Luciano Suriano
Luciano Suriano
Enti locali

Sanità pugliese, mancano quasi mille medici in ospedali e strutture sanitarie

La denuncia nelle parole dott. Luciano Suriano, vice segretario Organizzativo CIMO Nazionale: «La Puglia non può più attendere»

Una situazione disastrosa nella sanità pugliese ed ancora una volta a farne le spese sono i cittadini utenti. Quasi un migliaio sono infatti i medici mancanti negli ospedali e nelle strutture sanitarie pugliesi, numeri che vanno ad aggiungersi al deficit di oltre diecimila specialisti in tutta Italia. Un disagio frutto del mancato rinnovo al 31 dicembre 2018 del contratto dei medici dipendenti, riguarda anche la palese violazione da parte del Governo italiano della sentenza costituzionale del 2015 che ha sancito l'illegittimità costituzionale del blocco della contrattazione collettiva del pubblico impiego.

«La violazione di accordi confederali - si legge in una nota del sindacato dei medici - ha spinto la CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri a ricorrere direttamente alla Corte Europea dei diritti umani (Cedu) contro le istituzioni italiane. Il ricorso è stato presentato lo scorso 2 gennaio 2019».

«Questa situazione rende impossibile il raggiungimento dei Lea (Livelli essenziali di assistenza) - dichiarano il presidente Nazionale della CIMO, dott. Guido Quici, il Coordinatore delle Regioni CIMO Nazionale, dott. Antonio Oliva e il Vice segretario Organizzativo CIMO Nazionale, il dott. Luciano Suriano - La Puglia non può più attendere La carenza di medici. La tutela del diritto alla salute dei cittadini si garantisce se il sistema sanitario persegue obiettivi di salute e non obiettivi di bilancio, come purtroppo è accaduto negli ultimi anni a causa di un modello aziendalista di gestione della Sanità con i risultati che tutti conosciamo: sempre meno medici, sempre più anziani, sempre più 'sfruttati'. Sino ad arrivare, a breve, al collasso del sistema, che non sarà più in grado di garantire ai cittadini un'assistenza di qualità».

E Luciano Suriano prosegue: «Le persistenti richieste di Cimo di chiarimenti sui fondi che dovevano essere accantonati per il rinnovo contrattuale da parte delle Regioni, sono state ignorate; ciò ha costretto il sindacato a una diffida e successivamente alla segnalazione alla Corte dei Conti, facendo emergere situazioni che occorre chiarire in tempi rapidi. Ed è su questi elementi di dettaglio che si muove nello specifico la procedura di class action contro Regioni e Aran che verranno indicati alla Magistratura da Cimo come i responsabili del mancato rinnovo del contratto di lavoro entro la scadenza di legge, responsabili verso i quali si chiedono anche i danni per il disagio subito dai medici dipendenti in questa lunga fase di discriminazione e stallo».

Adesso, con questo atto giudiziario, si rompe finalmente l'impasse e si decide di rivolgersi ai giudici di Strasburgo. Oltre al ricorso alla Cedu, la CIMO ha dato il via a una class action, aperta ad ogni singolo cittadino, contro le Regioni e l'ARAN per la stessa motivazione circa il mancato rinnovo del contratto. «È un dovere morale per la CIMO attivare le azioni giudiziarie presso la Corte Europea contro chi non ha palesemente voluto il rinnovo del contratto di lavoro per I medici dipendenti. È questo il nostro primo atto ufficiale del 2019, cui seguiranno altri di non minore rilevanza».
    © 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.