ambra corona fiori
ambra corona fiori
Cronaca

Un anno dall'omicidio irrisolto della trans Ambra vestita da uomo al funerale

Il 23 settembre venne trovata accoltellata a San Giorgio. L'amica Alessia: «Alla sua memoria istituirò uno sportello d'ascolto»

Era il 23 settembre 2018 quando a San Giorgio, in via Alfredo Giovine sul lungomare sud di Bari, veniva trovato il corpo senza vita di Ambra, una ragazza trans morta accoltellata nella notte. Un omicidio che, dopo un anno, non ha ancora un colpevole, non ha ancora un movente, non ha ancora una spiegazione. L'arma del delitto non è mai stata ritrovata, così come è difficile stabilire con certezza cosa ci facesse Ambra in quella stradina buia, in una notte fra sabato e domenica. L'ipotesi più accreditata dagli inquirenti è che Ambra fosse lì per prostituirsi, ma ancora non è chiaro se si sia trattato di un tentativo di rapina andato male, o di un'azione violenta da parte di un cliente.

«Fu un femminicidio, e come tale bisognerebbe trattarlo», la convinzione dell'amica Alessia Nobile a un anno da quel tragico giorno. «La conoscevo bene, eravamo coetanee e avevamo iniziato insieme il percorso per il cambio del sesso», ricorda l'amica. «Ambra era una persona buona, ingenua; chissà, forse è stata proprio la sua ingenuità a condurla in quella strada dove ha incontrato la morte», prosegue Alessia.

Fu proprio l'amica Alessia Nobile, a poche settimane di distanza dalla morte, a ricordare Ambra con una cerimonia pubblica: «La famiglia scelse di celebrare il funerale al maschile, vestendola con abiti da uomo - racconta l'amica Alessia. Con il supporto di don Angelo Cassano organizzammo poco dopo una commemorazione senza salma nella chiesa di San Sabino a Japigia; un'iniziativa che ho preso io per restituirle la dignità di donna vittima di violenza, accoltellata a morte».

Una perdita, quella di Ambra, che deve accendere i riflettori sull'emergenza sociale che vivono gli ultimi. Ultimo caso il tentativo di suicidio di un'altra ragazza trans sul lungomare di Bari, fortunatamente sventato da alcuni passanti. «Alla memoria di Ambra istituirò uno sportello d'ascolto, con la collaborazione di don Angelo - continua Alessia. Ho già messo in moto la macchina buricratica, si chiamerà "La Girandola" simbolo di tanti colori. Un'istituzione che offrirà sostegno psicologico ai trans nel loro percorso, un supporto contro emarginazione e solitudine. Ma aiuteremo anche tutte le "sex workers", i senzatetto e gli immigrati. Spero che il Comune di Bari possa un giorno metterci a disposizione un mezzo con cui di tanto in tanto scendere in strada e verificare eventuali situazioni di criticità, ascoltare i problemi delle ragazze, distribuire preservativi ed effettuare test Hiv. Lo devo ad Ambra».
  • Violenza
  • Omicidio
  • Comunità LGBTQI
  • violenza di genere
Altri contenuti a tema
Carbonara, baby gang perseguita un anziano. Un 19enne beccato dalla polizia Carbonara, baby gang perseguita un anziano. Un 19enne beccato dalla polizia L'uomo sarebbe stato vittima per mesi di violenze e soprusi da parte del branco, composto anche da minorenni
Badante 52enne arrestato a Monopoli, picchiava l'anziano che doveva accudire Badante 52enne arrestato a Monopoli, picchiava l'anziano che doveva accudire L'uomo è stato sorpreso in flagranza di reato in seguito alla denuncia dei familiari del pensionato 90enne
Neonata morta in spiaggia a Monopoli, pena ridotta a 11 anni per la mamma Neonata morta in spiaggia a Monopoli, pena ridotta a 11 anni per la mamma La giovane aveva abbandonato la piccola nata sana subito dopo il parto, riconosciuta la seminfermità mentale della donna al momento del fatto
Su Raitre la terribile storia dell'omicidio di Anna Costanzo a Bari Su Raitre la terribile storia dell'omicidio di Anna Costanzo a Bari Il programma tv Commissari - sulle tracce del male ripercorre le indagini relative al caso della truccatrice del Petruzzelli
Omicidio Bruna Bovino a Mola di Bari, annullata l'assoluzione dell'ex amante Omicidio Bruna Bovino a Mola di Bari, annullata l'assoluzione dell'ex amante La decisione della Cassazione. Il processo d'appello dovrà essere celebrato di nuovo
Bari, in arrivo al Politecnico un centro antiviolenza Bari, in arrivo al Politecnico un centro antiviolenza La richiesta avanzata dal comitato studentesco Link ha suscitato l'interesse dell'assessore per le Pari Opportunità
Picchia la convivente, arrestato 40enne a Bari Picchia la convivente, arrestato 40enne a Bari L'uomo, sottoposto già al regime dell'obbligo di dimora per maltrattamenti, è stato colto in flagranza
Omicidio della senza dimora polacca "Margherita" nel 2012, arrestato il presunto colpevole Omicidio della senza dimora polacca "Margherita" nel 2012, arrestato il presunto colpevole In manette un 53enne pregiudicato, già in carcere per maltrattamenti sulla nuova compagna. Il corpo fu ritrovato nel 2017
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.