ambra corona fiori
ambra corona fiori
Cronaca

Un anno dall'omicidio irrisolto della trans Ambra vestita da uomo al funerale

Il 23 settembre venne trovata accoltellata a San Giorgio. L'amica Alessia: «Alla sua memoria istituirò uno sportello d'ascolto»

Era il 23 settembre 2018 quando a San Giorgio, in via Alfredo Giovine sul lungomare sud di Bari, veniva trovato il corpo senza vita di Ambra, una ragazza trans morta accoltellata nella notte. Un omicidio che, dopo un anno, non ha ancora un colpevole, non ha ancora un movente, non ha ancora una spiegazione. L'arma del delitto non è mai stata ritrovata, così come è difficile stabilire con certezza cosa ci facesse Ambra in quella stradina buia, in una notte fra sabato e domenica. L'ipotesi più accreditata dagli inquirenti è che Ambra fosse lì per prostituirsi, ma ancora non è chiaro se si sia trattato di un tentativo di rapina andato male, o di un'azione violenta da parte di un cliente.

«Fu un femminicidio, e come tale bisognerebbe trattarlo», la convinzione dell'amica Alessia Nobile a un anno da quel tragico giorno. «La conoscevo bene, eravamo coetanee e avevamo iniziato insieme il percorso per il cambio del sesso», ricorda l'amica. «Ambra era una persona buona, ingenua; chissà, forse è stata proprio la sua ingenuità a condurla in quella strada dove ha incontrato la morte», prosegue Alessia.

Fu proprio l'amica Alessia Nobile, a poche settimane di distanza dalla morte, a ricordare Ambra con una cerimonia pubblica: «La famiglia scelse di celebrare il funerale al maschile, vestendola con abiti da uomo - racconta l'amica Alessia. Con il supporto di don Angelo Cassano organizzammo poco dopo una commemorazione senza salma nella chiesa di San Sabino a Japigia; un'iniziativa che ho preso io per restituirle la dignità di donna vittima di violenza, accoltellata a morte».

Una perdita, quella di Ambra, che deve accendere i riflettori sull'emergenza sociale che vivono gli ultimi. Ultimo caso il tentativo di suicidio di un'altra ragazza trans sul lungomare di Bari, fortunatamente sventato da alcuni passanti. «Alla memoria di Ambra istituirò uno sportello d'ascolto, con la collaborazione di don Angelo - continua Alessia. Ho già messo in moto la macchina buricratica, si chiamerà "La Girandola" simbolo di tanti colori. Un'istituzione che offrirà sostegno psicologico ai trans nel loro percorso, un supporto contro emarginazione e solitudine. Ma aiuteremo anche tutte le "sex workers", i senzatetto e gli immigrati. Spero che il Comune di Bari possa un giorno metterci a disposizione un mezzo con cui di tanto in tanto scendere in strada e verificare eventuali situazioni di criticità, ascoltare i problemi delle ragazze, distribuire preservativi ed effettuare test Hiv. Lo devo ad Ambra».
  • Violenza
  • Omicidio
  • Comunità LGBTQI
  • violenza di genere
Altri contenuti a tema
Omicidio Lorusso a San Girolamo, ergastolo per il boss e il suo braccio destro Omicidio Lorusso a San Girolamo, ergastolo per il boss e il suo braccio destro Il manette finiscono un 56enne e un 32enne, che hanno ricevuto la condanna in via definitiva
Contrasto alla violenza sulle donne, a Bari due nuovi sportelli dedicati alle over 65 Contrasto alla violenza sulle donne, a Bari due nuovi sportelli dedicati alle over 65 Un'iniziativa realizzata in collaborazione con le associazioni di volontariato Ada e Anteas
A Bari arrivano altri due sportelli antiviolenza per donne over 65, giovedì l'inaugurazione A Bari arrivano altri due sportelli antiviolenza per donne over 65, giovedì l'inaugurazione Un'iniziativa promossa dal centro comunale in collaborazione con le associazioni Ada e Anteas
Dopo tre anni torna il Bari Pride, appuntamento il 2 luglio Dopo tre anni torna il Bari Pride, appuntamento il 2 luglio Partita una campagna di crowfunding per l'organizzazione, ecco come dare una mano
Maltrattamento e violenza intrafamiliare, se ne parla all'Università di Bari Maltrattamento e violenza intrafamiliare, se ne parla all'Università di Bari L'iniziativa è curata dallo sportello antiviolenza dell'assessorato al Welfare in ateneo
In Italia 100mila minori all'anno vittime di violenza, a Bari parte “Inviolabili: crescere bambini ben trattati” In Italia 100mila minori all'anno vittime di violenza, a Bari parte “Inviolabili: crescere bambini ben trattati” Il progetto si propone di promuovere pratiche educative sane, positive, rispettose dei bisogni della fascia 0-6 anni
Cadavere ritrovato su binari in disuso a Bari, fermato un uomo Cadavere ritrovato su binari in disuso a Bari, fermato un uomo Il giovane aveva un profondo taglio alla gola ed era seminudo
Abusi su una ragazza in ambulanza, ai domiciliari un paramedico Abusi su una ragazza in ambulanza, ai domiciliari un paramedico L'uomo, un 36enne volontario, è accusato di violenza sessuale aggravata
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.