Telemachus Braccialetto
Telemachus Braccialetto
Attualità

Telemachus, ecco il braccialetto che monitora la diffusione del Covid

Avviata la sperimentazione sul dispositivo medico realizzato da un consorzio guidato dalla società pugliese g-nous


Monitorare la diffusione del Covid-19 attraverso un braccialetto smart e un'app che incrociano parametri vitali e dati satellitari. Controllare la salute dei pazienti a distanza in modo affidabile. Comprendere e bloccare la catena dei contagi nelle strutture sanitarie. Sviluppare modelli predittivi sull'andamento di questo e altri virus. E poi utilizzare questa tecnologia in diversi ambiti, dal lavoro al turismo, aiutando la ripresa di settori duramente colpiti dalla crisi sanitaria. Entra nel vivo Telemachus, l'ambizioso progetto di telemedicina sviluppato da un consorzio di aziende del Sud Italia guidato da g-nous, società pugliese attiva nel settore della space economy, e composto da Aulab, Nextome, SensorID, BionIT Labs e SaniLab Plus, in collaborazione con il Politecnico di Bari e co-finanziato da un bando dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) attraverso i fondi di Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e Ministero dell'Innovazione e della Digitalizzazione. I braccialetti smart prodotti, l'app e la dashboard per monitorare i dati, annunciati la scorsa estate, da alcune settimane sono in fase di test nella ASL Bari e al Policlinico Riuniti di Foggia. I dati raccolti saranno elaborati da g-nous, per analisi epidemiologiche e per lo sviluppo di modelli predittivi attraverso algoritmi di intelligenza artificiale.

Telemachus (acronimo di Telemedicine Monitoring and Collaborative Hub-and-Spoke System) è un progetto innovativo, unico nel panorama europeo. Unisce tecnologia spaziale e tecnologia terrestre, intelligenza artificiale e competenze umane, aziende private e istituzioni, in un sistema che non solo dà impulso alla lotta contro il Covid-19, ma apre anche a sviluppi di telemedicina applicabili nell'immediato futuro in più ambiti, dal lavoro al turismo. Il braccialetto smart è infatti stato certificato come dispositivo medico di Classe 2A con l'obiettivo di essere commercializzato sia in ambito ospedaliero sia aziendale.

"Il progetto Telemachus - spiega il CEO di g-nous Ruggiero Giannini - parte dalle difficoltà evidenziate dalla pandemia da Covid-19. Le strutture ospedaliere, infatti, sono state prese d'assalto dall'enorme afflusso di pazienti Covid, causando anche rallentamenti nelle cure di altre patologie. I medici di Medicina Generale non erano dotati degli strumenti necessari per monitorare in maniera efficace i pazienti in isolamento domiciliare. Tutte le attività produttive sono state interrotte o limitate a causa dell'impossibilità di garantire la sicurezza di operatori e clienti. Crediamo fortemente che la telemedicina rappresenti il futuro della sanità e della società, e che la tecnologia possa fornire un impulso a questa rivoluzione. Stiamo sperimentando un prodotto innovativo che, grazie alla cooperazione con il personale sanitario, ha l'ambizione di diventare uno strumento importante a supporto del servizio sanitario nazionale e di tutte le organizzazioni private che avranno necessità di garantire la sicurezza nei propri contesti operativi. Immaginiamo un futuro in cui ogni persona abbia la possibilità di essere assistita in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Al di là della pandemia che stiamo vivendo, stiamo concependo un servizio utile non soltanto durante l'emergenza Covid, ma applicabile anche ad altre patologie e altri contesti di rischio. Contiamo di rendere il prima possibile questa tecnologia disponibile a tutti. Siamo inoltre già in contatto con diverse realtà, anche estere, per sviluppi e integrazioni applicabili in diversi settori, quali ad esempio il turismo e la sicurezza sul lavoro".

IL BRACCIALETTO SMART. Il dispositivo è il cuore del progetto. Esteticamente simile a un orologio, realizzato in Puglia e composto internamente da diversi sensori biomedici, ha una doppia funzione: rileva i parametri vitali di chi lo indossa e comunica con i sistemi di geolocalizzazione spaziali (i satelliti) o terrestri (dispositivi BLE Bluetooth Low Energy). Attualmente monitora frequenza cardiaca, temperatura corporea, ossigenazione del sangue (SpO2) ed elettrocardiogramma (ECG). I dati sono inviati in tempo reale ai medici che li esaminano da mobile attraverso l'app (disponibile su dispositivi iOS e Android) e da desktop attraverso una dashboard web. Sono già allo studio diverse implementazioni e integrazioni di dati rilevati con altri sensori, includendo parametri come la frequenza respiratoria. Il braccialetto si ricarica attraverso una piastra magnetica e non ha display: in quanto dispositivo medico, il suo scopo è inviare dati certificati a un professionista collegato in remoto, l'unico capace di analizzarli correttamente. Non è dunque in alcun modo assimilabile a uno fra i tanti smartwatch in commercio. Tutte le componenti e le tecnologie sono realizzate da aziende del consorzio: la barese g-nous coordina le attività del progetto e sviluppa l'intelligenza artificiale, Aulab (Bari) ha sviluppato l'app e la dashboard, Nextome (Bari) il sistema di posizionamento, Sensor ID (Campobasso) ha curato la progettazione dei sensori e gli aspetti di comunicazione del sistema, BionIT Labs (Lecce) si è occupata della progettazione e della produzione del braccialetto, SaniLab Plus (Bari) dell'arruolamento dei medici di base e degli aspetti di consulto medico all'interno del sistema. Il Politecnico di Bari ha fornito una supervisione tecnico-scientifica e sta curando l'andamento della fase pilota. La sperimentazione è attualmente in corso nella ASL Bari e al Policlinico Riuniti di Foggia in due contesti differenti: il monitoraggio sul territorio, secondo un modello hub and spoke, fra i pazienti dei medici della ASL Bari, e il monitoraggio all'interno di strutture sanitarie fra il personale sanitario del Policlinico di Foggia.

SPERIMENTAZIONE MODELLO HUB AND SPOKE NELLA ASL BARI. I braccialetti smart sono già in dotazione alla Medicina Generale della ASL Bari ed è in corso la distribuzione dei dispositivi a un campione di pazienti - selezionato da esperti epidemiologi e statistici - per monitorarne a distanza i parametri vitali. Qui la sperimentazione segue un modello hub and spoke: il monitoraggio diffuso sul territorio è reso possibile dai dispositivi distribuiti e dall'app che inviano in tempo reale i dati al medico di Medicina Generale (Spoke) sotto il controllo della ASL Bari (Hub).

"Telemachus - conferma il dott. Vincenzo Contursi, medico di Medicina Generale presso la ASL Bari - è un sistema integrato di telemedicina che consente di monitorare e gestire in remoto i pazienti Covid in tutte le fasi della malattia, anche grazie alla carta del rischio clinico e le tele-visite su appuntamento. L'esperienza maturata in questi mesi conferma la validità della innovazione digitale nella tutela della salute dei cittadini e nel salto di qualità della pratica clinica del Medico di Famiglia".

RELAZIONI FRA CONTAGI E CONDIZIONI AMBIENTALI. Il plus che rende Telemachus un sistema di telemedicina unico è la capacità di incrociare i parametri vitali con le condizioni ambientali grazie al sistema di posizionamento GNSS e alla modularità del sistema. Si potrà dunque capire quanto influiscono ad esempio lo smog, le variazioni di temperatura e altri fattori climatici o sociali sulla catena dei contagi. Informazioni fondamentali per sviluppare modelli predittivi sulle epidemie come quella da Covid-19. Il tutto, con la sicurezza di un sistema di codifica dei dati che garantisce l'anonimato delle persone che indossano il dispositivo.

APPLICAZIONI NEL LAVORO E NEL TURISMO. La tecnologia sviluppata ha margini di applicazioni ben più ampi rispetto alla Medicina Generale e alle strutture ospedaliere. "Il progetto Telemachus – spiegano infatti i proff. Antonio Messeni Petruzzelli e Umberto Panniello del Politecnico di Bari – potrà offrire importanti implicazioni per sviluppare nuovi modelli e strategie per il monitoraggio, utili a sostenere la ripresa di tutti quei comparti che hanno subito le ripercussioni della pandemia da Covid-19". In contesti lavorativi estremi, ad esempio, il braccialetto può monitorare in tempo reale i parametri vitali dei lavoratori e prevenire malori, riducendo gli incidenti e preservando la salute del personale. E anche nel turismo, in ecosistemi chiusi come le navi da crociera o i villaggi, così come sperimentato al Policlinico Riuniti di Foggia, Telemachus consente di garantire la sicurezza di operatori e clienti.

  • Asl Bari
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Aumentano i casi Covid a Bari, in due giorni da 41 si è passati a 111 Aumentano i casi Covid a Bari, in due giorni da 41 si è passati a 111 Il totale delle persone in isolamento è pari a 172, in data 26 luglio. La maggioranza ha tra 20 e 29 anni
Puglia, sono 163 i nuovi positivi al Covid: registrato un decesso Puglia, sono 163 i nuovi positivi al Covid: registrato un decesso Bari prima provincia per contagi (52), sono stati 12494 i tamponi analizzati
Bollettino Covid, 137 nuovi casi in Puglia su oltre 11 mila tamponi Bollettino Covid, 137 nuovi casi in Puglia su oltre 11 mila tamponi Sono 30 i positivi registrati in provincia di Bari, il totale dei ricoverati è pari a 88
Bollettino Covid, altri 56 positivi in Puglia, ma il totale dei casi scende a 1.800 Bollettino Covid, altri 56 positivi in Puglia, ma il totale dei casi scende a 1.800 Si registrano 3 decessi, e i ricoverati diventano 83. Effettuati 4.189 test, Bari segna un +13
Casi Covid in aumento in Puglia (+164), ma il numero dei ricoverati resta stabile Casi Covid in aumento in Puglia (+164), ma il numero dei ricoverati resta stabile Nella provincia di Bari sono 43 i positivi registrati, il totale in Regione supera quota 2.200
Coronavirus in Puglia, altri 138 casi. Il totale dei positivi supera di nuovo quota 2mila Coronavirus in Puglia, altri 138 casi. Il totale dei positivi supera di nuovo quota 2mila Effettuati 13.143 test, la provincia di Bari fa segnare un +37. Tutti i dati
Covid: a Bari leggero aumento dei contagi, prosegue la campagna vaccinale Covid: a Bari leggero aumento dei contagi, prosegue la campagna vaccinale I Comuni con zero contagi sono 16, si confermano 9 quelli con un solo caso settimanale e 10 si attestano in una forbice tra 2 e 5 casi
Bari, da 500 a 1500 euro per le attività colpite dalla crisi Covid Bari, da 500 a 1500 euro per le attività colpite dalla crisi Covid In pubblicazione la nuova misura, ecco chi può accedervi e come presentare domanda
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.