La manifestazione alla Del Prete
La manifestazione alla Del Prete
Attualità

Scuola Del Prete, primario: «Fermare il trasloco delle classi»

Animata assemblea nel pomeriggio di ieri, presente il consigliere Bronzini "attaccato" da genitori e cittadini

Si continua a lottare per evitare la chiusura della scuola "Carlo Del Prete". Nel pomeriggio di ieri si è tenuta davanti al portone, in quanto il dirigente non ha concesso l'utilizzo del cortile della scuola, una animata assemblea a cui hanno partecipato comitati, cittadini, commercianti ed ex alunni. Assente anche se invitato il sindaco Decaro, che ha incontrato una delegazione dei comitati il giorno prima. Presente, invece, per l'amministrazione comunale, il consigliere Marco Bronzini, le cui parole hanno però scatenato una "rivolta" dei presenti che lo hanno "attaccato" gridando: «Questa scuola deve rimanere una scuola». Il consigliere da parte sua ha dichiarato: «Dobbiamo guardare avanti e non indietro a quello che siamo stati».

«Questa assemblea avrebbe dovuto svolgersi nel cortile della scuola, ma il dirigente scolastico non ce lo ha concesso - queste le parole di Tonia Guerra, ex docente e anima della lotta per tenere aperta la scuola - La Carlo Del Prete è in mezzo ad una strada in tutti i sensi. Il sindaco nell'incontro di ieri a cui ho partecipato ha smentito il presidente di Municipio, Smaldone e ci ha proposto un compromesso, tenere aperta la scuola in un piano dell'edificio, e adibire l'altro piano agli uffici del Municipio II».

«Non riteniamo - sottolinea Guerra - che questa possa essere una soluzione, in quanto questa opzione non significa rilanciare la scuola ma marginalizzarla. In questo momento di pandemia, in cui si cercano spazi per i ragazzi, questa proposta ci sembra una contraddizione. Per cui chiediamo al sindaco di fermare tale proposta e di operare attivamente, per quanto di sua competenza, perché questa scuola torni a rifiorire. Il calo di iscrizioni di cui si parla per quanto riguarda questa scuola non è dovuto al calo demografico, ma ad una politica e gestione scolastica che ha disincentivato le iscrizioni indirizzando genitori e docenti contro il loro parere verso un altro plesso. Denunceremo all'USR cosa è successo dietro a questo portone in questi anni».

«Questa scuola è un patrimonio della collettività che deve essere tutelato», ha sottolineato Terry Marinuzzi, presidente di La Scuola che Vogliamo - Scuole Diffuse in Puglia. E i genitori hanno lanciato il loro appello: «Chiediamo che la scuola rimanga aperta, vogliamo che questa scuola resti viva. Non è giusto che venga chiusa per diventare servizi per gli adulti. Noi vogliamo restare qui, dobbiamo incentivare le iscrizioni che negli scorsi anni sono state rifiutate per motivi politici».

Ora il passo più urgente è cercare di fermare il trasloco delle classi in un altro plesso, facendo tornare non solo i ragazzi alla Del Prete ma anche docenti e uffici. Nel frattempo continua la raccolta firme cartacea e online, e i Comitati procederanno con la richiesta di incontri oltre che al Comune e al Municipio II anche con l'USR.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Monitoraggio Covid a scuola, a Bari si parte con i test salivari Monitoraggio Covid a scuola, a Bari si parte con i test salivari «Strumento utile a monitorare la circolazione del virus tra bambini e adolescenti tornati a seguire le lezioni in presenza»
No alla DaD e alle classi pollaio. Scuola in protesta a Bari No alla DaD e alle classi pollaio. Scuola in protesta a Bari «Non accetteremo un altro anno “a singhiozzo” , vogliamo garanzie di presenza e continuità»
Scuola in protesta a Bari, i sindacati: «No al doppio turno» Scuola in protesta a Bari, i sindacati: «No al doppio turno» Nonostante le rassicurazioni del prefetto giunte dalla riunione di ieri si lotta contro gli ingressi scaglionati
Scuola, incontro tra presidi e Prefetto a Bari. Previsto monitoraggio sui doppi turni ad ottobre Scuola, incontro tra presidi e Prefetto a Bari. Previsto monitoraggio sui doppi turni ad ottobre I dirigenti hanno chiesto la possibilità di avere maggiore autonomia rispetto alle misure indicate
I dirigenti scolastici di Bari contro il doppio turno, in 56 scrivono al Prefetto I dirigenti scolastici di Bari contro il doppio turno, in 56 scrivono al Prefetto «Lo scaglionamento degli orari di ingresso e di uscita produce seri problemi nella gestione del personale docente e non docente»
Il biliardo come strumento di apprendimento, via al progetto della Fibis a Bari e in Puglia Il biliardo come strumento di apprendimento, via al progetto della Fibis a Bari e in Puglia Famiglietti: «Obiettivo dare la possibilità agli alunni di poter apprendere le materie in maniera più leggera, ma allo stesso tempo molto efficace»
Ritorno a scuola a settembre, a Bari arriva il "Banco dei Desideri" Ritorno a scuola a settembre, a Bari arriva il "Banco dei Desideri" Sarà possibile acquistare materiale scolastico per i propri figli o nipoti e, contemporaneamente, comprare libri, giochi educativi e vari prodotti di cartoleria da donare
La scuola a Bari riparte col doppio turno, il 25% degli studenti entrerà alle 9.40 La scuola a Bari riparte col doppio turno, il 25% degli studenti entrerà alle 9.40 Verrà elaborato un "documento operativo" che preveda la possibilità di una differenziazione di inizio lezioni
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.