Un mezzo della polizia penitenziaria
Un mezzo della polizia penitenziaria
Cronaca

Tribunale di Bari, il detenuto perde le staffe durante l'udienza. Sei agenti in ospedale

La denuncia del sindacato di polizia penitenziaria: «Non siamo carne da macello per i carcerati»

Dà in escandescenze durante un'udienza nel palazzo di giustizia di Bari, picchiando con violenza gli agenti della polizia penitenziaria. Il fatto ha visto protagonista ieri un detenuto sotto scorta, C.A. nepalese classe 1987, proveniente dal carcere di Lecce per un'udienza. L'uomo ha mandato in ospedale sei agenti: quattro di loro con prognosi di 7 giorni e due con prognosi da 10. L'uomo ha precedenti irruenti e irrispettosi avverso il personale di vigilanza e di custodia.

«Siamo poliziotti ,non carne da macello per galeotti», dichiara l'FS-CO.S.P., sindacato di polizia penitenziaria. Si ripetono e si susseguono atti di intolleranza, oltraggio e violenza fisica contro Agenti del Corpo della Polizia Penitenziaria, una situazione che a livello nazionale vede circa 3.500 unità di polizia vittime di aggressioni. A Lecce le situazioni estremamente critiche».

«Non sembra arrestarsi il vento aggressivo che travolge le carceri Italiane, una violenza che gli ospiti degli istituti circondariali, o gran parte di essi, continuano a manifestare contro i tutori dell'ordine e della sicurezza non solo all'interno delle carceri come siamo abituati da tempo a denunciare, ma nelle aule di giustizia - dichiara Domenico Mastrulli, segretario della sigla sindacale. Solo ieri al Tribunale di Bari un recluso cittadino straniero con un fine pena al 2021, nel tentativo di divincolarsi, ha impegnato numerose unità di agenti nel tentativo di riportare ordine in aula. L'emergenza di quel momento vissuto tra urla che provenivano dal piano superiore e inferiore al Palazzo di Giustizia, ha portato uomini della scorta di diverse circoscrizioni tra cui Taranto Notp, che in quel momento presidiavano per loro mandato istituzionale altri reclusi ad accorrere. I poliziotti sono usciti dalle aule di giustizia, tra le preoccupazioni del pubblico presente in quel momento nei corridoi, per raggiungere le celle di sicurezza del Tribunale dove, finalmente, è stato allertato il 118 a causa delle esagitate condizioni del recluso, su disposizione del medico poi trasportato sotto scorta dei poliziotti di Taranto all'ospedale a Bari, per poi in serata fare rientro nel carcere di Borgo San Nicola a Lecce».

«Quello di ieri - prosegue Mastrulli - è stato un episodio che sottolinea la sua indole alla disattenzione dei regolamenti. La situazione delle 196 prigioni d'Italia, il sovraffollamento storico a quota 62mila detenuti e quella della Puglia e Basilicata oltre 4.300 reclusi contro una capienza di 2.300, le dotazioni in organico ai poliziotti D.M. 2001/ D.M: 2017 con una carenza di 12.000 unità, le oltre 130 suicidi nel corpo in questi ultimi 20 anni, le circa 3.500 aggressioni, e le pessime condizioni di qualità della vita dei lavoratori della sicurezza dello Stato, messe a dura prova da una politica del Ministero della Giustizia oramai al capolinea, sono state dalla Federazione sindacale Co.S.P. denunciate nel corso delle tre audizioni al Senato e alla Camera il 13 e 19 novembre scorso».

«In Puglia – continua Mastrulli - servirebbe un ulteriore 25% di personale rispetto alle attuali 2.350 unità così come richiesto con una specifica nota sindacale del 16 Novembre scorso indirizzata al vice presidente della commissione Giustizia, al direttore generale del personale e delle risorse del Dap Massimo Parisi e al provveditore regionale della Puglia dottor Giuseppe Martone».
  • Violenza
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Difetto di notifica nel processo escort, rinviata l'udienza di Gianpaolo Tarantini Difetto di notifica nel processo escort, rinviata l'udienza di Gianpaolo Tarantini Gli imputati si presenteranno per il giudizio di secondo grado il 19 febbraio 2020. Sono accusati di aver fatto prostituire delle donne con Berlusconi
Si accusò di omicidio per coprire la figlia, chiesta condanna a 20 anni Si accusò di omicidio per coprire la figlia, chiesta condanna a 20 anni I fatti risalgono al 2018 quando venne ucciso il pregiudicato 49enne Pierpaolo Perez, presunto amante della donna e di sua madre
Estorsioni e traffico di droga, 36 condanne nei clan Strisciuglio e Mercante Estorsioni e traffico di droga, 36 condanne nei clan Strisciuglio e Mercante Concluso il processo di primo grado. Le pene più alte per Alessandro De Bernardis e Domenico De Caro, a processo anche Pinuccio "u drogat"
Comunicare ed informare, a Bari l'incontro tra avvocati e giornalisti Comunicare ed informare, a Bari l'incontro tra avvocati e giornalisti Un seminario per avvicinare le due professioni e per fornire strumenti utili ed esperienze concrete
Bari, si parla di marketing legale e litigation PR in tribunale Bari, si parla di marketing legale e litigation PR in tribunale L'evento è organizzato dall'Ordine degli Avvocati insieme a Ferpi, appuntamento alle 15
"Generare culture non violente", tre giorni di eventi contro violenza e discriminazione a Bari "Generare culture non violente", tre giorni di eventi contro violenza e discriminazione a Bari In chiusura il 27 in piazza Balenzano ci sarà un flash mob e il murale d'artista di Giuseppe D'Asta
Bari, omicidio Sciannimanico, confermato l'ergastolo per l'assassino Bari, omicidio Sciannimanico, confermato l'ergastolo per l'assassino La Corte d'assise d'appello di Bari non concede le attenuanti dopo la parziale confessione
Bari, abusi sui figli minori, padre condannato a 14 anni Bari, abusi sui figli minori, padre condannato a 14 anni Nella stessa sentenza 4 anni alla madre, i bambini all'epoca dei fatti avevano un'età compresa tra 7 e 10 anni
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.