Pino gesmundo
Pino gesmundo
Scuola e Lavoro

Sicurezza sul lavoro, Gesmundo (Cgil): «In Puglia media di un morto a settimana»

Il segretario generale del sindacato: «Lo scorso anno abbiamo contato 53 deceduti e 31mila infortuni»

«Un morto a settimana in Puglia. Tre morti al giorno di media in Italia. La prima impellente necessità è non limitarsi a guardare questi dati pensando a semplici numeri e statistiche: sono vite umane distrutte, sono famiglie devastate e quasi sempre lasciate sole. Non bastano le indignazioni e la costernazione, mai come in questa fase in cui si somma anche l'emergenza sanitaria, occorre una massima attenzione al rispetto delle persone e del lavoro». Così il segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, in occasione della giornata dedicata alle vittime del lavoro in Italia che si è celebrata domenica 11 ottobre.

«Lo scorso anno abbiamo contato 53 deceduti, ma non meno preoccupante è il dato degli infortuni, quasi 31mila che significano 84 incidenti ogni giorno - dettaglia Gesmundo. Infortuni che significano spesso menomazioni fisiche e traumi psicologici. Nei primi otto mesi del 2020 già registriamo 37 morti contro i 31 dello stesso periodo dello scorso anno. Nonostante il diffuso blocco produttivo causato dal virus. Ventuno di questi si registrano nel settore da sempre che presenta incidenze maggiori, ovvero quello dell'industria e servizi con 21 vittime. Cala il numero di infortuni da gennaio ad agosto, da 20mila a 14.500, e anche in questo caso quasi l'80 per cento degli incidenti si registra nell'industria».

Un aumento del numero delle vittime sul lavoro in questi primi mesi dell'anno è legato alla diffusione del virus: sono state 10 le denunce mortali, mentre 1.246 quelle di infortunio da Covid. «Il dato più eclatante riguarda chi lavora nei servizi socio sanitari, da cui proviene il 73% delle denunce di infortunio per infezione. Abbiamo un prezzo alto all'inizio quando non tutte le strutture erano dotate di dispositivi di prevenzione e sicurezza, e oggi che il virus torna a girare in modo importante la speranze è che tutte le strutture, dagli ospedali alle Rsa – siano attrezzate a garanzia di chi lavoro e dei pazienti», prosegue Gesmundo.

«La sicurezza del lavoro deve essere una delle priorità delle politiche nel Paese, dal punto di vista legislativo sul versante della prevenzione e formazione, di contro le percentuali di irregolarità altissime che si registrano, come certifica il report dell'Ispettorato nazionale del lavoro e che sfiorano il 70%, a fronte dell'oggettivamente basso numero di imprese interessate dai controlli, spingono quasi all'impunità e alla violazione delle norme. È allora fondamentale la presa di coscienza dei lavoratori, anche lì dove non ci sono le rappresentanze sindacali per la sicurezza. Ma sappiamo bene come in una fase dove il lavoro è sempre più precario, possono svilupparsi dinamiche perverse dove lo scambio reddito-sicurezza comporta spesso rischi maggiori e incidenti», insiste il segretario generale della Cgil Puglia.

«Come Cgil – conclude Gesmundo – siamo fortemente impegnati in attività di formazione degli Rls, che devono conoscere le norme e l'organizzazione produttiva dei luoghi di lavoro, per individuare criticità e soluzioni possibili che mettano al riparo l'integrità di chi lavora. Prevenzione e formazione e partecipazione dei lavoratori sono le strade da seguire per fermare questa guerra che si chiama lavoro. Non si può e non si deve morire, o infortunarsi o ammalarsi nell'adempimento dell'elemento centrale della nostra società che è il lavoro, men che meno se questo accade solo per massimizzare i profitti di imprenditori senza scrupoli».
  • Sicurezza
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Sicurezza stradale, nel 2021 elevate 644 sanzioni per un totale di 237 mila euro di multe Sicurezza stradale, nel 2021 elevate 644 sanzioni per un totale di 237 mila euro di multe Il comandante Palumbo: «I proventi saranno utilizzati per il miglioramento di attrezzature e infrastrutture della città»
Covid, i sindacati incontrano Emiliano: «Subito task force per riattivare il confronto interrotto» Covid, i sindacati incontrano Emiliano: «Subito task force per riattivare il confronto interrotto» Cgil, Cisl e Uil: «Bisogna progettare anche il futuro post-pandemia. Necessario discutere sull'utilizzo dei fondi europei»
Covid, i sindacati attaccano Lopalco: «Meno televisione e più confronto» Covid, i sindacati attaccano Lopalco: «Meno televisione e più confronto» Cgil, Cisl e Uil tirano le orecchie all'assessore regionale: «Porti più rispetto per la rappresentanza»
Contratti, assunzioni e sicurezza: a Bari la manifestazione dei lavoratori del pubblico in piego Contratti, assunzioni e sicurezza: a Bari la manifestazione dei lavoratori del pubblico in piego La protesta in piazza Prefettura. I sindacati: «In molti non hanno aderito perché ricoprono funzioni indifferibili»
I lavoratori del pubblico impiego scioperano a Bari, domani manifestazione in piazza Prefettura I lavoratori del pubblico impiego scioperano a Bari, domani manifestazione in piazza Prefettura Lo stato di agitazione è stato indetto da Cgil, Cisl e Uil: «Stop precariato. Dallo Stato arriva la peggiore offerta di impiego»
Asl Bari riprende l'inter per le progressioni orizzontali, i sindacati «Agitazione sospesa» Asl Bari riprende l'inter per le progressioni orizzontali, i sindacati «Agitazione sospesa» Cgil, Cisl, Uil e Fials esultano: «Non faremo mai mancare la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro»
Asl Bari, niente bando per la progressione orizzontale. I sindacati: «Venerdì sciopero» Asl Bari, niente bando per la progressione orizzontale. I sindacati: «Venerdì sciopero» Cgil, Cisl, Uil e Fials annunciano manifestazione in piazza Prefettura per il 20 novembre
Anche a Bari protesta a sostegno dei lavoratori sanitari, sit-in davanti al Policlinico Anche a Bari protesta a sostegno dei lavoratori sanitari, sit-in davanti al Policlinico La manifestazione di Cgil, Cisl e Uil: «Sicurezza degli operatori e rinnovo del contratto. Con Emiliano vogliamo confronto»
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.