Pupi e Antonio Avati a Bari per il Bif&st
Pupi e Antonio Avati a Bari per il Bif&st
Eventi e cultura

Pupi Avati a Bari: «Il cinema può ripartire da eventi come il Bif&st»

Il regista al festival riceverà stasera il Premio Tonino Guerra per il soggetto del suo ultimo film insieme al fratello Antonio

«Siamo a Bari per il Bif&st perché è importante per il cinema, e per chi ci lavora, che il settore riparta dopo il Coronavirus, e per ripartire questi eventi sono fondamentali».

Con queste parole Pupi Avanti, regista icona del cinema italiano, spiega la sua scelta di ritirare in presenza, insieme al fratello Antonio Avati, il Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto per il suo film "il Signor Diavolo". La premiazione si terrà stasera, in piazza Prefettura.

Il ritorno all'horror di Pupi Avati coincide con l'anno forse più difficile per il cinema italiano. Perché questa scelta?

Pupi Avati: La scelta di tornare all'horror, genere che ha caratterizzato la prima parte della mia carriera, non è casuale. Questo film non solo spaventa, ma parla di paura, in un momento in cui la paura del Coronavirus rischia di non farci tornare alla nostra vita. Inoltre, il cinema italiano sembra che ormai si sia rassegnato alla commedia, ma non è possibile limitarsi a girare solo commedie. Ritengo che sia necessario tornare ad un cinema di genere che negli anni '70, insieme a quello western, faceva conoscere l'Italia all'estero.

Come mai avete scelto di essere presenti al Bif&st per ritirare il Premio Tonino Guerra per il Miglior Soggetto?

Pupi Avati: Siamo qui perché il nostro Paese deve dimostrare con questi eventi di essere vivo. L'epidemia ci ha portato via troppo, e questa seconda 0ndata era ampiamente prevedibile, ma non dobbiamo farci abbattere dal virus. Dobbiamo tornare all'incasso e farci risarcire di quanto abbiamo perso. Il Bif&st è il primo festival dopo la pandemia, ed è per questo da applaudire e apprezzare.

Restando in tema Coronavirus, come può l'industria cinematografica risollevarsi dopo il lockdown?

Pupi Avati: Proprio con eventi come il Bif&st, noi siamo qui oggi dopo essere venuti da Roma in macchina e dopo la premiazione partiamo per Ferrara. Riteniamo molto importante che ci sia questo Festival in questo momento, e più visibilità ha questo Festival in questo momento, più ne possono trarre vantaggio tutti quelli che fanno questo mestiere.
Antonio Avati: Facendo sacrifici pazzeschi come quelli che stiamo facendo noi.

Vi aspettavate di avere questo premio al Bif&st, dopo aver ottenuto anche il Nastro d'Argento? Cosa rappresenta per voi?

Antonio Avati: Questo premio è molto importante essendo il Bif&st una delle manifestazioni più importanti del cinema italiano. Segue il premio per la stessa categoria avuto al Nastro d'Argento, e ci dispiace enormemente che sia assente il terzo sceneggiatore, il figlio di Pupi, Tommaso, che purtroppo è stato assente anche ai Nastri d'Argento.
  • Bif&st
  • Cinema
Altri contenuti a tema
"La vita davanti a sé", il film di Sophia Loren girato a Bari dal 13 novembre su Netflix "La vita davanti a sé", il film di Sophia Loren girato a Bari dal 13 novembre su Netflix Pubblicato il trailer. Decaro: «Grande emozione. Spero tutti impariamo ad amare di più la nostra città»
Bari, addio all'attore Vito Cassano. Fu "Saddam" nel film "Mio cognato" Bari, addio all'attore Vito Cassano. Fu "Saddam" nel film "Mio cognato" A darne notizia il regista Alessandro Piva: «Un uomo grande forza e sensibilità»
A Bari le riprese della serie Lolita Lobosco. Il set sul molo San Nicola A Bari le riprese della serie Lolita Lobosco. Il set sul molo San Nicola Lo sceneggiato sarà girato interamente fra il capoluogo e Monopoli. Luisa Ranieri e Alessio Vassallo i protagonisti
Bari, in Fiera del Levante l'esposizione permanente sulla storia del cinema Bari, in Fiera del Levante l'esposizione permanente sulla storia del cinema La mostra è organizzata nella nuova Apulia film house, presenti anche sceneggiature di pellicole girate nella nostra regione
Un ring nella piazzetta di Torre a Mare, a Bari si gira “Upside Down” di Luca Tornatore Un ring nella piazzetta di Torre a Mare, a Bari si gira “Upside Down” di Luca Tornatore Il film parla di un giovane statunitense con sindrome di Down che diventa un campione delle arti marziali miste
La versione restaurata di "LaCapaGira" chiude il sipario sul Bif&st a Bari La versione restaurata di "LaCapaGira" chiude il sipario sul Bif&st a Bari Serata conclusiva con Alessandro Piva in piazza Prefettura accompagnato da Paolo Sassanelli e Dino Abbrescia
La città di Bari promuove il Bif&st post Covid, edizione 2021 a fine settembre La città di Bari promuove il Bif&st post Covid, edizione 2021 a fine settembre Giornata conclusiva del festival, tempo di bilanci. Laudadio: «Evento radicato sul territorio e inestirpabile»
Bif&st a Bari, il programma dell'ultima giornata e i vincitori di "Panorama Internazionale" Bif&st a Bari, il programma dell'ultima giornata e i vincitori di "Panorama Internazionale" Il premio per la miglior regia se lo aggiudica Evgeny Ruman per il film israeliano Golden Voices (Kolot Reka), migliore attrice protagonista è Lauren Coe
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.