Decaro risponde a Salvini: «Follia venderli» Beni confiscati alla mafia, Decaro risponde a Salvini: «Follia venderli» Il sindaco: «A Bari abbiamo deciso di darli a chi non aveva un tetto sopra la testa»
Tribunale di Bari, Decaro a Bonafede: «Risposte subito o manifestazioni eclatanti» Tribunale di Bari, Decaro a Bonafede: «Risposte subito o manifestazioni eclatanti» Il sindaco: «Trovata intesa sul polo della giustizia ma qualcosa si è inceppato». Melini: «Solidarietà ai magistrati»
Turismo in Puglia, Bari prima città per arrivi nel 2018 Turismo in Puglia, Bari prima città per arrivi nel 2018 Il capoluogo secondo solo a Vieste per pernottamenti complessivi. Decaro: «Fatti, non slogan»
Autonomia regioni del Nord, Decaro: «Anci non contraria, ma occorre mettere paletti» Autonomia regioni del Nord, Decaro: «Anci non contraria, ma occorre mettere paletti» La posizione della Ggil, Gigia Bucci: «Manovra che si sta svolgendo senza dibattito pubblico»
A Bari vecchia il gran ballo di San Valentino in largo Albicocca, la piazza degli innamorati A Bari vecchia il gran ballo di San Valentino in largo Albicocca, la piazza degli innamorati Il sindaco Antonio Decaro balla con le cittadine nella serata dedicata all'amore
Prende forma il Piccinni restaurato. Sul palco torna il sipario secondario Prende forma il Piccinni restaurato. Sul palco torna il sipario secondario Si chiama "comodino" e serve per celare il pubblico il cambio di scena fra un atto e l'altro
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.