iperdurum pane proteico
iperdurum pane proteico
Attualità

Progetto "Iperdurum", ecco il pane proteico realizzato dai ricercatori dell'Università di Bari

Il nuovo prodotto sarà presentato e degustato ad Altamura dal 16 al 18 settembre prossimi

Sarà presentato e degustato nell'ambito della tre giorni di "Murgia a morsi – Sagra della pecora", ad Altamura dal 16 al 18 settembre, il pane super-proteico prodotto nell'ambito di Iperdurum, progetto incentrato sulla "Filiera frumento duro: innovazione varietale, qualità e tracciabilità delle produzioni pugliesi".

Progetto Iperdurum nasce dalla ricerca condotta dall'Università degli Studi di Bari per una cerealicoltura pugliese più sostenibile. È iniziato negli scorsi mesi con un'attività di concertazione dal basso, coadiuvata dalla Vueffe Consulting, ed è proseguito attraverso la realizzazione di workshop tematici su tutto il territorio pugliese, da cui sono emersi i fabbisogni delle aziende agricole e di quelle di trasformazione. Capofila del progetto è l'azienda Coop La Piramide, referente scientifico la professoressa Agata Gadaleta docente di genetica vegetale nel dipartimento di Scienze agro ambientali e territoriali dell'Università degli studi di Bari Aldo Moro, e tra i partner, c'è la Cia - Agricoltori italiani di Puglia.

Il super pane


Durante "Murgia a morsi – Sagra della Pecora", a partire da venerdì 16 settembre alle ore 18 negli spazi del monastero del soccorso ad Altamura, nello stand dedicato a Iperdurum sarà l'azienda PanBiscò (bisco.it), partner del progetto, a presentare il pane realizzato sperimentalmente con quattro diverse qualità di grani autoctoni: "Maciste", "Saragolla", "Marco Aurelio" e "Iride".

I visitatori della manifestazione potranno degustare il pane prodotto nell'ambito del progetto di ricerca. A loro, inoltre, sarà consegnato un consumer test per esprimere una valutazione di ciò che hanno assaporato. «Il pane prodotto con i grani autoctoni ha un contenuto proteico superiore alla media - spiega Luigi Picerno, titolare dell'azienda Biscò di Altamura. Ha valori nutritivi di assoluto rilievo, un sapore e un profumo intensi, ed è caratterizzato inoltre da un'ottima capacità di conservazione delle sue migliori proprietà per almeno otto giorni dal momento in cui è stato sfornato».

La ricerca


"Iperdurum" è un progetto di ricerca finanziato con i fondi del PSR PUGLIA 2014/2020, Misura 16 – Cooperazione – Sottomisura 16.2 "Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie". Con un grano e una semola più proteici, anche la pasta e il pane prodotti nell'ambito di Iperdurum possiedono valori energetici e nutrizionali maggiori. Questo significa che per il fabbisogno nutritivo-alimentare, quantità più moderate di pane e di pasta saranno sufficienti a garantire lo stesso apporto nutritivo assicurato oggi da fette e porzioni più grandi. Una vera e propria 'rivoluzione' in campo agricolo e agroalimentare nel segno della salubrità degli stili di vita alimentari, della sostenibilità e redditività per le aziende del comparto alimentare.

Pasta e pane 100% grano pugliese

Iperdurum interessa tutta la Puglia, con riguardo particolare all'area di Altamura e a quella di Foggia, vale a dire le zone con più forte vocazione alla produzioni di grano duro, pasta e pane. Tra gli obiettivi di Iperurum, infatti, c'è soprattutto la valorizzazione dell'intera filiera delle spighe dorate pugliesi. Cia -a gricoltori italiani, assieme alle sue aziende associate, è uno dei partner principali di Iperdurum.

Il convegno


Di Iperdurum si discuterà sabato 17 settembre, dalle ore 18.30, nel corso del convegno che si terrà durante "Murgia a morsi" incentrato su "Cibo e territorio nella transizione ecologica". Sarà Agata Gadaleta, dell'Università di Bari, a relazionare proprio su Iperdurum. La mission di Iperdurum è quella di soddisfare il bisogno di innovazione varietale per coltivazioni di frumento duro, strumento indispensabile per offrire produzioni ad elevato valore aggiunto, assicurare la salubrità del prodotto e prevenire il rischio dello sviluppo di micotossine. È volto, quindi, alla valutazione di varietà di frumento duro nuove e tradizionali da impiegare nella trasformazione per la produzione di pane e pasta top di gamma.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Progetto “L'ECOzze &co”, l'Università di Bari sul podio del "Premio Invitalia per l'imprenditorialità" Progetto “L'ECOzze &co”, l'Università di Bari sul podio del "Premio Invitalia per l'imprenditorialità" L'idea è stata sviluppata da tre studenti: Donatella Alessia Lopopolo, Rosito Claudio e Maria Elena Buompane
Corridoi universitari, arrivato a Bari il gruppo degli studenti rifugiati Corridoi universitari, arrivato a Bari il gruppo degli studenti rifugiati Sono i beneficiari dell’iniziativa UNICORE 4.0 - University Corridors for Refugees, promosso dall’Unhcr
Università di Bari, il professor Miano nuovo segretario generale del Ciheam Università di Bari, il professor Miano nuovo segretario generale del Ciheam La votazione si è tenuta venerdì scorso a Parigi
Rifugiati con borse di studio per corridoi universitari, coinvolta anche l'UniBa Rifugiati con borse di studio per corridoi universitari, coinvolta anche l'UniBa Arrivato ieri a Fiumicino il primo gruppo, che studierà in 33 atenei italiani compreso quello barese
L'Università di Bari nel Meet, il progetto che studia l'evoluzione tettonica dell'Italia L'Università di Bari nel Meet, il progetto che studia l'evoluzione tettonica dell'Italia Ricerca finanziata nell'ambito della Missione 4 “Istruzione e Ricerca” del Pnrr con 43 milioni di euro
Parti pretermine, da Uniba un algoritmo per prevederli Parti pretermine, da Uniba un algoritmo per prevederli Sviluppato dai ricercatori baresi Tangaro, Bellotti, De Angelis, Novielli, Romano, Pantaleo, Vacca, Monaco e Amoroso
Giustizia "agile", se ne parla in un meeting all'Università di Bari Giustizia "agile", se ne parla in un meeting all'Università di Bari L'evento si terrà giovedì 10 e venerdì 11 novembre 2022 con inizio alle 14.30
Università di Bari, una ricerca calcola le probabilità di eruzione di tre vulcani napoletani Università di Bari, una ricerca calcola le probabilità di eruzione di tre vulcani napoletani Allo studio hanno partecipato anche l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il British Geological Survey
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.