leggenonugualepertutti
leggenonugualepertutti
Cronaca

Processo Pandora, 90 condanne per i clan Diomede-Capriati e Mercante di Bari

Tra i capi d'accusa: associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale

Sono stati condannati a pene tra gli 11 anni e 4 mesi ai 4 anni e 6 mesi di reclusione 90 imputati su 91 del processo Pandora, tutti affiliati ai due clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari. Il processo è stato celebrato con rito abbreviato, gli imputati rispondevano a vario titolo di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale.

Alla lettura del dispositivo, nell'aula bunker di Trani, hanno assistito il procuratore Giuseppe Volpe e i pm che hanno coordinato le indagini, Lidia Giorgio e Renato Nitti. Le condanne più elevate sono state comminate tra gli altri al boss Nicola Diomede di Bari, condannato a 11 anni e 4 mesi e al boss bitontino Domenico Conte (10 anni e 8 mesi).

Le condanne sono così ripartite: 51 imputati sono stati riconosciuti appartenenti all'associazione mafiosa denominata "clan Mercante/Diomede"; 36 imputati sono stati riconosciuti appartenenti all'associazione mafiosa denominata "clan Capriati"; 2 imputati sono stati condannati per aver preso parte, nel tempo, ad entrambe le consorterie mafiose e 1 imputato è stato condannato per rapina aggravata e sequestro di persona.

Nel processo Pandora avrebbe dovuto trovare spazio l'esame delle posizioni di altri 6 soggetti, tutti però deceduti per morte violenta a causa di lesioni da colpi d'arma da fuoco e sono: Diomede Cesare (ucciso nel 2011); Matera Nicola (ucciso nel 2012); Villoni Massimiliano (ucciso nel 2012); Sifanno Donato (ucciso nel 2014); Luisi Luigi (ucciso nel 2016); Fiorile Gaetano (ucciso nel 2017).

Il giudice ha inoltre condannato gli imputati al risarcimento danni nei confronti delle parti civili costituite nel processo, ovvero il Comune di Bari, il Comune di Terlizzi e l'associazione Antiracket di Molfetta.
  • mafia
Altri contenuti a tema
Fuochi pronti ad essere esplosi in via Nicolai, scatta il sequestro Fuochi pronti ad essere esplosi in via Nicolai, scatta il sequestro Nonostante la denuncia del sindaco e la rimozione delle luminarie ci si preparava alla festa
Festa "mafiosa" in strada a Bari, denuncia in Questura del sindaco Festa "mafiosa" in strada a Bari, denuncia in Questura del sindaco Decaro: «Il 2 febbario 2020, su un isolato di via Nicolai, ci sarà la nostra città, non la festa di un clan»
Dopo il commissariamento Valenzano si schiera contro la mafia Dopo il commissariamento Valenzano si schiera contro la mafia La nuova amministrazione sotto il sindaco Romanazzi ha deciso di aderire alla carta di Avviso Pubblico
Minacce e intimidazioni, Cellamare dice no alla criminalità Minacce e intimidazioni, Cellamare dice no alla criminalità Appuntamento martedì 14 gennaio con la manifestazione contro gli ultimi episodi mafiosi in paese
Anche la città di Bari alla manifestazione di Libera contro le mafie a Foggia Anche la città di Bari alla manifestazione di Libera contro le mafie a Foggia Questo pomeriggio sfilerà il sindaco Antonio Decaro, presidente dell'Associazione nazionale dei comuni italiani
Offrono "protezione" ad un imprenditore, arrestati in 4. Tra loro Michele Parisi Offrono "protezione" ad un imprenditore, arrestati in 4. Tra loro Michele Parisi L'accusa è estorsione aggravata dal metodo mafioso, chiesti 15 mila euro al mese ad un centro scommesse di Grumo Appula
Estorsione, usura, riciclaggio, 36 arresti a Bari Estorsione, usura, riciclaggio, 36 arresti a Bari Tra le persone coinvolte ci sarebbero appartenenti ai clan Anemolo, Strisciuglio e Capriati
Faida nei clan Parisi-Palermiti e Busco, arrestato l'ultimo latitante Faida nei clan Parisi-Palermiti e Busco, arrestato l'ultimo latitante L'uomo si era nascosto a Bitetto. Su di lui pende l'accusa di omicidio aggravato dal metodo mafioso
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.