Il nuovo centro commerciale
Il nuovo centro commerciale
Attualità

Santa Caterina, il nuovo centro commerciale aprirà il 28 febbraio

Unieuro sta già allestendo i suoi spazi in cui si trasferiranno i due negozi di viale Pasteur e Japigia, dubbi sul futuro dei dipendenti

Il nuovo centro commerciale no food di Santa Caterina, che tanto sta facendo parlare di sé, sembra essere pronto ad aprire. I lavori per la sistemazione della viabilità sono quasi terminati e di ieri è la notizia che Unieuro sta allestendo i suoi spazi per un'apertura prevista tra il 28 e il 29 febbraio.

Il colosso dell'elettronica trasferirà nel nuovo centro i due negozi attualmente presenti all'interno dei centri commerciali di viale Pasteur e Bari Japigia, quest'ultimo già chiuso da qualche giorno. E si concretizzano quindi le voci che, dal maggio scorso, parlavano di un accorpamento dei due store cittadini in un unico negozio all'interno della nuova struttura.

Al momento, almeno per i circa 40 dipendenti, non ci saranno cambiamenti anche se l'azienda ha già messo le mani avanti parlando di possibili esuberi quantificati in circa 7 o 8 unità full time. «C'è una dichiarazione dell'azienda in base a delle proiezioni di fatturato sul nuovo punto vendita che parla di possibili esuberi - dichiara Antonio Miccoli di Filcams Cgil - come sindacato abbiamo rigettato tale affermazione al mittente, perché fatta solo su proiezioni senza sapere quale potrà essere il vero fatturato nel primo anno della nuova struttura, senza sapere come andrà il nuovo centro commerciale. La problematica sta nel fatto che il nuovo negozio va ad assorbire due organici in una superfici più ampia, ma non tale da essere due negozi insieme. Ma il problema dovrà porsi effettivamente solo quando ci saranno dei dati reali».

«Entrambi i negozi confluiranno nel nuovo centro di Santa Caterina - gli fa eco Marco Dell'Anna di Uiltucs - l'azienda ha posto una questione relativa a presunti esuberi, ma tutto è rimandato al confronto successivo che si terrà nel mese di aprile. Ci sarà da verificare prima l'andamento della nuova apertura».

E sono in molti anche a chiedersi che senso abbia "svuotare" di negozi i centri già esistenti per riempire una nuova struttura.
  • centro commerciale
Altri contenuti a tema
Ressa in un ipermercato di Bari per un'offerta, interviene Decaro Ressa in un ipermercato di Bari per un'offerta, interviene Decaro Il sindaco: «È assurdo che in questo momento si facciano prevalere le ragioni del profitto su quelle della salute dei cittadini»
Emergenza coronavirus, chiusura domenicale per i principali supermarket della gdo del sud Italia Emergenza coronavirus, chiusura domenicale per i principali supermarket della gdo del sud Italia Tra gli aderenti Megamark e Carrefour, le domeniche interessate dalla non apertura sono il 22 e il 29 marzo
Prevenzione Coronavirus, i centri commerciali di Bari optano per la sanificazione Prevenzione Coronavirus, i centri commerciali di Bari optano per la sanificazione Nella galleria di Casamassima e a Bariblu nelle scorse ore si sono svolte le operazioni di disinfezione
Nuovo centro commerciale a Santa Caterina, ufficiale l'apertura il 28 febbraio Nuovo centro commerciale a Santa Caterina, ufficiale l'apertura il 28 febbraio Al momento sono tre i negozi che inaugureranno venerdì la nuova struttura, ecco chi sono
Conad in Puglia: «Disposti a cedere aree gratis se chi subentra prende i dipendenti» Conad in Puglia: «Disposti a cedere aree gratis se chi subentra prende i dipendenti» In Commissione Attività Produttive alla Camera il segretario Imolese ha fatto il punto della situazione, nessun licenziamento nel 2020 ma 3 mila esuberi
Conad a Casamassima, il sindaco Nitti scrive ai sindacati Conad a Casamassima, il sindaco Nitti scrive ai sindacati «Il domani di tante famiglie non può essere subordinato soltanto a un freddo calcolo»
Conad mette in cassa integrazione 9 mila dipendenti, futuro nero anche in Puglia Conad mette in cassa integrazione 9 mila dipendenti, futuro nero anche in Puglia La comunicazione ai sindacati da Margherita Distribuzione, domani incontro a Roma per la procedura di mobilità delle sedi precedentemente aperta dall'impresa
Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto Fumata nera dall'incontro tra sindacati e azienda, Filcams Cgil: «Mai firmeremo un accordo che tuteli solo parte dell'occupazione»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.